News

Comunicato Stampa

venerdì 15 Agosto 2008

Comunicato Stampa

La squadra spagnola con “gli occhi a mandorla” in una foto, è polemica
Pioggia di critiche: «Inappropriata»

PECHINO, 15 agosto 2008 – È imbattuta dopo le prime giornate la Spagna del basket, ma fuori dal rettangolo di parquet le Olimpiadi pechinesi dei campioni del mondo navigano in acque agitate. Colpa di una fotografia in cui tutti i cestisti della selezione spagnola hanno posato usando le dita per rendere più cinesi i loro occhi. Ma gli occhi a mandorla di Pau Gasol e compagni non sono piaciuti al Comitato Olimpico Internazionale, che attraverso un portavoce ha liquidato lo scatto come «evidentemente inappropriato».

Critico anche il quotidiano inglese The Guardian, che ha definito «irresponsabile» la fotografia di gruppo – presa al centro di un campo da basket ornato da un dragone cinese – per il timore di una «intepretazione razzista». Il Ct della Spagna, Aito Garcia, dopo il successo odierno nel match con la Germania ha respinto queste perplessità dicendosi comunque estraneo allo scatto incriminato. Il selezionatore, precisando di non avere visto la fotografia di gruppo, ha risposto seccato ad un cronista. «Non capisco. Chi è che sta discutendo questa storia? Siete voi che la discutete», ha detto Garcia.«Evidentemente inappropriata». Così il Cio definisce la pubblicità nella quale i giocatori della Nazionale spagnola di basket esibiscono occhi a mandorla.

La foto, pubblicata sulla stampa iberica, ha provocato polemiche e reazioni. «Se qualcuno si è sentito offeso, ci scusiamo», ha detto al New York Times la stella della selezione iberica, Pau Gasol. «Lo sponsor ha insistito, è stata una cattiva idea. Non c’era nessuna intenzione di offendere qualcuno, non voleva essere un gesto razzista». Il Cio non intende adottare sanzioni nei confronti della Spagna.

FONTE: LA STAMPA


FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO
www.canottaggio.org
Ufficio Stampa
Tel. +39.335.6360335 – Fax +39.06.3685.8148
E-mail:
comunicazione&[email protected]
   
Torna indietro