News

Coppa del Mondo Lucerna. Risultati e resoconti SEMIFINALI e RECUPERI

sabato 22 Maggio 2021

Coppa del Mondo Lucerna. Risultati e resoconti SEMIFINALI e RECUPERI


LUCERNA, 22 maggio 2021


DOPPIO PESI LEGGERI MASCHILE
Prima semifinale – i primi tre in finale gli altri in finale B
: gara autorevole dell’Italia di Ruta e Oppo che dal via si proiettano in avanti dettando le regole di corsa. Una condotta di gara che viene ostacolata solo dalla Germania che le sta praticamente attaccata ad ogni rilevamento del tempo e che vede prima Italia seguita dalla Germania e poi più staccato il Belgio. Sul finale la barca tedesca vuole vincere a tutti i costi e attacca la formazione azzurra che prima reagisce e poi sul finale lascia sfogare i tedeschi che vincono per poco più di un secondo. Italia seconda e in finale. 1. Germania 6.38.52, 2. Italia (Pietro Willy Ruta-Fiamme Oro) 6.39.59, 3. Belgio2 6.46.83, 4. Svizzera 6.48.85, 5. Polonia 6.58.84, 6. Cile 6.59.60.
Seconda semifinale – i primi tre in finale gli altri in finale B: 1. Irlanda 6.36.95, 2. Belgio1 6.41.19, 3. Norvegia1 6.42.94, 4. USA 6.53.18, 5. Portogallo1 6.56.71, 6. Cina 6.58.03.


SINGOLO SENIOR MASCHILE
Prima semifinale – i primi tre in finale gli altri in finale B
: 1. Norvegia1 7.23.11, 2. Lituania2 7.25.02, 3. Lituania1 7.27.66, 4. Grecia 7.40.96, 5. Bielorussia 7.51.72, 6. Belgio 7.57.87.
Seconda semifinale – i primi tre in finale gli altri in finale B: partenza con 37 colpi di passo per il danese Nielsen che viene superato da Di Mauro che a trecento metri dalla partenza è primo in alternanza con la Danimarca che a 500 metri passa al comando con alle spalle Germania1 e l’Italia. A meta gara è Germania1 a condurre tallonata da Danimarca e Italia. Il tedesco Zeidler è sempre primo anche a 1500 metri seguito da Danimarca e Italia e sul finale, mentre si scatena la bagarre per le tre posizioni di passaggio, Gennaro Di Mauro non riesce a mantenere il contatto e viene staccato da Germania, Danimarca, Irlanda e superato anche dal Giappone. Per l’Italia, che chiude al quinto posto, si apre la finale B dal sesto al dodicesimo posto al termine di una condotta di gara sempre generosa. 1. Germania1 7.09.09, 2. Danimarca 7.10.17, 3. Irlanda 7.12.29, 4. Giappone 7.14.81, 5. Italia2 (Gennaro Di Mauro-CC Aniene) 7.30.47, 6. Repubblica Ceca 7.34.83.


QUATTRO SENZA SENIOR MASCHILE
Recupero – i primi due in finale gli altri in finale B
: con oltre quaranta colpi di partenza prende il via il recupero con l’Italia di Di Costanzo, Abagnale, Rosetti e Castaldo lanciati all’inseguimento di Olanda2. Al primo rilevamento dei 500 metri l’Italia è dietro di soli tre centesimi dall’Olanda2. Subito dopo Castaldo e compagni lanciano un attacco al cardiopalmo e si portano al comando prima dei 1000 metri. Primi a metà gara e anche ai 1500 metri con alle spalle Olanda2 e Svizzera1. Nelle battute conclusive la barca olandese attacca nuovamente gli azzurri che mantengono la posizione e sul finale fanno scorrere certi di aver superato lo scoglio del recupero. Olanda2 e Italia nella finale di domani con autorevolezza. 1. Olanda2 6.12.53, 2. Italia (Marco Di Costanzo-Fiamme Oro, Giovanni Abagnale-Marina Militare, Bruno Rosetti-CC Aniene, Matteo Castaldo-Fiamme Oro/RYCC Savoia) 6.12.73, 3. Svizzera1 6.15.25, 4. Olanda1 6.17.21, 5. Irlanda 6.21.50, 6. Svizzera2 6.27.24.


DOPPIO SENIOR FEMMINILE
Recupero – i primi due in finale gli altri in finale B
: lotta nel recupero tra i due armi azzurri con l’Italia1 di Buttignon e Guerra che, dopo un passaggio iniziale alle spalle della Cina, a metà gara passa al comando dopo aver sferrato un attacco alla Cina e a Olanda2. Pappalardo e Serafini sono quarte, ma in contatto con le battistrada. A 1500 metri Italia1 è sempre in testa al gruppo seguita da Olanda2, risalita di posizione dopo aver superato Cina1.


Sul finale Italia1 di Buttignon e Guerra vincono il recupero seguite da Olanda2, mentre Italia2 di Pappalardo e Serafini agguantano la terza posizione, ma troppo distante dal secondo posto olandese valido per l’accesso in finale. Italia1 in finale e Italia2 in finale B. 1. Italia1 (Stefania Buttignon-Fiamme Oro/SC Timavo, Clara Guerra-Fiamme Gialle/CC Pro Monopoli) 7.27.80, 2. Olanda1 7.30.63, 3. Italia2 (Carmela Pappalardo, Ludovica Serafini-CC Aniene) 7.32.86, 4. Cina1 7.34.15, 5. Cina2 7.36.32.


