Maurizio Ustolin: perché mi ricandido


TRIESTE, 17 febbraio 2013 - E' passato un quadriennio da quando nel 2009 fui eletto Presidente dell'ANAC. Quattro anni passati in un lampo.
Mi aspettavo un lavoro impegnativo da assolvere, e così è stato: un lavoro importante, che ha permesso delle piccole grandi conquiste.
A chi prima non ci credeva, abbiamo dimostrato che cosa siamo in grado di fare con il nostro impegno, e le nostre capacità, la nostra consapevolezza e la nostra unione, anche nei momenti più difficili.

Mi auguro che le nostre decisioni siano state interpretate sempre come decisioni prese cum grano salis, e non dettate soltanto da convinzioni personali, o da effimeri entusiasmi del momento.
Abbiamo camminato con le nostre gambe, abbiamo ragionato con la nostra testa, abbiamo raggiunto obiettivi che i più scettici indicavano come irrealizzabili, altri invece scontati, e questo grazie a tutto il gruppo: dal Presidente ai consiglieri, passando dai probiviri ai revisori dei conti, un gruppo di amici senza i quali tutto questo non sarebbe stato possibile.

Il mio pensiero è sempre stato quello di ragionare passo a passo, stagione dopo stagione, mattone sopra mattone ed il mio scopo primario era quello di concludere positivamente un quadriennio dando all’ANAC una dimensione diversa, più rappresentativa della categoria, e da Presidente quindi mi ritengo soddisfatto del lavoro svolto dall'Associazione, che non si limita a consegnare i premi a fine stagione, ma propositiva, è entrata di diritto nelle decisioni anche federali.

Il 23 febbraio a Terni ci sarà l'Assemblea Ordinaria ed Elettiva, ed io non davo per scontato il fatto di ricandidarmi, perché ritengo che nel nostro microcosmo ci siano tecnici che avrebbero potuto svolgere la funzione di Presidente dell'ANAC, né voglio essere eletto solo perché non ci sono altri che vogliano farlo. Io posso dire solo che ho cercato di dare il meglio di me stesso perché voglio bene all'ANAC, voglio bene al canottaggio, e stimo tutti i tecnici italiani dal primo all’ultimo, perché dopo aver fatto l’atleta, da oltre trent’anni so che cosa significhi fare l’allenatore di canottaggio.
Ho comunicato a tutto il Consiglio Direttivo dell’Associazione che mi sarei ripresentato soltanto se anche la mia squadra avesse fatto altrettanto: e così è stato.
Ci saranno 3 uscite dettate da motivazioni lavorative e personali, ma 3 new entry, che comunicherò nei prossimi giorni, davvero molto importanti.
Bisogna pensare ma soprattutto programmare un altro quadriennio, con un altra gestione FIC, e contare ed aver peso nelle decisioni importanti non soltanto a pochi mesi dalle elezioni, ma per l’intero quadriennio.
Mi ricandido alla Presidenza dell'ANAC perché la nostra splendida avventura nel canottaggio allenato deve continuare, perchè non dobbiamo accontentarci mai, perché abbiamo mosso solo i primi importanti passi di avvicinamento ad una nuova importante dimensione che deve assumere l’Associazione e noi allenatori nel nostro sport.


Con sincero affetto
  

Maurizio Ustolin

 

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.