News

Racice. Risultati e resoconti BATTERIE

sabato 23 Maggio 2015

Racice. Risultati e resoconti BATTERIE

RACICE (CZE), 23 maggio 2015

SINGOLO MASCHILE
prima batteria – i primi due in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Ungheria (TamáS Szegedi 8.11.83, 2. Bielorussia (Uladziaslau Staliarou) 8.17.70, 3. Bulgaria (Atanas Naydenov) 8.32.73, 4. Ucraina (Kostiantyn Prodan) 8.34.935. Portogallo (Tiago Susano) 8.43.60.
seconda batteria – i primi due in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Germania (Henrik Runge) 8.04.94, 2. Repubblica Ceca (Miroslav Jech) 8.08.31, 3. Norvegia (Adrian Lindgren) 8.09.90, 4. Svezia (Eskil Borgh) 8.25.22, 5. Slovenia (Tim Mahne) 8.27.32.
terza batteria – i primi due in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Belgio (Ruben Claeys) 8.13.14, 2. Lettonia (Tits Ralfs Verpakovskis) 8.18.22, 3. Croazia (Tomislav Canic) 8.23.20, 4. Francia (Louis Garcia) 8.24.43, 5. Estonia (Nikita Konstantinov) 8.43.43
quarta batteria – i primi due in semifinale gli altri ai recuperi: gara solitaria per Giacomo Gentili che ha dominato la sua eliminatoria concludendo la gara con oltre 14 secondi di vantaggio sulla Lituania, altra barca che approda in semifinale con l’Italia. Una superiorità che Gentili ha subito messo in luce sin dalle prime palate che gli ha permesso di imporre inizialmente il suo ritmo e poi staccarsi dal gruppo per chiudere in solitaria. 1. Italia (Giacomo Gentili-SC Bissolati) 8.13.04, 2. Lituania (Armandas Kelmelis) 8.27.77, 3. Moldavia (Alexandr Bulat) 8.34.81, 4. Georgia (Nodari Martoleki) 8.36.66, 5. Armenia (Mher Janikyan) 8.45.11

OTTO FEMMINILE
Gara delle acque: regata incerta fino a metà percorso con l’Italia a condurre nel primo quarto di gara davanti a Bielorussia e Romania, quindi si assiste alla progressione delle rumene che prendono il comando a metà gara inseguite da Italia e Bielorussia che procedono di pari passo. Sul finale le posizioni rimangono immutate anche se il vento contro ha infastidito le azzurre che, nonostante eolo, sono riuscite a mantenete la seconda pozione alle spalle delle rumene più dotate fisicamente, ma davanti alle bielorusse che hanno battagliato fino alla fine. 1. Romania (Madalina Heghes, Parascanu, Roxana Georgiana, Criistina-Georgiana Sava, Anamaria Zaharia, Lidia-Viorica Casu Roman, Andreea-Ioana Budeanu, Monica Basanciuc, Andreea-Cristina Stefan) 7.17.85, 2. Italia Lara Maule, Claudia Destefani-Fiamme Gialle, Beatrice Millo-Nazario Sauro, Nicoletta Bartalesi-SC Varese, Ludovica Braglia, Elisa Mondelli-SC Moltrasio, Benedetta Faravelli-SC Esperia, Clara Guerra-Pro Monopoli, Camilla Mariani-timoniere-SC Lario) 7.21.41, 3. Bielorussia (Sviatlana Nikalayenka, Darya Kazlouskaya, Yana Lankovich, Aliaksandra Markevich, Yana Tsupa , Kristina Hancharova, Nastassia Harai, Tatsiana Filipava, Palina Katsevich) 7.21.90, 4. Ucraina (Oleksandra Rohozhynska, Zhanna Huzhva, Maryna Lykholot, Kateryna Kozhanova, Oksana Barziuk, Tatiana Barash, Kateryna Klymenko, Raisa Rudenko, Anzhelika Ivakhnenko) 7.29.30, 5. Repubblica Ceca (Kristy_Na Neuhortová, Eli__Ka Fleissnerová, Sabina Patermannová, Lucie Pleskotová – Marie NatáLie Batistová Jurková, Zuzana Ne__Asová, Lucie M__Llerová, Sofie __Umanová) 7.32.77, 6. Russia (Yulia Belokon, Olesya Zakharova, Valeria Dematueva, Elizaveta Kovina, Ekaterina Glazkova, Olga Zaruba, Elena Mozgunova, Ksenia Iakimtsova, Lusiena Shmalko) 7.39.18

