Eton: Risultati e Resoconti BATTERIE 2^ giornata


ETON, 04 agosto 2011 - Arriva la pioggia a Eton (Gran Bretagna) per la seconda giornata delle batterie. Pioggia ma tribune piene a Dorney Lake per assistere alle prestazioni degli under 19.
 

  

Quattro senza maschile (i primi tre in semifinale)
Niente da fare per la barca di Tettamanti, Pietra Caprina, Mansutti e Mumolo. Gli azzurri non si schiodano mai dalla quinta posizione, accusano distacchi sempre crescenti dalle battistrada Canada, Danimarca e Stati Uniti salutando così il Mondiale. Adesso i ragazzi, tutti e quattro esordienti al Mondiale (Mumolo riserva nel 2010) proveranno a vender cara la pelle nella finale di consolazione. ITALIA IN FINALE C
(r1)
1) CAN (Colin Schaap, Lance Brazeau, Thomas Marshall, Gareth Lindstrom) 6’37”22, 2) DEN (Fredrik Leicht, Jonathan Solve, Christian Jakobsen, Mike Christensen) 6’41”83, 3) USA (James Stein Ii, Alexandre Johnson, Kaess Smit, Patrick Konttinen) 6’42”35, 4) FRA (Sebastian Resendiz, Lucas Lenhard, Maxence Tollet, Thibault Lecomte) 6’43”29, 5) ITA (Matteo Tettamanti, Lorenzo Pietra Caprina, Alessandro Mansutti, Davide Mumolo) 6’47”54
(r2)
1) GRE (Ilias Chatziilias, Paschalis Konstantas, Ilias Kouros, Athanasios Tsialios) 6’32”39, 2) GBR (Vassilis Ragoussis, William Kenworthy, Adam Janes, Callum Jones) 6’35”46, 3) POL (Dawid Romanowski, Rafal Kowalczyk, Michal Gaszczak, Piotr Pilewski) 6’37”11, 4) AUS (Jason Izydorczyk, Jake Grave, Nicholas Wheatley, Nathan Bowden) 6’37”31, 5) BUL (Radoslav Angelov, Lyubomir Svetozarov, Kristian Tsenov, Bogdan Zehtinski) 6’44”26, 6) RSA (Devon Miller, Matthew Stevens, Cameron Hoey, Edward Templemore-Walters) 6’47”48

Otto maschile (il primo in finale, gli altri ai recuperi)
C'è la Germania, quattro ori e un argento in questa specialità negli ultimi cinque anni, sulla strada dell'Italia (Carcano, Marcelli, Nannini, Barbaro, Abagnale, Zileri, Lodo, Vicino, tim. D’Aniello). Il blasone non spaventa gli azzuri, alcuni dei quali al loro primo Mondiale. L'Italia fa la sua gara. Partenza ragionata, passo di gara molto forte che mette in difficoltà i tedeschi ed infatti, soprattuto nella seconda parte, la barca azzurra mette il turbo. La Germania si arrende, chiude a 5''61 dagli azzurri che passano così il turno insieme alla Gran Bretagna ma con il miglior tempo. Finalissima in programma sabato alle 17.20. ITALIA IN FINALE
(b2)
1) ITA (Guglielmo Carcano, Marco Marcelli, Bernardo Nannini, Leone Barbaro, Giovanni Abagnale, Pietro Zileri, Matteo Lodo, Giuseppe Vicino, Enrico D'Aniello) 6’05”98, 2) GER (Jan Bernhard, Jakob Kaltenbach, Daniel Walter, Dirk Flessner, Moritz Bock, Nico Merget, Oliver Mittelstaedt, Finn Knueppel, Leopold Bertz) 6’11”59, 3) RUS (Markell Faronov, Yuriy Farafonov, Gleb Zakharov, Andrey Kovalev, Alexander Shtepenko, Artur Anishin, Andrey Marzhinakov, Ivan Kholod, Vladislav Brizhatyi) 6’21”85
(b1)
1) GBR (Robert Wickstead, Alexander Lloyd, Eduardo Munno, Jamie Copus, John Carter, Frederic Vystavel, Luke Briggs, Cameron Macritchie, Ed Bosson) 6’10”04, 2) ESP (Pelayo Hevia, Julio Casielles Urbano, Aitor Balerdi, Aleix Marti Roura, Juan Caliz Campal, Pol Gene Sanahuja, Alfred Romero, Lluis Roso Rey, Arnau Monllau) 6’15”17, 3) USA (Hunter Leeming, Gregory Schneiter, Stephen Podwojski, Harry Holroyd, Zachary Hershberger, Patrick Eble, Max Meyer-Bosse, Alexander Perkins, Maxwell Blumenthal) 6’15”35, 4) CZE (Lukas Vodicka, Martin Mika, Jan Brodnicek, Jakub Kucera, Michael Humpolec, Michal Novy, Adam Atarsia, Petr Soucek, Lukas Wolf) 6’18”01

