Sara Magnaghi singolista mondiale: argento a Varese


MOLTRASIO, 28 luglio 2014 - L’ha cercata per cinque mondiali tra juniores, under23 e senior, e ora al sesto, quello di casa, quello della sua categoria, quello che ha vissuto in barca da sola, è medaglia d’argento. Sara Magnaghi, azzurra della Canottieri Moltrasio, ai Campionati del Mondo U23 di Varese chiude il medagliere italiano con un’impresa unica per se stessa e per la squadra. Nel singolo è seconda solo alla già campionessa iridata del doppio Milda Valciukaite e il suo argento è il primo di sempre per l’Italia in questa specialità.

Prima in batteria con un vantaggio abissale, terza in una semifinale fac simile della finale vera e propria: già sabato infatti, insieme a Sara, la lituana poi vincitrice e la tedesca Anne Beenken poi bronzo, di un anno più giovani (1994) ma dal curriculum decorato e temibile. Il percorso della moltrasina azzurra verso la finale A è stato netto, rassicurante, perfino ostacolato da un’alga in partenza che l’ha rallentata di molto. Ieri invece, nella domenica mondiale, una progressione e una sicurezza che hanno fatto sognare il pubblico della Schiranna già dai mille metri. Lo skiff azzurro taglia il traguardo in 7.31”48, un tempo che già da solo giustifica l’incoronazione e premia i progressi di Sara nell’ultimo anno.

“Non ho guardato le avversarie” commenta a caldo Sara dopo aver abbracciato amici e parenti nella tribuna gremita “pensavo solo che questa volta potevo farcela, la medaglia c’era. Per ora la lituana è ancora troppo forte però vediamo…”. Il 2014, anno in cui Sara compirà 21 anni di cui 11 trascorsi a remare, ha portato via le sue maledizioni sportive: in una sola stagione i primi due titoli italiani e la medaglia mondiale, tutti nel singolo. Ora manca il clou, la rassegna iridata assoluta di Amsterdam.

A Varese, la Canottieri Moltrasio ha potuto supportare anche altri tre suoi atleti in body azzurro. Filippo Mondelli e Guglielmo Carcano sono saliti sull’ammiraglia italiana, raggiungendo in Finale A colossi quali la Nuova Zelanda, l’Australia e gli Stati Uniti. Nella loro gara di recupero e poi in finale hanno messo in campo tanta forza di volontà per riscattarsi da una batteria deludente e consegnare al mondiale una gara alla loro altezza e di questa specialità. Quinto posto finale e qualche convinzione in più, che servirà in prospettiva assoluta (Mondelli, insieme a Sara Magnaghi, è già partito per Piediluco per preparare Amsterdam).
Anche una delle voci e delle dritte rotte azzurre era moltrasina: Giorgio Crippa, classe 1998, ha timonato il 4+ di Cuomo, Vigliarolo, Pagani e Rocchi che in finale ha cercato di aggredire le corsie ma poi ha dovuto cedere di fronte alla superiorità degli avversari: sesto posto al primo mondiale, Giorgio può essere soddisfatto.

Continua insomma l’annata strepitosa per la Canottieri Moltrasio che dopo i cinque titoli nazionali, colleziona questo argento e questa quadrupla esperienza mondiale under23, aspettando i giovani junior che a inizio agosto avranno le loro chance alla Coupe de la Jeunesse e ai Mondiali di categoria di Amburgo. Il medagliere bianconero non è ancora chiuso.


Francesca Caminada
Addetta stampa Canottieri Moltrasio

 

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.