News

Karapiro, Risultati e resoconti SEMIFINALI e FINALI 6^ giornata

venerdì 5 Novembre 2010

Karapiro, Risultati e resoconti SEMIFINALI e FINALI 6^ giornata

KARAPIRO (NZL), 05 novembre 2010 – Oggi a Lake Karapiro si assegnano i primi titoli iridati delle categorie Assoluti e Pesi Leggeri.
Dopo la pioggia di questa mattina, arriva il sole a Lake Karapiro: temperatura attorno ai 18 gradi e vento laterale contro (10 m/s) sia alla partenza sia negli ultimi 500 metri.

 

FINALI A

Quattro di coppia Maschile
Scocca l’ora dei finanzieri Luca Agamennoni, Simone Venier, Matteo Stefanini e Simone Raineri (colpito da febbre in mattinata). Primi 500 metri a contatto con la favorita Croazia, 64 centesimi il margine a favore dei croati che poco prima dei 1000 metri subiscono il sorpasso azzurro (23 centesimi). Occorre non sbagliare nulla, lo sa bene il capovoga Raineri che fa valere la sua esperienza in questa situazione. Ai 1500 Italia e Croazia si giocano l’oro, sono appaiati mentre la Germania deve tenere a bada l’Australia: 43 centesimi per gli azzurri che però nel finale non sono fluidi e veloci nel serrate come i loro avversari. Vince la Croazia per 1”26, alzano le braccia al cielo i due Simone, Matteo e Luca: questo risultato è una bellissima iniezione di fiducia per il futuro, a meno di due anni dalle Olimpiadi! ARGENTO ITALIA!

1) CRO (David Sain, Martin Sinkovic, Damir Martin, Valent Sinkovic) 6’15”78, 2) ITA (Luca Agamennoni, Simone Venier, Matteo Stefanini, Simone Raineri) 6’17”04, 3) AUS (Karsten Forsterling, David Crawshay, James Mcrae, Daniel Noonan) 6’18”93, 4) GER (Hans Gruhne, Tim Grohmann, Lauritz Schoof, Mathias Rocher) 6’19”53, 5) GBR (Charles Cousins, Sam Townsend, Bill Lucas, Stephen Rowbotham) 6’26”23, 6) RUS (Nikita Morgachev, Igor Salov, Artem Kosov, Sergey Fedorovtsev) 6’34”90.

Quattro di coppia Femminile
1) GBR (Debbie Flood, Beth Rodford, Frances Houghton, Annabel Vernon) 7’12”78, 2) UKR (Kateryna Tarasenko, Olena Buryak, Anastasiia Kozhenkova, Yana Dementieva) 7’14”95, 3) GER (Britta Oppelt, Carina Baer, Tina Manker, Julia Richter) 7’15”26, 4) AUS (Kerry Hore, Brooke Pratley, Kim Crow, Sally Kehoe) 7’19”81, 5) USA (Margot Shumway, Sarah Trowbridge, Megan Kalmoe, Natalie Dell) 7’20”82, 6) NZL (Sarah Gray, Fiona Bourke, Genevieve Armstrong, Linda Matthews) 7’30”76.

Quattro senza Maschile
C’è un compito durissimo per gli azzurri Mario Paonessa, Francesco Fossi, Vincenzo Capelli e Andrea Palmisano. Capitano nella corsia 6, quella più bersagliata dal vento traversale contro dove nelle gare precedenti hanno sofferto molto anche altri equipaggi. Incassano così oltre sette secondi dalla Gran Bretagna nella prima parte del percorso uscendo subito dalla corsa per le medaglie nonostante i faticosi sforzi profusi per rimettersi in carreggiata. La Gran Bretagna sorride sino metà percorso, cede la leadership alla Francia che decolla insieme alla Grecia rifilando agli inglesi oltre sette secondi nella seconda parte. Francia campione del mondo in 6’45”38, 1”77 sulla Grecia e tre secondi netti alla Nuova Zelanda, favorita alla vigilia insieme alla Gran Bretagna che neppure sale sul podio. Per Palmisano e compagni la delusione di non aver potuto esprimere il meglio della propria condizione e non aver dato sfogo a tutto il loro entusiasmo. Nessuno potrà togliergli la grande impresa della loro semifinale, essere tra i primi sei quattro senza del mondo è già comunque un grande successo. ITALIA SESTA.

