News

Lario, anche Sabrina e Giulia in finale iridata

venerdì 22 Luglio 2011

Lario, anche Sabrina e Giulia in finale iridata

COMO, 22 luglio 2011 – Gli appassionati del canottaggio internazionale sono avvisati. Dovranno vedere gli occhiali psichedelici di Sabrina Noseda anche domani. Il quattro di coppia leggero con la Noseda al numero tre e Giulia Longatti al quattro (capovoga Deborah Battagin e numero due Eleonora Trivella, pure lei ha sfoggiato occhiali con colori acidi) è ha infatti staccato il biglietto per la finale dopo un recupero quasi perfetto. Partenza lenta e poi via in progressione a prendere anche la Francia che aveva così ben impressionato nelle batterie di giovedì. La vittoria del recupero va comunque all’Inghilterra che prenota un posto sul podio così come avevano fatto Germania e Cina (veramente impressionante la barca cinese in batteria).

Le campionesse del mondo uscenti non staranno comunque a guardare. Il riscontro cronometrico c’è, l’Italia all’arrivo è staccata di mezzo secondo dall’Inghilterra, ma ha lasciato la Francia a 1″ e gli Stati Uniti a 2″. La finale è domani, sabato alle 16.24, ossia 24 minuti dopo quella di Gaia Marzari, terza atleta della Lario impegnata ai Mondiali U23 di Amsterdam che ha qualificato la sua barca (4-) con il miglior tempo assoluto delle batterie e ora attende con ansia la finale.

“L’obiettivo del nostro direttore tecnico, Stefano Fraquelli – spiega il vicepresidente allo Sport, Maurizio Ballabio – che ha potuto seguire da vicino anche il ritiro delle nostre ragazze, era raggiungere le due finali. Siamo semplicemente euforici. Ora quello che arriva arriva”.

Rimpianti per non aver visto il due senza di Wurzel e Stradella ad Amsterdam visto che l’anno scorso si era ben comportato a Brest? Quello selezionato da Baldacci non è neppure arrivato in finale? “No comment. La polemica non è nello stile mio della Canottieri Lario, che nei suoi 120 anni di storia vi assicuro che ha subito più di un torto – risponde Ballabio – Posso solo dire che con il presidente Enzo Molteni abbiamo scritto una lettera alla Federazione e al direttore tecnico Baldacci. Ora attendiamo la loro risposta.

Alla Lario negli ultimi due anni abbiamo avuto il 4 senza Under 23 e Senior più forte d’Italia, in grado di battere anche i corpi militari. Nessuno dei nostri quattro Under 23 è però ad Amsterdam e a causa del disinteresse per i nostri atleti da parte della Nazionale uno dei ragazzi ha smesso di remare e non sarà facile lavorare anche con gli altri il prossimo anno. Ma ora godiamoci le finali di Gaia, Giulia e Sabrina”.
 

Nella foto D.Seyb © canottaggio.org Giulia Longatti (non proprio soddisfatta
dopo la batteria) e Sabrina Noseda con i suoi occhiali fashion…

Paolo Annoni – Ufficio Stampa Canottieri Lario G.Sinigaglia

 

 

Sponsor e Partner

Partner istituzionali

CONI
logo-comitato-italiano-paralimpico-1
ICS
INAIL