News

Siparietto Drysdale-Tufte prima della finale del singolo

sabato 6 Novembre 2010

Siparietto Drysdale-Tufte prima della finale del singolo

KARAPIRO (NZL), 06 novembre 2010 – Oggi alle 3:53 ci sarà la finale del singolo maschile. Si prevede una lotta a due tra il ceco Synek (imbattuto nel 2010) e il padrone di casa Mahe Drysdale (campione mondiale a Poznan 2009). Ieri, nella conferenza stampa moderata dal presidente della Commissione Media-Marketing FISA Arno Boes, il singolista neozelandese ha chiarito l’episodio degli stickers. “E’ una mia responsabilità avere gli adesivi attaccati alla barca, purtroppo li ho dimenticati e poi ho avuto quel problema durante l’avvio di gara: per fortuna me ne sono reso conto in tempo (nei primi 100 metri n.d.r.) ed i giudici hanno sospeso la regata dandomi l’opportunità di replicare senza che nessuno dei miei avversari si lamentasse”.

Certo, perché per la prossima gara chiederemo di aggiungerne altri alla sua barca: comunque se partirò male alzerò anche io subito la mano”. Il norvegese Tufte (oro a Pechino 2008) lo provoca. “Mahe pensa di vincere? Lasciamoglielo pensare”. L’inglese Alan Campbell è più prudente e meno sbarazzino: “La finale? Sarà difficile per tutti, non faccio pronostici”. Lo sloveno Spik è filosofico. “Vincerà chi partirà meglio? Non importante chi sarà in testa ai 1000, ma chi taglierà il traguardo per primo ai 2000”.

“Vorrei vincere davanti al mio pubblico, questa gente è davvero fantastica e sta spingendo tutta la mia squadra verso risultati importanti” aggiunge poi super Mahe che è campione mondiale da Gifu 2005.

In finale, oltre a Synek che ieri non si è presentato in conferenza stampa, ci sarà anche il cinese Zhang: insieme a lui il traduttore. “Io penso a fare la mia gara e basta”.

Sponsor e Partner

Partner istituzionali

CONI
logo-comitato-italiano-paralimpico-1
ICS
INAIL