Coastal Rowing / News

Danzica. Le finali dell’Europeo di Coastal Rowing Endurance

venerdì 21 Giugno 2024

Danzica. Le finali dell’Europeo di Coastal Rowing Endurance

Sono cinque gli equipaggi italiani che oggi gareggiano per una delle medaglie in palio nell’Europeo 2024 di Coastal Rowing Endurance. Questo il resoconto delle regate:

DOPPIO MASCHILE SOCIETA’ – Sono diciotto gli equipaggi finalisti del doppio societario con l’Italia in gara per una delle medaglie in palio in questo Europeo in svolgimento nelle spiagge polacche del Baltico. Partenza veloce dell’Irlanda seguita dagli equipaggi francesi e spagnoli con l’Italia1 (SC Palermo-Luca Francaviglia, Federico Amato) nel gruppo centrale. Nel primo giro di boa l’Irlanda viene affiancata dalla Francia, ma riesce a superare prima la virata e alla seconda virata è sempre la Francia che si affianca agli irlandesi che reagiscono mentre la formazione della SC Palermo rimane invischiata nelle retrovie tra la nona e decima posizione. A metà gara la lotta e oramai tra le battistrada con l’Irlanda che prima viene agganciata dai francesi (205) e poi superata dagli stessi. La barca irlandese (210), provata dalla prima parte di gara, tenta di ricuperare e comunque mantenere almeno la seconda posizione insidiata dalla formazione di Francia1. La barca italiana, invece, cerca di recuperare posizioni nel tratto conclusivo e, al termine di una finale vinta dalla Francia3 davanti all’Irlanda1 ed a Francia1, si piazza all’ottavo posto con Luca Francaviglia che brucia nella corsa finale l’avversario di Spagna2. 1. Francia03 (Societe Nautique De La Baie De Saint-Malo-Kerrian Boulay, Clement Thomas) 26.52.05, 2. Irlanda01 (Ring Rowing Club-Noel Creedon, Neil O’Sullivan) 27.04.64, 3. Francia01 (Association Sportive Corbeil Essonnes-Alexis Fortier, Aymeric Fortier) 27.12.08, 4. Danimarca03 (Danske Studenters Roklub) 27.22.47, 5. Spagna01 (Real Club Regatas Alicante) 27.23.23, 6. Azerbaigian01 (Rowing Club BAKU) 27.42.14, 7. Francia02 (Club D Aviron De Mer De Barneville Carteret) 28.00.95, 8. Italia01 (SC Palermo-Luca Francaviglia, Federico Amato) 28.10.04, 9. Spagna02 (Club De Mar Clot De L Illot El Campello) 28.12.16, 10. Austria02 (Wiking Bregenz) 28.28.86.

SINGOLO MASCHILE – partenza regolare al largo della Brzeźno Beach per i 14 concorrenti con Gabriele Loconsole, della SC Cernobbio, in corsia numero nove a prendere subito il largo. L’azzurro si lancia subito in avanti per condurre tallonato dalla Svezia (137) di Dennis Gustavsson sia alla prima che alla seconda virata. Nel rettilineo arrivano le prime sportellate tra i due concorrenti che cercano di sopravanzarsi. In questo duello ha la meglio la Svezia che supera l’Italia che paga lo sforzo iniziale. A metà gara l’Italia è seconda dietro a una Svezia che comunque non riesce a staccare Loconsole che, ripreso, affianca nuovamente lo svedese bordeggiando finché non riesce a mettere la punta nuovamente davanti allo svedese che appare provato. Gabriele deciso a mantenere la testa della gara si presenta al giro di boa dei tre quarti di gara davanti alla Svezia che subito dopo prova a ricuperare il gap che lo divide dall’azzurro. Un’operazione che riesce a Gustavsson che prima del rettilineo finale supera l’Italia che tenta di reagire, ma aumenta ancora per mettere al sicuro l’oro seguito sul traguardo dall’Italia e dalla seconda barca svedese di Eksil Borgh per il bronzo. Italia medaglia d’argento al termine di una gara davvero combattuta. 1. Svezia01 (Dennis Gustavsson) 29.19.99, 2. Italia2 (Gabriele Loconsole-SC Cernobbio) 29.32.52, 3. Svezia02 (Eskil Borgh) 29.49.31, 4. Polonia01 30.26.44, 5. Spagna02 30.44.30, 6. Irlanda01 31.00.02, 7. Gran Bretagna01 31.08.41, 8. Spagna01 31.13.90, 9. Germania01 31.39.91, 10. Austria01 32.09.45.

