News

Le dichiarazioni dei protagonisti in finale agli Europei Assoluti

giovedì 2 Agosto 2018

Le dichiarazioni dei protagonisti in finale agli Europei Assoluti

STRATHCLYDE, 02 agosto 2018


Alessandra Patelli (SC Padova, due senza Senior femminile): “Abbiamo fatto la nostra gara, fino a poco dopo i 1000 metri siamo state lì con l’Ucraina, poi abbiamo chiamato un via e siamo riuscite a sfilarla. Il campo fortunatamente rispetto ai primi giorni, quando era molto ondoso, questa volta era molto buono, e speriamo rimanga così. Le sensazioni fisiche sono abbastanza buone, era importante questa prima gara per rompere il ghiaccio, soprattutto dopo un mese in altura in cui abbiamo lavorato a bassi colpi. Speriamo sabato di riuscire a tenere qualche colpo in più e di giocarcela con gli altri equipaggi, credo principalmente Romania, Olanda e Gran Bretagna, tutte e tre nell’altra batteria nelle qualifiche di oggi”.


Luca Rambaldi (Fiamme Gialle, quattro di coppia Senior maschile): “Oggi, grazie all’esperienza maturata in Coppa del Mondo a Linz e alle tirate in allenamento, siamo più consapevoli del nostro potenziale e di quello dei nostri avversari. Sapevamo che in batteria la Polonia ci avrebbe dato filo da torcere, e che Gran Bretagna e Olanda nell’altra qualifica avrebbero lottato tra loro. Stamattina non abbiamo fatto un’ottima gara ma abbiamo reagito sempre agli attacchi avversari, e questo è ciò che conta. Adesso che abbiamo spinto sull’acceleratore e messo in moto i pistoni siamo pronti per la finale”.


Filippo Mondelli (Fiamme Gialle-Moltrasio, quattro di coppia Senior maschile): “E’ andata bene, volevamo vincere perché non sapendo quali condizioni troveremo sabato, così siamo più sicuri che in caso di maltempo, al di là della corsia che ci spetterebbe da piazzamento, se dovessero riposizionarle avremo comunque la corsia migliore. Siamo soddisfatti, il nostro cammino però è iniziato oggi per concludersi solo sabato, quando dovremo fare il meglio possibile. Le sensazioni erano buone, non stavamo benissimo fisicamente ma da qui a sabato possiamo migliorare tanto, sia fisicamente che mentalmente”.


Clara Guerra (Fiamme Gialle-Pro Monopoli, singolo Pesi Leggeri femminile): “È stata una bellissima gara, volevo passare subito senza andare ai recuperi, ma non era facile anche perché avendo concluso da pochissimo il Mondiale Under 23 tornare subito in acqua non era facile, anche perché ho avuto problemi di schiena e quindi la preparazione per il Mondiale ne ha risentito, e per questo sono qui anche per riscattarmi. Sono partita convinta, meglio rispetto al solito, ho mantenuto bene il confronto con la Francia anche se era davanti, poi ho ingaggiato una bella lotta con la Germania, nessuna delle due voleva mollare, però non avevo intenzione di lasciarla passare e così, come spesso mi capita nelle mie tattiche di gara, ho incrementato nella seconda parte e sono passata avanti. In generale sono soddisfatta di come ho condotto la gara e del risultato ottenuto, adesso spero solo di recuperare bene e che in finale vada tutto come deve andare. Da parte mia prometto che ci metterò il cuore perché vada tutto bene”.


Kiri Tontodonati (Fiamme Oro-CUS Torino, singolo Senior femminile): “Questa è stata solo la mia terza gara in singolo a livello internazionale, e sento di essere cresciuta molto in questa specialità. Oggi ho gareggiato con maggiore consapevolezza, sono contenta della regata di stamani, grazie alla quale ho ottenuto il pass per quella che sarà la mia prima finale in campo internazionale nel singolo. Per questo non smetterò mai di ringraziare il DT Franco Cattaneo, Stefano Fraquelli e Luigi Arrigoni, oltre a Fiamme Oro e CUS Torino che mi sostengono sempre anche da lontano”.

Speciale Campionati Europei Senior e Pesi Leggeri – Glasgow

Sponsor e Partner

Partner istituzionali

CONI
logo-comitato-italiano-paralimpico-1
ICS
INAIL