1) FRA (Jean-Baptiste Macquet, Germain Chardin, Julien Despres, Dorian Mortelette) 6’45”38, 2) GRE (Stergios Papachristos, Ioannis Tsilis, Nikolaos Gkountoulas, Apostolos Gkountoulas) 6’47”15, 3) NZL (Jade Uru, Simon Watson, Hamish Burson, David Eade) 6’48”38, 4) GBR (Alex Partridge, Richard Egington, Alex Gregory, Matthew Langridge) 6’49”02, 5) USA (Giuseppe Lanzone, Henrik Rummel, Samuel Stitt, Silas Stafford) 6’55”94, 6) ITA (Mario Paonessa, Francesco Fossi, Vincenzo Capelli, Andrea Palmisano) 7’01”58.

Doppio Pesi Leggeri Maschile
Buon avvio per Lorenzo Bertini ed Elia Luini: i campioni olimpici Hunter e Purchase transitano primi ai 500, Uru e Taylor (Nuova Zelanda) a 1”25 e Italia a 1’53. Elia e Lorenzo martellano i neozelandesi sul passo: sorpasso e ben 2”13 di margine ai 1000 con gli inglesi sempre primi a 1”85. Per la terza posizione, dall’acqua 1 più protetta dalle insidie del vento sempre più forte con il passare delle regate, il Canada attacca la Nuova Zelanda. Italia saldamente seconda. Ai 1500 aumentano il ritardo dagli inglesi (2”44) ma anche il vantaggio su canadesi (3”63) e neozelandesi (3”74). Serrate inglese, serrate italiano: non cambiano le posizioni, Uru e Taylor soffiano il bronzo a Sylvester e Vandor per 3 centesimi. Boato del pubblico all’annuncio dello speaker ma anche per gli azzurri in tribuna che festeggiano Lorenzo Bertini ed Elia Luini. ARGENTO ITALIA!

1) GBR (Zac Purchase, Mark Hunter) 7’13”47, 2) ITA (Lorenzo Bertini, Elia Luini) 7’15”88, 3) NZL (Storm Uru, Peter Taylor) 7’18”31, 4) CAN (Douglas Vandor, Cameron Sylvester) 7’18”34, 5) CHN (Fangbing Zhang, Tiexin Wang) 7’25”27, 6) POR (Pedro Fraga, Nuno Mendes) 7’33”76

Doppio Pesi Leggeri Femminile
1) CAN (Lindsay Jennerich, Tracy Cameron) 8’06”20, 2) GER (Daniela Reimer, Anja Noske) 8’07”33, 3) GRE (Christina Giazitzidou, Alexandra Tsiavou) 8’09”14, 4) AUS (Alice Mcnamara, Hannah Every-Hall) 8’11”17, 5) GBR (Hester Goodsell, Sophie Hosking) 8’13”90, 6) NZL (Lucy Strack, Julia Edward) 8’15”69

Due senza Pesi Leggeri Maschile
Siamo vicecampioni del mondo in questa specialità. Luca Motta e Giorgio Tuccinardi provano a ripercorrere i fasti di Armando Dell’Aquila e Andrea Caianiello (oro a Monaco 2007, argento a Linz 2008 e Poznan 2009). Buona partenza per gli azzurri che ai 500 metri si collocano a ridosso di Francia (1”30) e Nuova Zelanda (10 centesimi). Il passo dei campioni del mondo Bette e Tilliet non è alla nostra portata: nemmeno i neozelandesi scherzano, i canadesi Jensen e Crisan insidiano la barca italiana ai 1000 ma i nostri resistono mantenendo 94 centesimi sul Canada e 1”16 sulla Germania. Lo sforzo dei primi 1000 metri si fa sentire poco dopo e il terzo parziale è il peggiore per Tuccinardi e Motta che in pratica abbandonando le speranze per il podio a causa del’intensità degli attacchi canadesi. Francia e Nuova Zelanda battagliano per il titolo mondiale, Bette e Tillier alzano ancora una volta le braccia al cielo. I campioni del mondo sono loro, 2”37 il vantaggio sulla Nuova Zelanda. Canada di bronzo con 2”03 sulla coppia piemontese di Armida e Forestale. ITALIA QUARTA.

