Società

Dieci anni senza il Colonnello Gaetano Bellantuono

mercoledì 22 Giugno 2022

Dieci anni senza il Colonnello Gaetano Bellantuono

SABAUDIA. Il tempo vola. Mai come in questo caso è realtà, infatti oggi ricorre il decennale della scomparsa del Colonnello Gaetano Bellantuono, comandante del III Nucleo Atleti Fiamme Gialle di Sabaudia dal 1987 al 2011. Sabaudiano doc, aveva iniziato a praticare canottaggio negli anni Sessanta ben figurando come vogatore di livello nazionale.

Entrò nel corpo della Guardia di Finanza il 20 novembre 1966. Sotto la sua guida, i canoisti e i canottieri del III Nucleo Atleti di Sabaudia hanno conquistato 14 medaglie olimpiche, 24 Titoli di Campioni del Mondo nelle categorie assolute e un numero impressionante di Titoli Italiani.

Tra i risultati più eclatanti ottenuti dai suoi atleti, certamente il bottino di medaglie conquistate nel 1996 ai Giochi Olimpici di Atlanta dove Antonio Rossi e Beniamino Bonomi per la canoa ottennero rispettivamente due ori e due argenti, mentre nel canottaggio Agostino Abbagnale conquistò l’oro e la prima medaglia olimpica per le Fiamme Gialle nel canottaggio.

Il Colonnello Bellantuono ha dedicato la sua vita non solo allo sport di vertice ma, con la stessa passione, si è dedicato anche all’attività della Sezione Giovanile, grazie a lui divenuta fiore all’occhiello delle Fiamme Gialle di Sabaudia. La sua lungimiranza ha permesso che dalle giovanili gialloverdi uscissero fuori campioni del calibro di Alessio Sartori, Simone Venier e Matteo Lodo.

Nella sua carriera oltre ad essere stato per 24 anni il Comandante del III Nucleo Atleti Fiamme Gialle di Sabaudia, è stato Vice Presidente Esecutivo delle Gruppo Nautico Fiamme Gialle, Consigliere della Federazione Nazionale Canoa Kayak e Consigliere Regionale del Comitato Lazio della FIC.

Andrea Tranquilli

Sponsor e Partner

Partner istituzionali

CONI
logo-comitato-italiano-paralimpico-1
ICS
INAIL