News

Szeged, mattinata azzurra dedicata a montaggio barche e  allenamenti. Alle 17 la finale dell’otto femminile

venerdì 31 Luglio 2015

Szeged, mattinata azzurra dedicata a montaggio barche e  allenamenti. Alle 17 la finale dell’otto femminile

SZEGED, 31 luglio 2015 – Il cielo di Szeged minaccia pioggia, mentre la temperatura intorno ai 20 gradi e un bacino remiero sostanzialmente piatto rendono ottimali le condizioni per scendere in acqua. Questo lo scenario che la squadra azzurra ha trovato questa mattina sul Maty, il campo di regata che ospiterà questo weekend la Coupe de la Jeunesse, competizione Junior di livello continentale giunta alla trentunesima edizione.

I 40 azzurrini sono scesi sul campo di gara, distante circa sette chilometri dal centro cittadino, attorno alle 9.30, e subito si sono adoperati, guidati dai tecnici al seguito della Nazionale, per montare le barche sulle quali saranno chiamati a difendere il successo generale nella classifica della Coupe, conquistato a suon di vittorie lo scorso anno a Libourne, in Francia. Per gli armi azzurri qualche chilometro di fondo condito da scatti, partenze e prove di passo gara, per arrivare preparati al confronto con le altre undici nazioni presenti a Szeged.

Particolare attenzione all’interno del gruppo femminile, che nel pomeriggio, alle 17, aprirà la Coupe de la Jeunesse con la finale dell’otto. Una gara dimostrativa, ma pur sempre una gara, che dall’edizione varesina del 2007 è entrata nella tradizione della Coupe, anticipando di mezz’ora la cerimonia di apertura, in programma dunque alle 17.30.

L’ammiraglia rosa della Nazionale italiana, composta da cinque atlete del CUS Torino (Beatrice Fioretta, Valentina Gallo, Letizia Tontodonati, Khadija Alajdi El Idrissi, Diletta Diverio), due del CC Aniene (Lavinia Martini, Eugenia Marotta) e una della SC Telimar (Alice Stella) e guidata dal timoniere Riccardo Zoppini della SC Varese, cercherà di riconquistare una vittoria che manca dall’edizione di Banyoles 2012, mentre nell’ultimo biennio, Lucerna 2013 e Libourne 2014, l’otto femminile azzurro si è sempre classificato al secondo posto.


 

Sponsor e Partner

Partner istituzionali

CONI
logo-comitato-italiano-paralimpico-1
ICS
INAIL