News

Comunicato Stampa

sabato 5 Aprile 2008

Comunicato Stampa

A Madrid il wi-fi viaggia in autobus
Internet gratis su tutta la rete di trasporti pubblici. Il piano di installazione sarà completato
entro il 2011


di GIAN ANTONIO ORIGHI

MADRID, 5 aprile 2008 – Navigare in Internet wi-fi gratis? Per la prima volta al mondo, da giugno ed a Madrid, sarà possibile anche prendendo l’autobus. Non solo: si entrerà online pure quando alla fermata si aspettano le 2022 vetture (quasi la metà delle quali, 861, Iveco, del gruppo Fiat) delle 209 linee che mette a disposizione la efficientissima e pubblica Emt, la Empresa Municipal de Trasportes della capitale spagnola, usata ogni anno da mezzo miliardo di viaggiatori. Il costo per i contribuenti? Appena 3 milioni di euro, circa 1500 a bus.
La rivoluzione hi-tech, che permetterà senza spendere un centesimo e dalla bellezza di 9475 pensiline, ubicate dappertutto, dal centro alla periferia, di leggere e inviare e-mail via palmare, cellulare, pc, visitare qualsiasi sito, parlare con tutto il mondo ad esempio via Skype. L’iniziativa si inserisce nel Plan Estratégico Tecnológico 2008-2011 della Emt, che dipende dal Comune e dalla regione di Madrid, guidate ambedue, con maggioranza assoluta, dal centro-destra.
«L’installazione del servizio online senza fili sui primi bus comincerà tra due mesi e contiamo di terminarla entro il 2010» spiega Diego García, portavoce della Empresa Municipal de Trasportes. Tecnicamente, ogni bus sarà dotato di «Hot Point», un chip collocato in un angolo della vettura, o sulla fermata, che amplifica il segnale wi-fi, un sistema di trasmissione dati senza fili via onde radio.
E come si fa ad entrare in rete per usufruire della miriade di servizi a disposizione del cittadino, dal cartellone dei cinema e teatri al Gps che riproduce la cartina del pub o discoteca dove vogliamo andare? Semplice: basterà effettuare il login nell’apparato digitando una password. E chi la fornirà? Il titolo di trasporto. «Dobbiamo ancora decidere come comunicheremo ai viaggiatori le due cyberchiavi – dice García-. Probabilmente prima bisognerà iscriversi al sito della Emt, poi cliccare il codice inserito in qualunque tipo di biglietto o nell’abbonamento».
La cyber-meraviglia darà ancora più lustro ad un servizio che funziona dalle 6 alle 23 (e tutta la notte grazie a 11 linee ad hoc), frequentatissimo dai giovani soprattutto durante i week-end. Comodissimi, moderni, con aria condizionata d’estate e riscaldamento in inverno, con piattaforma abbassabile per aiutare la salita e la discesa di anziani o handicappati, gli autobus di Madrid godono poi, fin dal novembre del 2006, di un altro utilissimo marchingegno hi-tech.
Basta inviare al 7998 l’sms «espera» (Aspetta), indicando il numero della fermata (ben in mostra nelle pensiline), per sapere da un altro sms in tempo reale, grazie alla tecnologia Gps, entro quanto tempo arriverà il prossimo bus. Quanto costa la cyber-dritta? Appena 15 cent. Ma non è finita qui. L’autobus wi-fi, che estende a tutta la metropoli (il biglietto costa 1 euro) un accesso alla rete che finora il Comune dell’amatissimo (e votatissimo) sindaco Alberto Ruíz Gallardón fornisce solo nella centralissima Plaza Santo Domingo, non è l’unico progetto del Plan Estratégico Tecnológico 2008-2011 che riguarda il trasporto pubblico su strada.

Telecamere contro i furti
L’autobus rimane protagonista anche nel sistema di video-vigilanza «Vea», ossia telecamere in ogni vettura per aumentare la sicurezza (e lottare contro i borseggiatori). La spesa prevista è di 15 milioni di euro. C’è anche, e già funziona per il momento solo nelle 19 principali linee, il «Siena», informazione registrata e pensata per gli handicappati visivi, che dagli altoparlanti annuncia il nome e localizzazione della prossima fermata oltre che le coincidenze che si possono prendere.
Infine, l’Emt ha in cantiere persino l’autobus con tgt, la televisione digitale terrestre che già funziona nel metro (319 km, il 3° d’Europa, dopo Mosca e Londra). Si tratterà di un tg no-stop che sfornerà notizie che riguardano la metropoli e i più importanti appuntamenti culturali, dalle mostre ai festival musicali.

FONTE: LA STAMPA


FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO
www.canottaggio.org
Ufficio Stampa
Tel. +39.335.6360335 – Fax +39.06.3685.8148
E-mail:
comunicazione&[email protected]
   
Torna indietro

Sponsor e Partner

Partner istituzionali

CONI
logo-comitato-italiano-paralimpico-1
ICS
INAIL