QUATTRO DI COPPIA MASCHILE
prima batteria – i primi due in semifinale gli altri ai recuperi
: 1. Ucraina (Yevhen Aleksandrov, Vladyslav Hysar, Pavlo Yurchenko, Denys Kryvulia) 6.36.12, 2. Russia (Alexander Vyazovkin – Aleksey Vinogradov, Vladimir Iashin, Semen Surnov) 6.45.88, 3. Ungheria (BaláZs MolnáR, KornéL KováCs, DáNiel Dano, Bence Barcs) 6.54.02, 4. Bielorussia (Mikita Tsitkou, Anatol Rezenkov, Aliaksandr Pashkevich, Siarhei Kozel) 6.58.83, 5. Olanda (Jelle Haasteren, Ewoud De Haan, Bram Meijer, Wouter Oosterhuis) 7.02.25, 6. Norvegia (Per Benske, Mikko Rekstad, Simen SkjöLsvold, Einar Solbakken) 7.18.26.
seconda batteria – i primi due in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Repubblica Ceca (Jakub Kucha__, Petr Pivko, Martin Musil, Jan Zavadil) 6.45.52, 2. Turchia (Nam Talha Gunes, Mehmet Kocur, Ahmet Ensar Yildirim, Sabri Sevnis) 6.51.91, 3. Croazia (Niko Dunkic, Leon Bulic, Patrik Farkas, Andrija Supe) 7.00.12, 4. Estonia (Markus Toom, Karl-August Ruusalepp, Margus Kodasmere-SCa, Ander Koppel) 7.02.46, 5. Serbia (Matija Jankovic, Bogdan Belincevic, Vukasin Pivac, Damjan Lazic) 7.05.11, 6. Lettonia (Girts Sokolovs, Krists Janis Sakne, Egnars Rozinskis, Kaspars Golmeisters) 7.14.60.
Terza batteria – i primi due in semifinale gli altri ai recuperi: gara da manuale per la formazione azzurra che già dalle prime battute prende il comando della gara posizione nella prima frazione, inseguita solo dalla Polonia mentre tutti gli altri concorrenti già ai 500 metri sono parecchio attardati. I polacchi si mantengono a ridosso fino ai 1250 metri, quindi devono cedere sul passo alla maggior velocità in acqua degli azzurri che vanno a chiudere la gara in prima posizione accedendo alle semifinali. 1. Italia (Gabriel Soares-Marina Militare, Gergo Cziraki-SC Ravenna, Mirko Cardella-SC Telimar, Riccardo Jansen-Affari Esteri Roma) 6.50.63, 2. Polonia (Bartlomiej Dzuninski, Marcin Krysinski, Bogumil Lyczak, Rafal Staszak) 6.56.13, 3. Romania (Simion Mutu, Constantin Staut, Robert Catalin Dobrin, Catalin-Laurentiu Izvoranu) 7.01.56, 4. Svizzera (Romain Battistolo, Jonathan Moser, Pascal Ryser, Dominic Condrau) 7.04.81, 5. Irlanda (Andrew Golf, Patrick Munnelly, Eoghan Whittle, Colm Hennessey) 7.07.24, 6. Lituania (Justinas Balasaitis – Giedrius Bieliauskas – Zygimantas Dzenis – Dziugas Nienius) 7.16.64

QUATTRO SENZA MASCHILE
prima batteria – i primi tre in semifinale gli altri ai recuperi
: 1. Ungheria (KáLmáN Furko, MáRton Szabó, Almos Sonfeld, Bodo MáTyáS Vancsura) 6.49.74, 2. Repubblica Ceca (Ond__ej Svoboda, Václav Svítil, David Jakoubek, Mat__j Tikal) 6.56.63, 3. Bulgaria (Nikolay Dimitrov, Robert Stanoev, Nikolay Zhelyazkov, Stanimir Haladzhov) 6.58.43, 4. Bielorussia (Viachaslau Kulik, Heorhi Fiadotau, Anton Bahinski, Bahdan Chuduk) 7.03.49, 5. Ucraina (Vitalii Naradko, Denys Zapororozhts, Maksym Onipchenko, Kostiantyn Musiienko) 7.10.83
seconda batteria – i primi tre in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Austria (Nicholas Schilcher, Bruno Bachmair, Liam Anstiss, Rudolph Querfeld) 6.54.71, 2. Serbia (Cvijetic Nikola, Lazar Lazovic, Marko Ristic, Zoran Rajic) 7.00.28, 3. Francia (Lucas Rubaud, Paul Tixier, Jean Bottero, Etienne Juillet) 7.01.86, 4. Croazia (Tino Maruzin – Matia Poljak, Filip Jurina ,Tomislav Kurtoi__) 7.20.13.
terza batteria – i primi tre in semifinale gli altri ai recuperi: gara tirata specialmente nelle prime battute dove a contendersi la testa della gara sono Polonia, Svizzera e Romania, mentre l’Italia, dopo una partenza un po’ lenta, risale di posizioni superando prima la Polonia e poi la Romania. Davanti la Svizzera prende un buon margine, mentre Romania e Italia proseguono appaiate praticamente per tutto il percorso, con la Polonia molto staccata in quarta posizione. Sul traguardo gli azzurri precedono di una punta i rumeni e si classificano al secondo posto. Italia in semifinale. 1. Svizzera (Joshua Meyer, Raphael Roulet, Nicolas Kamber, Alois Merkt) 6.56.75, 2. Italia (Dario Favilli, Leonardo Pietra Caprina-SC Firenze, Andrea Benetti-Marina Militare, Ivan Capuano-RYCC Savoia) 7.01.61, 3. Romania (Mihai Ianos, Ioan-Alexandru Birsan, Alexandru Ciprian Matinca, Cosmin Pascari) 7.04.51, 4.Polonia (Damian Rutkowsk, Michal Sobiecki, Cywinski Mateusz, Pelka Patryk) 7.37.96

