News

San Nicola tra ieri e oggi: vecchi rituali e nuove occasioni

lunedì 23 Maggio 2011

San Nicola tra ieri e oggi: vecchi rituali e nuove occasioni

BARI, 23 maggio 2011 – Come per ogni città che si rispetti, anche Bari, nella sua tradizione cattolica, proclama i festeggiamenti del Santo Patrono, venerato da tutto il mondo, per cui i pellegrini, in un epoca industrializzata e d’alta modernità, giungono ancora camminando, con le difficoltà che il percorso implica, in segno di devozione. Disse Charles De Foucauld “ Guardiamo i santi, ma non attardiamoci nella loro contemplazione. Contempliamo con essi colui la cui contemplazione ha riempito la loro vita. Approfittiamo del loro esempio, ma senza fermarci a lungo, né prendere per modello questo o quel santo, ma prendendo da ciascuno chi solo è vero modello, servendoci così dei loro esempi, non per imitare essi, ma per meglio imitare Gesù. ” Un Gesù che è, nell’immaginario cristiano, un pescatore, così come lo sono state intere generazioni di Baresi. Se guardiamo oltre la Bari moderna, industrializzata, globalizzata, modernizzata, se osserviamo negli angoli e nelle viscere della città vecchia e del vetusto Porto, riscopriamo Bari così come nel 1087, non solo nelle forme architettoniche, ma nelle abitudini marinaresche, nelle credenze popolari, che incarnano la vera causa del folclore.

Non può dunque mancare, nella riscoperta delle nostre origini, un’espressione simbolica delle epoche passate: ogni anno, la sera del 7 maggio, avviene la metaforica traslazione del quadro recante l’immagine del Santo, strettamente collegata all’ambito iconografico. A prescindere dall’essere o ritenersi iconoclasta, non si può negare l’apporto culturale che questa tradizione reca alla città di Bari: per la prima volta, il quadro, nella sua traversata a bordo di un gozzo, è stato accompagnato da giovani ragazzi del Circolo Canottieri Barion, che intende, con questo significativo momento, entrare nell’emblematica tradizione di Bari. Questo fondamentale passaggio è stato sancito dalla perfetta collaborazione tra il nostro Direttore Sportivo Fabio Di Cosmo, ideatore dell’evento per il Circolo e il regista della Festa patronale, Antonio Minelli.

Sostiene Fabio Di Cosmo, D.S. del Circolo: “«Il Circolo Canottieri Barion è da sempre parte integrante del Corteo Storico, però mancava qualcosa per esserne davvero protagonista. Quest’anno siamo diventati anche noi parte integrante di quello che è per i Baresi e (non solo) e per Bari un onore e un vanto.»”
Commenta il regista Antonio Minelli “«Abbiamo poco tempo, ma la tradizione resta il nostro faro. Non serve spettacolarizzare: lo spettacolo è dato dalla ricostruzione fedele e dalla passione che Bari manifesta ogni anno per il suo corteo».”

Alle ore 20 entrano in barca, accompagnati da luci e dall’atmosfera di migliaia di Baresi sul lungomare, gli equipaggi, un quattro di coppia composto da Alessandro Dironzo, Francesco Losito, Onofrio De Tullio e Antonio Laraspata, timoniere Giuseppe Amoruso, per la sezione canottaggio e un K4 per la canoa (equipaggio: Francesco Franco, Nicola Somma, Michele Vasanelli, Luigi Cione), il tutto tenuto sotto controllo da Maurizio Campobasso, tecnico della sezione canoa. Se sono stati consolidati i rapporti tra il Barion e Bari, ancora di più quelli tra le varie sezioni, tra cui la scherma, la cui sede di allenamento, essendo dislocata allo Stadio della Vittoria, non permette agli atleti della sezioni di conoscersi con gli altri del canottaggio, canoa e vela. Occasione, insomma, a cui erano presenti più di 60 atleti di tutte le sezioni, di cui una parte (come sopra citato) ha scortato il quadro in acqua, e l’altra ha inaugurato un nuovo rituale: l’alzata delle pale al passaggio del quadro.

Le cerimonia ha concretizzato un esemplare effetto scenico, ha assicurato un riuscito effetto mediatico, ha consolidato i pilastri fondanti del Barion nel cerimoniale che, San Nicola escluso, sancisce il legame dell’uomo con il mare, di cui l’uomo Barese esemplifica il prototipo. Un legame insomma, tra uomo di mare e acqua.

ONOFRIO DE TULLIO
CC BARION SPORTING CLUB 1894

 

Sponsor e Partner

Partner istituzionali

CONI
logo-comitato-italiano-paralimpico-1
ICS
INAIL