News

Tricolori indoor Pararowing: doppietta per la SC Armida nella giornata dei record

domenica 16 Dicembre 2018

Tricolori indoor Pararowing: doppietta per la SC Armida nella giornata dei record


CHIANCIANO TERME, 16 dicembre 2018
– Grande spettacolo a Chianciano Terme per l’assegnazione dei titoli italiani Indoor Rowing delle categorie Pararowing. Vittoria nella finale PR1 maschile per Fabrizio Caselli (SC Firenze), l’azzurro che domina su Giuseppe Di Lelio (The Core) e Francesco Maglione (Ilva Bagnoli), realizzando anche il nuovo record italiano di categoria con 4.05.40, abbassando il suo precedente primato di 4.07.60, risalente a due anni fa. Vittoria del titolo italiano e record nazionale PR2 maschile per Gianfilippo Mirabile (SS Murcarolo), che con 3.29.60 cancella il primato (3.32.10) di un altro azzurro, Daniele Stefanoni (CC Aniene), che resisteva dal 2014, mentre l’argento è per Massimo Spolon (Gavirate). Lorenzo Bernard (SC Armida) vince la finale PR3 maschile su Alessandro Brancato (RYC Savoia) e Federico Pappalardo (CC Irno).


Altri due record italiani nelle gare femminili. Arianna Riccucci (SC Armida) vince la finale PR2 maschile con 4.37.30, polverizzando il suo precedente primato di 4.56.80, risalente al 2014 e battendo sul traguardo Chiara Lando (SS Murcarolo). Nella finale PR3 femminile Greta Elizabeth Muti (Olona 1894) vince il titolo italiano su Mariaclara Della Verde (SC Orbetello) e Caterina Cavuoti (Gavirate) col tempo record di 3.40.80 (battuto il 3.49.20 di Lucilla Aglioti del 2014). Nelle gare ID infine, vincono Francesco Maria Di Donato (Accademia del Remo) tra i maschi su Stefano Macchi (Gavirate) e Lorenzo Mazzoletti (SC Menaggio), e Elisabetta Tieghi (Gavirate) tra le femmine sulla compagna di squadra Serena Giorgetti e su Sarah El Laban (SC Armida).

LEGENDA PARAROWING
PR3: l’atleta utilizza tutto il corpo: gambe, tronco e braccia. Appartengono a questa categoria atleti ed atlete non vedenti, amputati ad un arto o con altre minime disabilità fisiche.
 
PR2: l’atleta utilizza solo il tronco e le braccia. Appartengono a questa categoria gli atleti e le atlete che non hanno l’uso delle gambe o gli amputati a tutti e due gli arti inferiori
 
PR1: l’atleta utilizza solo le braccia e le spalle. Appartengono a questa categoria tutti gli atleti e le atlete che hanno subito lesioni alla colonna vertebrale e compromesso l’uso delle gambe e del tronco.

ID (INTELLECTUAL DISABILITY): atleti con disabilità intellettiva e relazionale.

Speciale Campionati Italiani Indoor Rowing – Chianciano Terme

Sponsor e Partner

Partner istituzionali

CONI
logo-comitato-italiano-paralimpico-1
ICS
INAIL