News

Tokyo 2020. Le decisioni dell’Executive Board del CIO

sabato 10 Giugno 2017

Tokyo 2020. Le decisioni dell’Executive Board del CIO


ROMA, 10 giugno 2017 – Ieri il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) attraverso un Comunicato Stampa, che si allega per chi ha intenzione di leggerlo per intero, e oggi la FISA, attraverso una mail inviata a tutte le Federazioni Nazionali, hanno comunicato che Il Comitato Esecutivo (EB) ha approvato il programma di eventi per i Giochi Olimpici di Tokyo 2020. In sintesi, la proposta passata al Congresso di Tokyo è stata approvata dal CIO e, quindi, il raggiungimento dell’equità di genere tra uomini e donne alle Olimpiadi di Tokyo è ora ufficiale con il quattro senza femminile che prende il posto del quattro senza pesi leggeri. Di fatto la decisione rappresenta anche un’evoluzione del programma olimpico per il quale è previsto, oltre al notevole miglioramento della parità di genere in tutte le discipline sportive, anche la riduzione del numero complessivo di atleti che parteciperanno ai Giochi Olimpici.

Per comprendere meglio quello che è accaduto, ricordiamo che, per quanto riguarda il canottaggio, dal regolamento delle qualifiche per i Giochi di Rio 2016 gli atleti partecipanti in totale erano 550 (331 maschi e 219 femmine), ora invece con le raccomandazioni del CIO, che ha previsto per il canottaggio una decurtazione di –24 atleti, gli atleti partecipanti a Tokyo saranno 526 (263 maschi e 263 femmine) con una perfetta parità di genere raggiunta. Tutto questo è ritenuto dalla FISA un risultato soddisfacente, se si tiene conto delle sforbiciate che il CIO ha imposto alle altre discipline olimpiche (vedi Comunicato Stampa CIO) tra le quali l’atletica leggera che avrà -105 atleti, il sollevamento pesi -64, lotta -56, gli sport acquatici -40, la vela -30, il tiro a segno -30. Tutti tagli che porteranno a una diminuzione di 285 atleti ai Giochi di Tokyo 2020.

Ma non è finita perché l’Executive Board del CIO ha introdotto ulteriori 64 posti per il basket a 3 e tagliato complessive 220 quote per riportare il numero degli atleti partecipanti a 10.600 con l’obiettivo di arrivare a 10.500 atleti in occasione delle Olimpiadi del 2024. Una situazione in itinere, quindi, e con la FISA che sta lavorando sul sistema di qualificazione olimpica per i Giochi del 2020 in base al quale saranno individuati anche il numero di equipaggi per ogni specialità. Le prime proposte verranno rese note a Poznan durante la II Prova di Coppa del Mondo e poi, in seguito, perfezionate fino ad arrivare all’approvazione durante il Congresso programmato a Sarasota (Florida) al termine del Campionato del Mondo Assoluto.

CIO Press Release