La Vogalonga di Venezia ha compiuto quaranta anni


VENEZIA, 08 giugno 2014 - Alle 9,00 di una domenica (8 giugno) particolarmente soleggiata è partita l’edizione numero 40 della regata più famosa d’Italia. Una edizione da record con 2100 numeri di pettorale distribuiti per circa ottomila vogatori. La giornata si è espressa al meglio con una temperatura che ha superato i 29 gradi, un vento debole e una umidità relativa del 57%. Le previsioni per questa fine primavera sono state rispettate per la gioia dei partecipanti e la tranquillità degli organizzatori. Ma la gioia vera è stata quella di vivere un evento che ormai è di portata mondiale: dalla Repubblica Popolare Cinese agli Stati Uniti tutti per solcare la laguna che con i suoi secoli di storia e le sue bellezze artistiche e naturali rappresenta un unicum nel panorama globale.
 
Il fascino dei canali, i panorami infiniti, i campanili che svettano sull’acqua affascinano perché vissuti con la forza del remo nella tradizione tipicamente veneziana di vivere il complesso lagunare come fatto consueto. La Vogalonga nelle intenzioni degli organizzatori è proprio questa: vivere la città nella sua dimensione autentica fatta di colpi in acqua e di sguardi ammirati per una civiltà secolare. Questi primi quaranta anni hanno pure testimoniato grandi cambiamenti. Nel 1975 il centro storico di Venezia aveva circa 110.000 residenti, oggi esattamente la metà. All’inizio dell’avventura della Vogalonga la gran parte dei partecipanti vogavano alla veneta, nella classica posizione eretta appoggiando il remo nella forcola in un gioco di equilibrio tutto di gambe che garantiva la spinta e la direzione.
 
Un modo di operare espressione di quel modo di essere che non si basava sul motore, ma sul rispetto di quegli equilibri che garantivano l’esistenza agli uomini e alle cose. Nel 2014 la poesia e la passione si è conservata intatta: Venezia e la sua laguna ammaliano tutti. L’entusiasmo all’arrivo è grande e il ricevere la medaglia, uguale per tutti, rappresenta il segno di una vittoria non solo sulla fatica, ma anche sul degrado che mostra i suoi segni un po’ ovunque. La Vogalonga, non si stancano di ripetere gli organizzatori, è un atto di amore per la città dei Dogi, è l’espressione di chi vuole conservare la saggezza del mondo antico attraverso il gesto della voga che non rompe nessun equilibrio, ma anzi tutela nella certezza che comprendere il passato sia capire il presente da cui è possibile progettare il futuro.
 
Se nella prima edizione la tradizione si imponeva su ogni cosa, nell’ultima il capovolgimento è evidente nella grande quantità di partecipanti proveniente dall’estero, nella presenza massiccia di canoe e di imbarcazioni con voga all’Inglese. Il centro storico di Venezia oggi conta 55.791 residenti, sembra quasi che gli abitanti dell’antica repubblica Serenissima siano destinati a scomparire e con loro anche il loro particolare modo di vogare. E’ il dato forse più interessante e per certi versi sconvolgente del quarantennale. Oggi Vogalonga significa ancor di più amore per Venezia, rispetto per la sua illustre storia, per le sue bellezze artistiche, per la sua laguna. 

Alle 13,40 solo la metà degli iscritti aveva tagliato il traguardo, testimoniando ancora una volta una presenza massiccia, ma il pensiero corre già all’edizione 2015 che si terrà domenica 24 maggio. Una data importante per la storia Patria non solo per i cento anni dall’entrata in guerra nella Prima Guerra mondiale, ma per il compimento del processo storico che portò all’Unità d’Italia di cui Venezia fu protagonista coerente ed indiscussa.


Pino Lattanzi

  

Prossime Regate

  • CORGENO - 19-20/09/2020
    Meeting Nazionale Allievi e Cadetti
    PROGRAMMA Sabato
    PROGRAMMA Domenica
    Statistica Equipaggi gara
    Statistica Società Gara
    ELENCO SOCIETA' ISCRITTE
  • SABAUDIA - 19-20/09/2020
    Meeting Nazionale Allievi e Cadetti
    PROGRAMMA FINALI Sabato
    PROGRAMMA FINALI Domenica
    Statistica Equipaggi gara
    Statistica Società Gara
    ELENCO SOCIETA' ISCRITTE

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.