News

Il report dell’incontro di Belgrado tra la FISA e le Federazioni Nazionali

mercoledì 17 Maggio 2017

Il report dell’incontro di Belgrado tra la FISA e le Federazioni Nazionali


ROMA, 17 maggio 2017 – Con l’inizio del nuovo quadriennio olimpico la FISA si è posta l’obiettivo di attivare una discussione costante per trovare le risposte alle nuove problematiche evidenziate durante il Congresso svoltosi a Tokyo e del quale ne abbiamo dato notizia su sito. Sono stati calendarizzati una serie d’incontri che si svolgeranno in occasione di eventi internazionali. A Belgrado, come già evidenziato, la Nazionale non era presente poiché impegnata nello svolgimento del secondo Meeting Nazionale e, quindi, ha incaricato il Giudice Arbitro Internazionale Luca Borgioli a seguire i lavori della riunione durante la quale sono stati trattati argomenti di interesse generale che coinvolgono anche i cambiamenti in atto nell’intero mondo del canottaggio. Oggi, quindi, dopo aver notiziato sulla riunione svoltasi a Gavirate durante l’Internazionale Para-Rowing, visibile a questo link, diamo anche riscontro a quanto discusso a Belgrado venerdì 5 maggio a margine della Prima Prova di Coppa del Mondo.

Tra i temi trattati v’è quello legato allo svolgimento dei Campionati del Mondo con la FISA che sta valutando il nuovo programma per i Campionati del Mondo con la proposta di condensare tutte le categorie in un unico evento. L’accorpamento, già sperimentato lo scorso anno in Olanda a Rotterdam, determinerebbe che: a) la partecipazione dell’atleta sarebbe limitata ad una sola categoria non avendo i tempi necessari per il recupero fisico; b) il programma dovrà rispettare l’equità di genere col numero delle specialità maschili che dovranno essere le stesse di quelle femminili; c) il programma gare dovrà essere bilanciato per avere un interessante impatto mediatico; d) si dovranno valutare i nuovi criteri per l’ammissione delle imbarcazioni; e) una nuova valutazione del minimo numero d’iscritti affinché la specialità non venga cancellata e, quindi, mantenuta nel programma dei Campionati del Mondo; f) dovrà essere un programma che tenga in considerazione il numero di gare, le tempistiche e la possibilità d’imprevisti come eventuali avverse condizioni meteo.

Si è parlato delle prossime Qualificazioni per le Olimpiadi di Tokyo 2020 e, alla luce dei tagli sul numero dei partecipanti previsti per le prossime Olimpiadi, la FISA in collaborazione col CIO dovrà approntare un programma e un sistema di qualificazioni olimpiche che tenga presente le seguenti prerogative: 1. equità di genere; 2. la partecipazione del maggior numero di nazioni; 3. un programma gare che risulti avvincente da un punto di vista mediatico; 4. fissare un numero massimo di opportunità di qualificazione; 5. fissare un numero limite di equipaggi per ogni Continente; 6. fissare un numero massimo di equipaggi per ogni nazione.

Per quanto riguarda la categoria Pesi leggeri è stato evidenziato che molti sport olimpici non prevedono una categorizzazione legata al peso, inoltre si sono verificati casi in cui gli atleti, per poter partecipare nella categoria pesi leggeri, hanno fatto ricorso a metodi che non salvaguardano la loro salute. La FISA, quindi, si sta ponendo il quesito su cosa comporterebbe l’eliminazione della categoria pesi leggeri oppure se il criterio del solo peso sia sufficiente per categorizzare un atleta. Per il canottaggio Para-Rowing, infine, la FISA sta lavorando per approntare il sistema di Qualificazione Paralimpica; sulla classificazione degli atleti e delle categorie; sui costi del Para-Rowing; sulla sicurezza degli atleti; sullo sviluppo del Para-Rowing e sulla validità del percorso che, in base alle nuove norme, è stato portato da 1000 a 2000 metri.

Sponsor e Partner

Partner istituzionali

CONI
logo-comitato-italiano-paralimpico-1
ICS
INAIL