News

Comunicato Stampa

lunedì 4 Febbraio 2008

Comunicato Stampa

MISSIONE PECHINO: L’OPINIONE DI FRANCO VENTURINI

Che l’avvicinarsi dei Giochi olimpici faccia sorgere in Cina nuovi impianti sportivi, nuovi alberghi o nuove autostrade, è previsto e persino banale. Ma basta gettare lo sguardo dietro il paravento della normalità per scoprire che gli stadi non sono tutto, e che le Olimpiadi del 2008 stanno scavando anche nei mali consolidati dell’ex Impero di Mezzo. La campagna anti-inquinamento ha assunto i ritmi di una crociata, a tal punto che decine di migliaia di abitazioni sono state dichiarate fuori norma e migliaia di fabbriche sono state multate o addirittura chiuse per aver fatto quel che fino a ieri veniva ampiamente tollerato.
Un esercito di ispettori spuntati dal nulla vigila sugli standard quantitativi del cibo e sull’igiene dei luoghi pubblici di consumo, e anche qui si è verificata una strage tra quanti non avevano previsto un giro di vite tanto energico. Alcuni dissidenti sono stati liberati. Gli scavi hanno portato a nuove scoperte archeologiche, fioriscono le inaugurazioni di musei (l’arte contemporanea cinese va ormai per la maggiore in tutto il mondo) e di nuove librerie adeguatamente fornite. E’ stata annunciata una revisione della norma che vieta l’ingresso in Cina ai malati di Hiv. Allo scandalo dei giocattoli pericolosi “made in China” le autorità hanno risposto vietando le esportazioni a 750 fabbriche e chiudendone una buona parte.
Non voglio dire che la Cina preolimpica stia diventando una specie di paradiso. I diritti civili sono ancora carenti, internet viene ancora censurato, una schedatura preventiva è già in atto per i ventottomila giornalisti stranieri attesi per i Giochi. Ma considerati i punti di partenza, la preparazione all’Olimpiade sta comunque modificando il volto della Cina e continuerà a farlo. Se tanto mi da tanto, non sarebbe il caso di tornare ad avanzare una candidatura olimpica dell’Italia? Chissà, forse alla vigilia dei Giochi dell’anno X potremmo finalmente varare le riforme di cui tanto discutono i nostri politici.

Franco Venturini
da Corriere della Sera Magazine


FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO
www.canottaggio.org
Ufficio Stampa
Tel. +39.335.6360335 – Fax +39.06.3685.8148
E-mail:
comunicazione&[email protected]
   

Sponsor e Partner

Partner istituzionali

CONI
logo-comitato-italiano-paralimpico-1
ICS
INAIL