Ammiraglia e doppio femminile dominano le finali B


PLOVDIV, 25 luglio 2015 - Nelle finali B di questa mattina a vincere sono stati l'otto e il doppio femminile. Coraggio e voglia di rivalsa sono i sentimenti che hanno contraddistinto questi due equipaggi. Al secondo posto si è piazzato, invece, il doppio maschile, mentre il singolo pesi leggeri femminile e il singolo femminile si sono attestati, rispettivamente al quinto e sesto posto.

Per quanto riguarda la cronaca delle gare, il singolo pesi leggeri femminile è stato il primo scendere in acqua. Federica Molinaro (Nazario Sauro), mentre Ungheria e Repubblica Ceca si davano battaglia, al passaggio della prima frazione era già quinta, ma ancora in gara. Sul finale a vincere è la barca ceca, seconda quella ungherese, mentre l’Italia chiude in quinta posizione, undicesima assoluta. Bella la prova del doppio under 23 femminile di Cecilia Bellati (CLT Terni) e Ludovica Serafini (CC Aniene) che, determinate più che mai, dopo una partenza in sordina si portano al comando e sul finale, con rabbia, allungano il distacco sull’Ungheria rifilando loro ben 6”68 e 10”63 alla barca polacca. Italia settima assoluta.

Ottima prova di forza del doppio di Federico Garibaldi e Davide Mumolo (SC Elpis) che, con la voglia di rivalsa per la mancata finale, si sono subito avventati sulla Francia ricuperando il gap iniziale che li ha visti passare quarti e poi secondi a metà gara. Salvo una breve parte di gara, scesi al terzo posto per il ritorno della Svizzera, sul finale chiudono secondi, ottavi assoluti. Nulla da fare, invece, per il singolo femminile di Carmela Pappalardo (CC Irno) rimasta sempre in sesta posizione tranne al passaggio dei 1500 metri, dove è transitata quinta. Sul finale l'azzurra ha però subito nuovamente il ritorno ucraino ed ha chiuso al sesto posto. Dodicesima assoluta.

A chiudere la serie di finalisti B l’ammiraglia azzurra di Andrea Guanziroli (SC Lario), Christian Biolcati (C Gavirate), Stefano Morganti (SC Tremezzina), Raffaele Giulivo (Marina Militare), Emanuele Gaetani Liseo (SC Telimar), Alberto Dini (SC Firenze), Nicholas Brezzi Villi (CC Saturnia), Neri Muccini (SC Firenze) e Giorgio Crippa (SC Moltrasio) al timone che ha dominato tutta la gara facendo dimenticare, a tutti gli spettatori, i tredici centesimi che gli hanno vietato la finalissima di oggi. Una condotta di gara eccellente, coraggiosa e piena di cuore poiché ad ogni passaggio è riuscita ad aumentare il distacco dagli avversari. Sul finale, bella e composta, ha tagliato il traguardo davanti alla Croazia, seconda, e all’Ucraina, terza. Italia settima assoluta.

  

Prossime Regate

  • EUPILIO - 10/08/2020
    Selezioni Campionati Europei Under 23
  • PARTINICO - 29-30/08/2020
    Regata Regionale valida Montu e d'Aloja
  • PADOVA - 30/08/2020
    Regata Regionale chiusa Valida d'Aloja e Montu (Campionato Regionale U15)
  • SASSOCORVARO - 30/08/2020
    Regata Regionale aperta valida Montu e d'Aloja deroga percorso su. 1.500 mt.

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.