DOPPIO MASCHILE
prima batteria – i primi due in semifinale gli altri ai recuperi
: 1. Ungheria (Kristóf Acs, Máté Bácskai) 7:16.099, 2. Ucraina (Stanislav Hordiienko, Denys Shkliaruk) 7:19.693, 3. Norvegia (Andreas Berge, Nicolay Yngsdal) 7:37.752, 4. Portogallo (Ricardo Castro, Pedro Menezes) 7:51.096, 5. Bulgaria (Nikola Popov, Nikolay Bozhilov) 7:52.802, 6. Israele (Omri Shnetzer, Andrew Moshkin) 8:39.210.
seconda batteria – i primi due in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Repubblica Ceca (Jan Cincibuch, Eduard Bezd__K) 7:10.420, 2. Slovenia (Nik Krebs, Miha Aljancic) 7:13.038, 3. Turchia (Harun Ardic, Enes Yenipazarli) 7:20.889, 4. Austria (Nikolaus Brandner, David Neubauer) 7:21.537, 5. Estonia (Johann Poolak, Marko Laius) 7:23.347, 6. Croazia (Stipe Trojanovic, Teo Padovan) 7:45.885.
terza batteria – i primi due in semifinale gli altri ai recuperi: Sono Francia e Italia le due barche a fare l’andatura sin dalle prime battute. Punta a punta nella prima frazione, ai 750 metri la barca azzurra mette la punta avanti a quella francese. Nella seconda metà gara l’Italia passa nettamente al comando e mantiene la testa della gara fino al traguardo nonostante la Francia provi a infastidire gli azzurri, senza risultato. Italia in semifinale. 1. Italia (Andrea Cattaneo-SC Bissolati, Emanuele Fiume-CC Pro Monopoli) 7.09.01, 2. Francia (Stanislas Desgrippes, Hugo Quemener) 7.10.74, 3. Polonia (Dawid Pieniak, Mikolaj Ewertowski) 7.17.42, 4. Lituania (Julius Lesauskas, Saulius Ilonis) 7.28.59, 5. Irlanda (Shane Oconnell, Ronan Byrne) 7.39.95, 6. Georgia (Pamaoz Kapanadze, Tsotne Pirvelashvili) 7.49.83

DOPPIO FEMMINILE
prima batteria – i primi due in semifinale gli altri ai recuperi
: 1. Germania (Annemieke Schanze, Frieda HäMmerling) 7:53.275, 2. Olanda (Karolien Florijn, Francisca Sophie Bon) 7:56.612, 3. Ungheria (Vivien Preil, Zoltána Gadányi) 8:02.285, 4. Ucraina (Diana Horshkova, Maryna Romaniuk) 8:05.794, 5. Norvegia (Rebekka Wiberg-Bugge, Aasta Andreassen) 8:09.122, 6. Bielorussia (Palina Skarakhodava, Volha Khatuliova) 8:05.794
seconda batteria – i primi due in semifinale gli altri ai recuperi: 1. Lettonia (Lana Bracka, Inga Lange) 7:59.450, 2. Austria (Helene SchöNthaler, Alexandra Breschan) 8:03.805, 3. Repubblica Ceca (Terezie Matu__Íková, Kate__Ina Hudáková) 8:08.824, 4. Slovenia (Valentina Alicia Miklavcic, Alja Skrlj) 8:12.482, 5. Croazia (Josipa Jurkovic, Marina Kaic) 8:25.517
terza batteria – i primi due in semifinale gli altri ai recuperi: dopo la bagarre iniziale in cui l’Italia si è trovata a lottare con Romania e Polonia, la barca azzurra si è piazzata in seconda posizione alle spalle della barca rumena. Una seconda parte amministrata bene poiché nelle retrovie il pericolo si era dissolto col passaggio a metà gara. Italia seconda e quindi in semifinale insieme alla Romania. 1. Romania (Elena Logofatu, Nicoleta Pascanu) 8:06.441, 2. Italia (Asja Maregotto-SC Padova, Allegra Francalacci-GS Cavallini) 8:13.323, 3. Polonia (Katarzyna Pilch, Paulina Chojnacka) 8:23.355, 4. Lituania (Evelina Burtimaviciute, Diana Liachoviciute) 8:27.481, 5. Moldavia (Natalia Tabur, Anna Afanasieva) 8:55.968.

