News

Siviglia: nove atleti e un bronzo “rosa” per la Lombardia

domenica 2 Giugno 2013

Siviglia: nove atleti e un bronzo “rosa” per la Lombardia

MILANO, 02 giugno 2013 – Remo regionale incollato al televisore, una mattinata intera insieme al canottaggio azzurro con i nove lombardi pronti a stupire sulle acque di Siviglia al Campionato Europeo. Con il quattro di coppia pesante femminile arriva un bronzo storico in regione, forse l’inizio per un nuovo corso di successo. Sei le società in fibrillazione per i loro talenti: Cus Pavia, Gavirate, Cernobbio, Tritium, Moltrasio e Lario.

Simone Molteni (Cus Pavia)
, ai remi dal 2007, si difende coi denti con il suo singolo leggero. Centrata la finale dei big dopo due terzi posti, qualificazione e semifinale, Molteni vende cara la pelle. È sesto ai mille metri, poi nella seconda parte di gara va all’attacco e chiude quinto.

Andrea Micheletti (Gavirate)
fa il suo debutto in barca olimpica insieme all’ex lombardo Pietro Ruta (Marina Militare). È una finale tutta d’un fiato, ci credono gli azzurri che a metà gara sono terzi dietro a Svizzera e Francia. Nelle ultime battute però passa la Norvegia e Micheletti archivia l’evento continentale in quarta posizione. Un bel debutto per lui, classe 1991 e Studente di Giurisprudenza, già in corsa per una barca olimpica.

Nulla da fare per Giulia Pollini (Cernobbio),convocata in coppia con Eleonora Trivella (VVF Billi), nella specialità del doppio senior. Le due leggere ci provano, ma tra i pesi pesanti non è facile. Entrate in fiale B, sono in corsa fino in fondo, ma chiudono terze, none assolute.

Volano Giada Colombo (Tritium) e Sara Magnaghi (Moltrasio),in quattro di coppia con Laura Schiavone (Irno) e Gaia Palma (Sisport Fiat). È una gara tutta all’attacco, partite in sordina, non vogliono lasciare vita facile alle avversarie. Sul passo vanno forte le azzurre, per un attimo sono anche seconde, poi rientra l’Olanda e sul traguardo portano il bronzo in Lombardia.

Centra la finale, ma è quinto sul traguardo, il due senza pesante femminile di Gaia Marzari (Lario) e Beatrice Arcangiolini (Firenze). In partenza lasciano dietro la Repubblica Ceca provando a rimanere in contatto con le altre, ma non c’è storia e così finiscono quinte alla loro prima esperienza tra le big.

Amaro in bocca per l’otto femminile. C’è grande determinazione a bordo dell’ammiraglia, in tv si sente chiara in sottofondo la voce del timoniere Camilla Contini (Gavirate) che nella prima fase di gara spinge le compagne fino alla seconda posizione. Nulla da fare nei secondi mille metri, sono quinte sul traguardo. Insieme alle lombarde Sabrina Noseda (Lario) ed Erika Faggin (Gavirate) c’erano Benedetta Bellio (SS Murcarolo), Giorgia Bergamasco (Cus Bari), Federica Menegatti (Padova), Veronica Paccagnella, Selene Gigliobianco (Elpis), Irene Vannucci (VVF Tomei).

Archiviato l’Europeo, tra poche ore inizia la festa post evento, ma la stagione non si ferma. Il prossimo week end tutti di nuovo in Lombardia, alla Schiranna di Varese, per il Campionato Italiano Ragazzi ed Under23.


Luca Broggini

  

Sponsor e Partner

Partner istituzionali

CONI
logo-comitato-italiano-paralimpico-1
ICS
INAIL