SINGOLO FEMMINILE – nove concorrenti al via e tra queste Annalisa Cozzarini (CC Saturnia) che parte insieme al gruppo dei primi e si porta in testa seguita dalla Finlandia e dalla Francia2. Un inizio di gara impostata per prendere il largo in un tratto di mare che inizia a gonfiare per l’arrivo di una perturbazione che, in ogni modo, consente di gareggiare sempre in sicurezza. A circa tre minuti dal via è Francia2 a prendere il comando seguita da Annalisa Cozzarini, mentre al largo, dopo una prima parte in sordina, si affaccia l’Azerbaijan che si porta a ridosso delle battistrada. Dopo la prima virata l’atleta azera va al comando seguita dall’Italia. Ma sono Irlanda e Finlandia a superare subito dopo la barca azzurra che rimane impigliata nelle retrovie. A condurre con autorevolezza Diana Dymchenko che continua la sua corsa vincente inseguita da Irlanda1 e dalla barca finlandese, mentre l’Italia oramai rimane fuori dal gioco delle medaglie che sono appannaggio, nell’ordine, di Azerbaijan, Irlanda e Finlandia, mentre l’Italia di Annalisa Cozzarini si piazza al 5° posto dopo una gara che l’ha vista anche condurre inizialmente. 1. Azerbaijan01 (Diana Dymchenko) 32.53.40, 2. Irlanda01 (Monika Dukarska) 33.33.43, 3. Finlandia02 (Eeva Karppinen) 33.41.61, 4. Francia01 34.06.24, 5. Italia02 (Annalisa Cozzarini-CC Saturnia) 34.11.29, 6. Francia02 34.24.11, 7. Austria01 34.45.97, 8. Finlandia01 35.31.24, 9. Irlanda02 35.38.93.

DOPPIO MISTO – due barche italiane tra le undici che sono partite per questa finale del doppio misto. Una veloce partenza vede prendere il largo subito la formazione di Finlandia1 seguita al giro di boa dalla Francia, mentre dopo essere stati coinvolti in un contatto tra loro dopo il via, nel gruppo ci sono i portacolori azzurri di ITA1 Simone Martini (SC Padova) e Elena Joana Armeli (C Mondello) e di ITA2 Rosario Sebastiano Panteca (Rowing Club Peloro) e Violante Lama (DiBi Rowing). Una gara che nella prima metà gara è rimasta saldamente nelle mani finlandesi insidiata dalla Francia e dall’Olanda, mentre Italia1 rimasta nelle retrovie è ottava in pressing per risalire di posizione, più attardata invece Italia2.

Nella seconda parte la Finlandia continua a mantenere la posizione di testa, ma la barca francese non le dà tregua con la Svezia al terzo posto. Migliora la posizione anche l’Italia1 di Martini e Armeli, ma subisce anche una penalità di 60 secondi per una collisione con l’equipaggio polacco. Sul finale la Francia prima affianca e poi supera proprio sulla spiaggia la Finlandia che, per pochi secondi, si vede sfilare dal collo l’oro, terza la Svezia con l’Italia che approda al quinto posto ma deve scontare la penalità e alla fine chiude al nono mentre Italia2, mai stata in lotta per le prime posizioni, chiude al decimo posto. 1. Francia02 (Mathis Nottelet, Chloe Briard) 28.27.59, 2. Finlandia01 (Joel Naukkarinen, Eeva Karppinen) 28.35.38, 3. Svezia01 (Maria Berg, Peter Berg) 28.40.64, 4. Francia01 28.55.48, 5. Olanda01 29.39.23, 6. Spagna02 29.54.13, 7. Gran Bretagna01 30.11.27, 8. Polonia01 30.15.42, 9. Italia01 (Simone Martini-SC Padova, Elena Joana Armeli-C Mondello) 30.28.78 (penalty +60 s), 10. Italia02 (Rosario Sebastiano Panteca-Rowing Club Peloro, Violante Lama-DiBi Rowing) 30.36.48.