Aiguebelette. Risultati e resoconti SEMIFINALI (04/09)


AIGUEBELETTE, 04 settembre 2015 -

QUATTRO SENZA PESI LEGGERI MASCHILE
Prima semifinale - I primi tre in finale A altri in finale B
: 1. Danimarca 5.55.33, 2. Olanda 5.56.29, 3. Nuova Zelanda 5.56.62, 4. Cina 5.58.88, 5. Canada 6.06.55, 6. Austria 6.24.23
Seconda semifinale – I primi tre in finale A altri in finale B: La Francia schizza fuori dai blocchi allo start della seconda semifinale del quattro senza pielle, con gli azzurri quarti attaccati alla Gran Bretagna, bronzo iridato in carica e con a bordo Peter Chambers argento olimpico a Londra 2012 nella specialità, terza. In prossimità della metà gara si fa forte il forcing degli azzurri, sempre quarti ma ad un niente dagli inglesi mentre la Svizzera, medesimo equipaggio campione europeo in carica e quinto a Londra 2012, passa la Francia. Il passo degli inglesi aumenta e con loro quello dell’armo azzurro, che vuole fortemente la finale e con essa il pass per i Giochi di Rio. In chiusura gli svizzeri volano indisturbati verso la vittoria, francesi secondi, poco più di un secondo dietro chiudono Di Seyssel e compagni, che incrementano in acqua staccando definitivamente la Gran Bretagna. Italia terza e qualificata per Rio 2016. 1. Svizzera 5.51.35, 2. Francia 5.54.55, 3. Italia (Alberto Di Seyssel-SC Armida, Livio La Padula-Fiamme Oro, Stefano Oppo-Forestale, Martino Goretti-Fiamme Oro) 5.55.87, 4. Gran Bretagna 5.58.68, 5. Repubblica Ceca 6.02.82, 6. Stati Uniti 6.05.12

DOPPIO MASCHILE
Prima semifinale – i primi tre in finale gli altri in finale B: è la Croazia che parte velocemente e si porta al comando da subito tallonato dalla Nuova Zelanda e dall’Australia, con l’Italia che dal quinto posto iniziale tenta di recuperare, ma a metà gara è ancora quinta. Sono sempre i fratelli Sinkovic, campioni mondiali 2013 e 2014 e argento olimpico a Londra sul quattro di coppia, a condurre seguiti a 1500 metri dalla Nuova Zelanda e dall’Australia, terza ad Amsterdam 2014, mentre l’Italia dalla quinta risale in quarta posizione in attacco. Sul finale mentre la Croazia vince, nelle retrovie si accende la bagarre tra Australia, Nuova Zelanda e Italia che attacca per entrare in finale e per soli 30 centesimi non riesce nel tentativo. Per l’Italia finale B. 1. Croazia 6.10.45, 2. Australia 6.12.34, 3. Nuova Zelanda 6.12.66, 4. Italia (Giacomo Gentili-SC Bissolati, Romano Battisti-Fiamme Gialle) 6.12.96, 5. Norvegia 6.27.33, 6. Azerbaijan 6.38.98
Seconda semifinale – i primi tre in finale gli altri in finale B: 1. Germania 6.10.61, 2. Lituania 6.11.85, 3. Francia 6.12.49, 4. Cuba 6.16.54, 5. Gran Bretagna 6.17.05, 6. Bulgaria 6.21.25

 

Prossime Regate

  • EUPILIO - 10/08/2020
    Selezioni Campionati Europei Under 23
  • PARTINICO - 29-30/08/2020
    Regata Regionale valida Montu e d'Aloja
  • PADOVA - 30/08/2020
    Regata Regionale chiusa Valida d'Aloja e Montu (Campionato Regionale U15)
  • SASSOCORVARO - 30/08/2020
    Regata Regionale aperta valida Montu e d'Aloja deroga percorso su. 1.500 mt.

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.