News

Firenze” ok tra sede nuova e Internazionale Adaptive”

mercoledì 2 Maggio 2012

Firenze” ok tra sede nuova e Internazionale Adaptive”

FIRENZE, 02 maggio 2012 – Di weekend pieno in weekend pieno, prosegue a passi lunghi e ben distesi la stagione della Società Canottieri “Firenze”, che ha appena archiviato un fine settimana dai tratti storici.

Sabato mattina infatti, alla presenza del consiglio direttivo del presidente biancorosso Cristiano Calussi, del sindaco di Firenze Matteo Renzi, del vicesindaco e assessore allo sport del Comune Dario Nardella, del presidente del CONI Toscana Paolo Ignesti e di quello del CONI fiorentino Eugenio Giani, è stata inaugurata la nuova sede agonistica, che da oggi dunque ospiterà gli allenamenti delle varie squadre coordinate dal direttore tecnico del club, Luigi De Lucia, e che ha sede all’interno del parco dell’Albereta.

La nuova sede è stata ricavata dalla ristrutturazione di una vecchia vasca di decantazione di Publiacqua, ed i lavori, iniziati grazie all’interessamento dell’allora assessore allo sport Giani e completati sotto Nardella, compreso il dragaggio dell’Arno per allungare la navigabilità delle barche (adesso sono quasi 4 i chilometri a disposizione per gli allenamenti), sono durati quasi un decennio, per un investimento complessivo che sfiora i 700 mila euro.

Alo taglio del nastro massima soddisfazione da parte del presidente Calussi, che ha ricordato le diciannove medaglie d’oro vinte nei due Meeting Nazionali fin qui disputatisi, a Piediluco e Varese, e del sindaco Renzi, che ha sottolineato come quello della nuova sede della “Firenze” fosse un obiettivo importante da realizzare per la parte sportiva della propria amministrazione comunale.

E mentre sabato veniva inaugurata la nuova sede e domenica iniziavano i primi allenamenti, a Gavirate si stava svolgendo la gara Internazionale Adaptive, riservata ai disabili fisici e intellettivi, regata che interessava tre atleti biancorossi, impegnati in azzurro a rincorrere le Paralimpiadi di Londra, al via tra pochi mesi.

Nell’occasione Andrea Marcaccini, impegnato nel quattro con LTA (nella foto a capovoga, secondo da dx), ha raccolto un quinto posto il sabato (alle spalle di Gran Bretagna, Germania, Irlanda e Francia) e un ottimo quarto la domenica (dietro a inglesi, tedeschi e francesi) ad appena mezzo secondo dal podio; Fabrizio Caselli nel singolo AS è arrivato secondo in finale B (ottavo totale) il sabato e primo, sempre nella piccola finale (settimo totale), la domenica; Pier Alberto Buccoliero infine, nel singolo TA, ha conquistato due quarti posti, il sabato dietro Gran Bretagna, Ucraina e Australia, e la domenica dietro Ucraina, Gran Bretagna e Australia.

La performance di Gavirate era fondamentale soprattutto per Caselli e Marcaccini, in partenza per Belgrado, in Serbia, dove questo fine settimana si terrà la prima prova di Coppa del Mondo nonché ultima occasione per le barche azzurre di testarsi in vista delle qualificazioni olimpiche di Lucerna, in Svizzera, del 20 maggio.

A Gavirate, in concomitanza dell’Internazionale Adaptive per Nazioni, era in programma anche la regata Internazionale Master, riservata ai sodalizi remieri. Doppio oro qui per la Canottieri “Firenze”: Leonardo Magnatta ha trionfato nel singolo Master D su Bissolati Cremona e Varese, vincendo un bel punta a punta con l’atleta secondo classificato per appena due secondi; trionfo netto, oltre venti secondi il distacco, nel quattro di coppia Master E contro il CUS Milano per lo stesso Magnatta con Giorgio Bani, Saverio Iotti e Simone Santi.

Questa domenica il club remiero biancorosso sarà impegnato non soltanto a Belgrado con Caselli e Marcaccini, ma anche sul fronte toscano: a San Miniato tutta la truppa di De Lucia sarà impegnata nella gara Regionale Promozionale di San Miniato.


Niccolò Bagnoli – Ufficio Stampa Società Canottieri “Firenze” –

Sponsor e Partner

Partner istituzionali

CONI
logo-comitato-italiano-paralimpico-1
ICS
INAIL