1) FRA (Fabien Tilliet, Jean-Christophe Bette) 7’18”92, 2) NZL (Graham Oberlin-Brown, James Lassche) 7’21”29, 3) CAN (Matt Jensen, Rares Crisan) 7’23”79, 4) ITA (Luca Motta, Giorgio Tuccinardi) 7’25”82, 5) GER (Daniel Wisgott, Lars Wichert) 7’30”16, 6) GBR (Chris Boddy, Adam Freeman-Pask) 7’39”78.

Quattro senza Femminile
1) NED (Chantal Achterberg, Nienke Kingma, Carline Bouw, Femke Dekker) 7’21”09, 2) AUS (Sarah Heard, Sarah Cook, Pauline Frasca, Kate Hornsey) 7’23”99, 3) USA (Mara Allen, Grace Luczak, Adrienne Martelli, Alison Cox) 7’24”56, 4) NZL (Genevieve Behrent, Alexandra Burnside, Zoe Stevenson, Lucy Spoors) 7’29”42

 

SEMIFINALI

Singolo Pesi Leggeri Maschile (i primi tre in finale)
(sf1)
1) DEN (Henrik Stephansen) 7’20”46, 2) SVK (Lukas Babac) 7’21”51, 3) ITA (Marcello Miani) 7’23”38, 4) NZL (Duncan Grant) 7’25”03, 5) NED (Jaap Schouten) 7’37”16, 6) BRA (Ronald De Sousa Brito) 7’58”25.
(sf2)
1) HUN (Peter Galambos) 7’31”75, 2) JPN (Daisaku Takeda) 7’33”71, 3) GBR (Peter Chambers) 7’35”72, 4) GER (Jonathan Koch) 7’42”61, 5) USA (Daniel Urevick-Ackelsberg) 7’49”23, 6) AUT (Alexander Rath) 7’59”42.

Doppio Maschile (i primi tre in finale)
(sf1)
1) Nzl 6’44”77, (Nathan Cohen, Joseph Sullivan) 2) Aus 6’46”73, (Nick Hudson, Jared Bidwell) 3) Fra 6’46”79, (Cedric Berrest, Julien Bahain) 4) Usa 6’47”31, (Glenn Ochal, Warren Anderson) 5) Chn 7’00”85, (Hang Liu, Zhiqiang Shi) 6) Sui 7’01”29, (Andre Vonarburg, Florian Stofer.
(sf2)
1) GBR (Matthew Wells, Marcus Bateman) 6’49”03, 2) GER (Eric Knittel, Stephan Krueger) 6’51”00, 3) NOR (Nils Jakob Hoff, Kjetil Borch) 6’51”78, 4) ARG (Ariel Suarez, Cristian Rosso) 6’58”36, 5) CZE (Petr Vitasek, David Jirka) 7’01”54, 6) EST (Allar Raja, Kaspar Taimsoo) 7’02”28.

 

FINALI B

Doppio Pesi Leggeri Femminile
1) CHN (Wenyi Huang, Feihong Pan) 7’40”46, 2) USA (Ursula Grobler, Abelyn Broughton) 7’40”83, 3) ITA (Giulia Pollini, Erika Bello) 7’42”86, 4) BEL (Jo Hammond, Evi Geentjens) 7’46”00, 5) AUT (Manuela Laimboeck, Michaela Taupe-Traer) 7’51”05, 6) ESP (Maialen Arrazola Santesteban, Teresa Mas De Xaxars Rivero) 7’57”47.

 

Sponsor e Partner

Partner istituzionali

CONI
logo-comitato-italiano-paralimpico-1
ICS
INAIL