Comitati / News

Limite e Pazzagli regalano quattro sorrisi tricolori per la Toscana a Piediluco

mercoledì 29 Giugno 2022

Limite e Pazzagli regalano quattro sorrisi tricolori per la Toscana a Piediluco

PISA. Ancora grande Toscana quando si parla di tricolori in palio. Questa volta, ai Campionati Italiani Fondazione CARIT di Piediluco, per le categorie Under 23, Under 17 (ex Ragazzi) e Esordienti, a rubare la scena è la Canottieri Limite, il club remiero più antico d’Italia – fondazione 1861 – che regala al presidente Busoni e allo staff tecnico rappresentato dalla storica famiglia Borsini una splendida doppietta Under 17: Elia Ceccanti, Tommaso Laganà, Edoardo De Vito, Leonardo Sostegni, con il timoniere Lorenzo Scaffi, dominano letteralmente prima la finale del quattro con maschile su Posillipo e Varese, poi nel primo pomeriggio si regalano il bis nel quattro senza, davanti stavolta ad Armida e Fiamme Gialle, in una finale più tirata e davvero spettacolare.

Per la Toscana a Piediluco arrivano altri due titoli italiani, in maglia Gavirate ma dal sapore viareggino grazie ad Andrea Pazzagli, campione d’Italia Under 23 con la corazzata gaviratese prima in doppio maschile, su CUS Torino e Murcarolo, e poi in quattro di coppia, su Varese e ancora CUS Torino. Manca l’appuntamento con il tricolore, ma conquista due argenti e due bronzi, la Canottieri Firenze. Nel due senza Under 17 maschile sfiorano il titolo Tancredi Mancuso e Giovanni Paoli, secondi a poco più di due secondi dal Corgeno e davanti al Candia 2010, mentre sono argento nel quattro con Under 23 femminile Maria Orzalesi, Aurora Vassalli, Costanza Cola, Anxhela Gjondrekaj e Fulco Mancuso al timone, dietro le triestine del Saturnia ma davanti alle torinesi degli Amici del Fiume. I due bronzi fiorentini sono invece firmati nelle categorie maschili Under 23 dal quattro con di Mattia Ferrini, Giorgio Cecchini, Guido Pagliaro, Lorenzo Rasoli e Guido Pagliaro al timone (oro Gavirate, argento CUS Ferrara) e nel quattro senza con Cosimo Chiappi, Gabriele Codecasa, Rocco Terramoccia e Marco Bizzarri (oro Savoia Napoli, argento Cerea Torino).

Due medaglie d’argento anche per l’Arno Pisa, con il doppio Under 17 maschile di Diego Galletti e Francesco Carrara dietro al Barion e davanti all’Arolo, e con il quattro senza Under 23 femminile di Clara Massaria, Chiara Di Pede, Emma Cuzzocrea e Nina Frati, dietro la Lario di Como e davanti al Cerea. Citazione d’obbligo per Galletti e Carrara, autori di una splendida finale testa a testa con la barca barese, risoltasi al fotofinish in favore del Barion per appena due centesimi di secondo, un’inezia che priva i ragazzi di Nicola Iannucci dell’acuto tricolore, ma che nulla toglie alla loro straordinaria prestazione.

Infine, per la Toscana del remo, altre due medaglie di bronzo. Nella gara più partecipata di ogni categoria remiera, il singolo, in questo caso maschile Under 17, exploit di Alberto Magagnini dei VV.F. Tomei di Livorno, terzo alle spalle dei soli portacolori del San Giorgio e della Giudecca di Venezia. Nel quadruplo Pesi Leggeri Under 23 maschile invece, è bronzo il D’Aloja Chiusi, con Francesco Valdambrini, Marco Poggiani, Andrea Colucci e Lorenzo Caciotti terzi dietro Cernobbio e Varese.

Niccolò Bagnoli – Ufficio Stampa Comitato FIC Toscana –

Sponsor e Partner

Partner istituzionali

CONI
logo-comitato-italiano-paralimpico-1
ICS
INAIL