San Miniato, le finali Para-rowing: tutti a segno gli azzurri, vittoria
 con record mondiale negli LTA ID


SAN MINIATO, 10 gennaio 2016 - Azzurri protagonisti nell’assegnazione dei titoli italiani Para-rowing e Para-rowing LTA ID, fase che si è conclusa poco fa al Palasport di San Miniato. Tutti e tre a segno gli atleti in azzurro agli ultimi Mondiali di categoria, ad Aiguebelette (Francia). Luca Lunghi (CUS Ferrara), capovoga in Francia del quattro con LTA misto qualificatosi per i Giochi Paralimpici di Rio de Janeiro, vince il titolo LTA maschile su Ettore Vanoli e sul campione uscente Simone Bardelli, entrambi rappresentanti della Canottieri Gavirate. Titolo italiano sul filo per Fabrizio Caselli (SC Firenze): l’azzurro qualificatosi per la Paralimpiade brasiliana nel singolo AS ad Aiguebelette, ha vinto il tricolore con appena tre decimi di vantaggio su Marco Del Bene della SC Pontedera. Record italiano nell’occasione per Caselli, che ha fermato il cronometro mezzo secondo in anticipo rispetto al suo precedente primato, registrato a Brindisi nel 2014. Soddisfazione anche per Del Bene, che pur battuto anch’egli è andato al di sotto del vecchio record italiano di Caselli. Titolo italiano per Anila Hoxha (CUS Torino), azzurra ad Aiguebelette nel doppio TA misto, nella categoria AS femminile.

Doppietta per la Canottieri Gavirate: Elisabetta Tieghi si impone nella categoria LTA ID femminile sulla compagna di squadra Serena Menichelli e su Sarah El Laban (SC Armida); nella categoria LTA femminile titolo per Caterina Cavuoti. Nella gara TA successo per Piero Rosario Suma del GSP Difesa su Samuel Battaglia della SC Menaggio, mentre nell’ultima gara del programma Para-rowing, LTA ID, vittoria con record mondiale per Francesco Saverio Di Donato (Accademia del Remo e dello Sport) su Said Ahmed H’moudi (VVF Tomei) e Lorenzo Mazzoletti (SC Menaggio).


LEGENDA PARA-ROWING
LTA (LEGS–TRUNK–ARMS): l’atleta utilizza tutto il corpo: gambe, tronco e braccia. Appartengono a questa categoria atleti ed atlete non vedenti, amputati ad un arto o con altre minime disabilità fisiche.
 
TA (TRUNK–ARMS): l’atleta utilizza solo il tronco e le braccia. Appartengono a questa categoria gli atleti e le atlete che non hanno l’uso delle gambe o gli amputati a tutti e due gli arti inferiori
 
AS (ARMS-SHOULDERS): l’atleta utilizza solo le braccia e le spalle. Appartengono a questa categoria tutti gli atleti e le atlete che hanno subito lesioni alla colonna vertebrale e compromesso l’uso delle gambe e del tronco.


ID (INTELLECTUAL DISABILITY): atleti con disabilità intellettiva e relazionale.

 

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Niccolò Bagnoli - Luigi Mancini - Camilla Frigerio
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.