Il Progetto Azzurro Para-Rowing


ROMA, 14 maggio 2013 - A meno di tre mesi dalla decisione del Consiglio federale di indicare il prof. Dario Naccari quale responsabile del canottaggio Para-Rowing, siamo alla vigilia dell'appuntamento internazionale di Gavirate che, di fatto, coincide con l'inizio dell’attività internazionale dei “diversamente abili”. Nel frattempo il Consiglio ha preso la decisione di creare il Centro Nazionale Para-Rowing presso l'Idroscalo di Milano, che andrà a regime nei prossimi mesi grazie al sostegno delle Istituzioni locali e che farà da volano a tutte le attività connesse al Para-Rowing.

Attualmente tutte le persone che, a vario titolo, hanno responsabilità in questo importante settore della Federazione Italiana Canottaggio sono impegnate nella gestione della squadra azzurra e nel promuovere, su tutto il territorio italiano, la cultura del Para-Rowing. Questo è possibile anche grazie alla struttura organizzativa immaginata dalla Direzione Tecnica ed approvata dal Consiglio federale. Una struttura che si sviluppa in tre macroaeree che comprendono Ricerca, Formazione, Agonismo e Promozione. Con il documento allegato la Federazione Italiana Canottaggio, in un’ottica di condivisione la più ampia possibile, intende portare a conoscenza, seppur in maniera sintetica, il lavoro che il Capo Settore Dario Naccari, insieme ai suoi collaboratori Antonio Coppola, Cristina Ansaldi e Pierangelo Ariberti, sta sviluppando senza sosta e con grande impegno personale e professionale.

Tra le azioni più importanti, tenuto conto della parte agonistica, rimane in ogni modo quella di riuscire a reperire dati quantitativi e qualitativi affidabili sulle persone disabili in Italia. Attraverso le informazioni che saranno acquisite, i tecnici potranno avviare i “probabili atleti” alla pratica sportiva agonistica del canottaggio. Questo è il primario impegno della Federazione poiché, grazie allo sport, il disabile può recuperare o mantenere, a seconda del tipo di disabilità, l'efficienza motoria e fisiologica innalzando contemporaneamente la propria qualità della vita. Il risultato agonistico potrà arrivare, secondo le indicazioni della Direzione Tecnica, solo aiutando l’atleta a superare i limiti imposti dalla disabilità attraverso la presa di coscienza delle proprie potenzialità.

 

Foto & Video

Prossime Regate

  • SENIGALLIA - 20/07/2019
    2^ tappa Trofeo Challenger di coastal rowing Adriatic Cup (FUORI PROGRAMMA)
  • MANDELLO DEL LARIO - 20/07/2019
    Match 8+
  • CATANIA - 21/07/2019
    Campionato Regionale Sprint ANNULLATA
  • SARASOTA - 24-28/07/2019
    World Rowing Under 23 Championships
  • LAVENA PONTE TRESA - 28/07/2019
    Match 8+

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.