DUE SENZA SENIOR MASCHILE
Primo recupero – i primi due in finale gli altri in finale B
: 1. Gran Bretagna 6.57.79, 2. Bielorussia 7.02.44, 3. Spagna 7.07.18, 4. Germania 7.12.86, Svizzera DNS.
Secondo recupero – i primi due in finale gli altri in finale B: è il Sudafrica a imporre da subito il ritmo di gara e con trentotto colpi transita primo ai 500 metri seguita dalla barca azzurra di Lodo e Vicino che sono secondi con un centesimo di vantaggio su Francia2, terza. Ma a settecento metri è la Romania che va a condurre dopo essere risalita dal quarto posto iniziale. A metà gara praticamente sono tutti attaccati ed al passaggio intermedio transitano nell’ordine Romania e a 37 centesimi l’Italia con il Sudafrica che inizia a pagare la partenza troppo forte. Italia che attacca e passa al comando a 1400 metri e al passaggio dell’ultima frazione è prima davanti alla Romania con il Sudafrica praticamente fuorigioco. Finale con il due senza azzurro che vince il recupero e va in finale seguito dalla Romania e dal Sudafrica. 1. Italia (Matteo Lodo, Giuseppe Vicino-Fiamme Gialle) 6.52.46, 2. Romania 6.54.25, 3. Sudafrica 6.59.98, 4. Francia2 7.06.97, 5. Cile 7.11.32.


SINGOLO PESI LEGGERI MASCHILE
Prima semifinale – i primi tre in finale gli altri in finale B
: 1. Francia1 7.35.46, 2. Irlanda 7.35.59, 3. Cile 7.36.00, 4. Francia2 7.36.56, 5. Svezia 7.55.45, 6. Giappone 8.03.06.
Seconda semifinale – i primi tre in finale gli altri in finale B: lotta in casa in questa semifinale con Goretti e Torre a lottare per centrare la finale. Una condotta di gara che vede Goretti primo ai 500 e 1000 metri seguito subito da Torre che non molla un colpo per tenere a bada gli inseguitori. Ed è Algeria2 che ha meta gara prova a impensierire i due azzurri, ma subito dopo viene superata da Germania1, che transita terza sempre alle spalle dei due azzurri dopo aver superato la barca algerina.


Il finale è passerella azzurra con Goretti che vince e Torre secondo, seguiti a ruota e a distanza da Germania1. Un preludio per una finale di lusso da seguire nel pomeriggio che ci regalerà grandi emozioni. 1. Italia2 (Martino Goretti-Fiamme Oro) 7.36.29, 2. Italia1 (Niels Alexander Torre-SC Viareggio) 7.38.57, 3. Germania1 7.39.21, 4. Germania2 7.40.70, 5. Algeria2 7.46.40, 6. Portogallo 8.11.60.


SINGOLO PESI LEGGERI FEMMINILE
Prima semifinale – i primi tre in finale gli altri in finale B
: buona la partenza di Cesarini che si lancia subito in avanti seguita a ruota dall’Olanda1 e, al rilevamento della prima frazione, le due imbarcazioni sono appaiate con la Francia al terzo posto. Subito dopo la gara diventa a tre con lotta tra Italia2, Cina e Olanda2 che ai mille metri transitano quasi punta a punta. Ma è Federica Cesarini che alza il ritmo per tenere il vantaggio. La Cina attacca e si porta al comando ai 1400 metri con l’Italia incollata che spinge ancora per rimanere in zona passaggio del turno. Sul finale si scatena la bagarre e mentre la Cina va a vincere Cesarini viene attaccata dall’Olanda1, ma sul finale l’azzurra reagisce e si piazza terza alle spalle di Olanda2. Italia in finale. 1. Cina 8.29.84, 2. Olanda2 8.32.41, 3. Italia2 (Federica Cesarini-Fiamme Oro/Gavirate) 8.33.42, 4. Olanda1 8.34.13, 5. Francia 8.38.24, 6. Bielorussia1 9.06.56.


Seconda semifinale – i primi tre in finale gli altri in finale B: determinata e aggressiva, Paola Piazzolla si proietta subito in avanti e inizia a fare il ritmo imponendosi sulle inseguitrici. Prima al passaggio di tutte le frazioni intermedie con alle spalle l’Irlanda che attacca in continuazione. Una fantastica regata che sul finale vede l’Irlanda superare l’azzurra che però continua a lottare per contenere il ritorno della Svizzera2 che, sotto le tribune, tenta il colpaccio anche per dare spazio a Svizzera1 che da dietro spinge per rientrare nelle tre posizioni valide per il passaggio. Ma il traguardo sancisce la vittoria irlandese con la Piazzolla che agguanta il secondo posto e vola in finale. Semifinale dura e combattuta con un epilogo favorevole all’Italia. 1. Irlanda 8.32.81, 2. Italia1 (Paola Piazzolla-VVF Billi) 8.34.03, 3. Svizzera2 8.34.36, 4. Svizzera1 8.35.40, 5. Gran Bretagna 8.43.25, 6. Germania 8.49.65.

Tabella Riassuntiva Risultati Azzurri
Speciale World Rowing Cup II – Lucerna

Sponsor e Partner

Partner istituzionali

CONI
logo-comitato-italiano-paralimpico-1
ICS
INAIL