News

Le dichiarazioni dei vincitori lombardi

domenica 29 Settembre 2013

Le dichiarazioni dei vincitori lombardi

MILANO, 29 settembre 2013 – Sono nove i titoli italiani conquistati dalle società lombarde al Campionato Italiano Assoluto, Junior e Para Rowing disputato a Sabaudia, sul lago di Paola. A raccontarci i successi sono proprio i vincitori con le loro dichiarazioni a caldo post gara.

È Sabrina Noseda (Lario), capovoga del quattro senza femminile, a commentare il primo titolo di giornata: “Siamo partite dietro, ma dopo i primi cinquecento metri siamo riusciti a rientrare. Non è stata una gara semplice, soprattutto nella prima parte del percorso, le onde ci hanno messo in difficoltà. Sul passo la barca scorreva bene, poi la vittoria. Grazie alla Lario che ci sostiene sempre, a tutto lo staff e le mie compagne di barca”. A siglare la vittoria, insieme a Noseda, Saba Bertolasi, Claudia Wurzel e Gaia Marzari.

Chiara Ondoli (De Bastiani) racconta l’oro in singolo:“Sono partita dietro, Paola dava il ritmo. Ho dovuto lottare sul passo per passare, ma ci credevo davvero. Negli ultimi 500 metri ho dato il mio massimo e sono riuscita a vincere. È la coronazione di una bellissima stagione, un grazie speciale va al mio coach Giorgio Vesto e a tutta la Canottieri De Bastiani”.

Andrea Crippa (Lecco) è felicissimo della vittoria in doppio con Andrea Colombo: “Questa gara è stata la bella copia della passata stagione. Siamo scattati in partenza e abbiamo dominato per tutto il percorso. Gli avversari hanno provato a farsi sotto più volte, ma abbiamo sempre risposto con determinazione. Una barca rispolverata il 12 settembre e che ci ha portato ancora a vincere”.

Veronica Calabrese (Gavirate) fa da porta voce al quattro senza: “Non siamo abituate alle onde, il lago era veramente molto mosso in partenza. Il vento ci ha fatto cambiare corsia, poi però abbiamo trovato il giusto ritmo e sul passo ci siamo distaccate. Questo titolo ci voleva, una bella festa per la nostra stagione”. A completare l’equipaggio Federica Cesarini, Magda Rovei e Denis Cavazzin.

Valentina Rodini (Bissolati) tocca il cielo con un dito: “Questa vittoria la sognavo davvero. È bellissimo vincere con i colori societari. Il titolo, dopo il mondiale, chiude una stagione irripetibile. La nostra barca andava proprio bene, siamo riuscite a controllare e poi ora si festeggia. Grazie ai nostri allenatori e anche alle mie compagne di barca mondiali, qui tifose in zona d’arrivo”. A bordo, insieme a Rodini, Francesca Fava.

Federica Cesarini (Gavirate) prende l’iniziativa ed è un fiume nel suo racconto del due senza femminile: “Due titoli nella stessa giornata, lo volevo, ma non è stato facile. Sono molto contenta, questo realizza uno dei tanti sogni che stiamo provando a rincorrere. Grazie alla società, alla mia socia Veronica e ai tanti amici che credono veramente in noi e ci danno la forza di continuare”.

Lorenzo Gerosa (Lario) è incontenibile sul traguardo: “Questo è il quarto titolo. Gareggio in quattro di coppia da quando sono bambino, vincere oggi rappresenta per me un grande traguardo. Sono contentissimo, voglio festeggiare. Sono fortunato, ho dei compagni di barca eccezionali e insieme abbiamo vinto. Grazie a tutti”.

Il capovoga dell’otto junior Massimiliano Schwartz (Gavirate) narra il successo con l’ammiraglia: “Siamo usciti subito in partenza, ma Limite e Aniene ci hanno dato filo da torcere. Ai mille metri il nostro timoniere ci ha chiamato l’attacco, proprio in quell’istante siamo riusciti a fare il vuoto e poi la bellissima vittoria”.

Al timoniere Niccolò Fanchi (Gavirate) il compito di raccontare l’ultimo successo lombardo, conquistato in quattro con LTA ID: “In barca c’era grande concentrazione, siamo stati composti per tutto il percorso. In partenza abbiamo preso un buon vantaggio, poi controllato per tutta la gara”.


Luca Broggini

 

Sponsor e Partner

Partner istituzionali

CONI
logo-comitato-italiano-paralimpico-1
ICS
INAIL