Società

Emanuele Gaetani Liseo si qualifica per Parigi 2024 con l’ammiraglia azzurra

martedì 21 Maggio 2024

Emanuele Gaetani Liseo si qualifica per Parigi 2024 con l’ammiraglia azzurra

Un centesimo di secondo per fare la storia. È con questo distacco minimo che Emanuele Gaetani Liseo è riuscito con l’Otto azzurro questa mattina a Lucerna a qualificarsi per i Giochi di Parigi 2024. Erano a disposizione solo due pass per quattro imbarcazioni: Usa, Italia, Canada e Austria. Mentre gli Stati Uniti hanno fatto gara a sé, dietro è stata battaglia, con l’Italia all’inizio leggermente attardata rispetto a Canada e Austria.

È nella seconda parte che l’Italia prima sorpassa l’Austria e poi dà fondo a tutte le energie per riacciuffare i canadesi, che negli ultimi 500 metri avevano un vantaggio di quasi tre secondi. Ci sono volute tutta la determinazione e la concentrazione di Matteo Della Valle (Fiamme Oro/SC Moltrasio), Jacopo Frigerio (Fiamme Gialle/SC Lario), Emanuele Gaetani Liseo (Marina Militare/SC TeLiMar), Salvatore Monfrecola (Marina Militare), Davide Verità (Marina Militare/SC Monate), Gennaro Di Mauro (CC Aniene), Leonardo Pietra Caprina (Fiamme Gialle), Vincenzo Abbagnale (Marina Militare) e della timoniera Alessandra Faella (CUS Torino) per riuscire a recuperare il gap e chiudere al traguardo con il tempo di 5.39.52, contro i 5.39.53 dei canadesi.

Una gioia immensa sia per i tecnici Marco Costantini e Dario Durante, presenti a Lucerna a supportare il “mastino” di Piana degli Albanesi, sia per i dirigenti, lo staff e gli altri atleti della Canottieri TeLiMar rimasti a casa. Per la prima volta nella sua storia, infatti, il Club dell’Addaura parteciperà con un suo canottiere alle Olimpiadi.

Marcello Giliberti, Presidente TeLiMar: «Il pass olimpico, il primo nel canottaggio nella nostra storia – con la pallanuoto fra nostri atleti italiani e stranieri avevamo già consolidato alcune partecipazioni a Tokyo – staccato con Emanuele, ha per noi un significato particolare, pervadendoci intimamente. E questo perché lui è il primo atleta interamente forgiato da noi. È stato infatti selezionato nell’ambito di un corso di avviamento organizzato oltre 15 anni fa a Piana degli Albanesi con il supporto della locale Amministrazione comunale per promuovere il canottaggio nel territorio e parallelamente reperire giovani talentuosi da inserire nella nostra squadra agonistica. Dopo un costante durissimo lavoro, cui Manu si è quotidianamente costantemente sottoposto, sempre sostenuto dal nostro Club che ha creduto incondizionatamente in lui, ha raggiunto questo straordinario obiettivo in maniera totalmente meritata.

Ragazzo straordinario, determinato, coerente, sereno, trainante, è sempre stato seguito dal nostro direttore tecnico Marco Costantini, che lo ha fatto crescere fisicamente, mentalmente e tecnicamente. Il lavoro è stato negli ultimi mesi poi completato dalla Marina Militare, in cui è stato incorporato all’inizio di questa stagione sportiva, mantenendo comunque il tesseramento TeLiMar. Oggi abbiamo gioito con mia sorella Federica, mio fratello Giorgio, con tutto il mio staff, e con tutto il mondo del canottaggio cittadino che è molto legato a noi e ad Emanuele. Siamo in attesa di riabbracciarlo, pronti ad organizzargli una adeguata celebrazione insieme all’Amministrazione comunale di Piana degli Albanesi ed all’Amministrazione comunale di Palermo».

Alessia Anselmo
Addetta stampa TeLiMar