QUATTRO SENZA FEMMINILE – Gara delle acque: regata tutta di studio per la barca azzurra che ha duellato, per tutti i duemila metri, con la barca francese che ha tentato di strappare la prima posizione all’Italia. A nulla sono valsi gli attacchi delle transalpine poiché le azzurre hanno controllato la barca di vantaggio che avevano fino ai 1750 presentandosi sul traguardo composte e decise a recitare la parte delle protagoniste anche nella gara più importante: la finale di domani. 1. Italia (Giovanna Schettino-CC Aniene, Sara Monte-Pro Monopoli, Chiara Cianelli-SC Arno, Sarah Caverni-SC Limite) 7:30.114, 2. Francia (Suzy Paquin, Julie Leclerc, Julie Serre, Maya Cornut) 7:32.946, 3. Bielorussia (Dzina Haluts – Hanna Yuuchanka – Ala Firsava – Tatsiana Masalskaya) 7:37.813, 4. Polonia (Marta Urbanska, Patrycja Wojtkowiak, Marta Ornowska, Monika Ulatowska) 7:57.233, 5. Repubblica Ceca (Smolová Helena, ProcháZková Ane__Ka, Hartmanová Kate__Ina, Ondrá__Ková Eli__Ka) 8:00.093.

QUATTRO CON
prima batteria – il primo in finale gli altri ai recuperi
: 1. Ucraina (Vladyslav Somov, Oleh Nohol, Pavlo Doshchenko, Kostiantyn Dmytriv, Vitaliy Kolbiagin) 6:57.665, 2. Bielorussia (Siarhei Semechka, Roman Rosin, Ilya Dzeyeu, Uladzimir Kulik, Aliaksandr Benza) 7:09.822, 3. Turchia (Aydin Inanc Sahin, Omer Ozturk, Cagatay Sekeroz, Ismail Ali Bekiroglu, Sarp Taner Sumer) 7:10.539, 4. Repubblica Ceca Michael VráNa, David Kolá__, Tomá__ Halama, David Spitzkopf, Radek __uma) 7:29.466.
seconda batteria – il primo in finale gli altri ai recuperi: gara senza storia per l’Italia che ha subito fatto capire agli avversari le sue intenzioni. Prima ad ogni frazione si è praticamente presentata in solitaria al traguardo qualificandosi direttamente alla finalissima di domani. Seconda la Croazia e terza la Serbia. Italia in finale. 1. Italia (Lapo Londi-SC Limite, Leonardo Calabrese-Tevere Remo, Giovanni Balboni, Riccardo Peretti-CUS Ferrara, Francesco Tassia–timoniere-CRV Italia) 6:53.018, 2. Croazia (Juraj Herenda, Marin Maletic, Matija Milin, Leon Mikulic, Tomislav Basic) 7:21.912, 3. Serbia (Danilo Radovanovic, Aleksandar Antic, Vanja Obradovic, Bogdan Stepic, Marko Andjelkovic) 7:28.330.

DUE SENZA FEMMINILE
prima batteria
– i primi due in finale A gli altri ai recuperi: 1. Germania (Carolin Dold, Leah Labudde) 8:05.351, 2. Repubblica Ceca (Tereza S_Kvorová, Mchaela Kidová) 8:19.844, 3. Bielorussia (Hanna Khrapkina, Yauheniya Haponenka) 8:26.032, 4. Ungheria (Eszter Nasz, Sarolta Adonyi) 8:59.197, 5. Bulgaria (Aleksandra Atanasova, Nikol Koleva) 9:03.178.
seconda batteria – i primi due in finale gli altri ai recuperi: molto generosa la prestazione del due senza azzurro che, partito bene, si mette alle spalle della Francia e della Romania. Nella seconda parte di gara prova a ricuperare ma la barca rumena reagisce e taglia il traguardo in seconda posizione dietro alla Francia. Italia ai recuperi. 1. Francia (Camille Loisel, Adele Brosse) 8:07.386, 2. Romania (Anca Elena Filip, Amalia Beres) 8:12.316, 3. Italia (Arianna Noseda, Caterina Di Fonzo-SC Lario) 8:15.755, 4. Polonia (Maria Kusmierczyk, Angelika Dyna) 8:32.120, 5. Lettonia (Ildze Viksna, Sintija Loksta) 8:44.480.

 

 

Sponsor e Partner

Partner istituzionali

CONI
logo-comitato-italiano-paralimpico-1
ICS
INAIL