News

Comunicato Stampa

venerdì 11 Aprile 2008

Comunicato Stampa

La memoria dei numeri

MILANO, 11 aprile 2008 – Secondo uno studio della società Forrester research, entro i prossimi 5 anni 125 milioni di europei accederanno alla rete dal proprio cellulare. Grazie alla banda larga e a tariffe a canone fisso potremmo navigare senza limiti. Avremo tutto a portata di mano: musica, video, dizionari, traduttori, enciclopedie, informazioni, notizie e ricerche.

Quali trasformazioni implicherà nella nostra vita un tale radicale cambiamento? Ancora nessuno lo può dire con certezza. Però, se ci atteniamo all’esperienza, qualcosa si può ipotizzare. L’avvento del cellulare ha già trasformato il nostro modo di conservare i dati. Poco più di dieci anni fa ricordavamo a memoria numeri di telefono, indirizzi e compleanni di amici e conoscenti. Oggi questo compito è affidato al cellulare e noi non ricordiamo più un numero di telefono. Cosa accadrà quando potremmo verificare in ogni momento sul telefonino date, parole, e informazioni che riterremmo utili?

Secondo Dan Schacter, psicologo dell’università di Harvard, il nostro cervello lavora scartando le informazioni irrilevanti o superate in modo da avere una memoria efficiente. Quando avremo liberato la testa da tutte le informazioni recuperabili attraverso il cellulare dovremmo dunque essere in grado di sfruttare il cervello al meglio per le operazioni analitiche. Speriamo che funzioni.

Marco Pratellesi, direttore corriere.it


FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO
www.canottaggio.org
Ufficio Stampa
Tel. +39.335.6360335 – Fax +39.06.3685.8148
E-mail:
comunicazione&[email protected]
   

Sponsor e Partner

Partner istituzionali

CONI
logo-comitato-italiano-paralimpico-1
ICS
INAIL