Singolo femminile (i primi due in semifinale, gli altri ai recuperi)
Parte a razzo la giapponese Sakakibara che ai 500 ha già più di tre secondi e mezzo sulle avversarie. Elena Coletti è un po' lenta in avvio ma a metà gara è già risalita in terza posizione. Nel finale la giapponese va in difficoltà ma riesce a resistere al rush della cilena Sanchez Rojas per 45 centesimi, mentre Elena conclude al 3° posto con un distacco di 3"60 dalla vincitrice. ITALIA AI RECUPERI
(b1)
1) JPN (Haruna Sakakibara) 8’54”22, 2) CHI (Natalia Sanchez Rojas) 8’54”67, 3) ITA (Elena Coletti) 8’57”82, 4) CZE (Lucie Zabova) 9’02”89, 5) GRE (Aikaterini Kalamara) 9’08”51
(b2)
1) IRL (Holly Nixon) 8’45”23, 2) SUI (Juliette Jeannet) 8’55”51, 3) BEL (Eveline Peleman) 9’04”72, 4) SLO (Tarin Cokelj) 9’04”80, 5) VEN (Jenesis Perez) 10’06”41
(b3)
1) GER (Anne Beenken) 8’49”09, 2) LAT (Elza Gulbe) 8’50”92, 3) CRO (Ivana Krkljus) 9’18”01, 4) USA (Sophie Heywood) 9’27”17, 5) ZIM (Caroline Hammond) 9’52”38
(b4)
1) DEN (Emma Kiehn) 9’00”45, 2) BUL (Rosita Boncheva) 9’04”41, 3) TUN (Racha Soula) 9’14”30, 4) EST (Marta Joumees) 9’16”44

Quattro di coppia maschile (il primo in semifinale, gli altri ai recuperi)
Grande prova per la barca azzurra di Marco Chiodelli, Luca Rambaldi, Marco Ferracci e Marco Calamaro. Italia terza dopo i primi 500 metri, ma sul passo risucchiano ben presto Romania e Ungheria. Sei centesimi sulla Romania ai 1000, nel parziale successivo fanno la differenza portando a un secondo e mezzo il loro vantaggio. Un posto solo per la semifinale, serrate della Romania ben respinto dagli azzurri (63 centesimi). ITALIA IN SEMIFINALE
Battuti i rumeni, gli stessi oro a Kruszwica davanti all'Italia (Mumolo al posto di Ferracci). In semifinale anche Olanda, Gran Bretagna e Nuova Zelanda. Miglior tempo per l'Italia.
(b1)
1) ITA (Marco Chiodelli, Luca Rambaldi, Marco Ferracci, Marco Calamaro) 6’20”88, 2) ROU (Ioan Prundeanu, Ionut Luca, Adrian Cionca, Cosmin-Ilie Cuciurean) 6’21”51, 3) HUN (Csongor Meszaros, Gergely Papp, Jozsef Matheisz, Bendeguz Petervari-Molnar) 6’35”53, 4) POL (Patryk Syposz, Mateusz Strzelczyk, Szymon Posnik, Rafal Zajkowski) 6’38”07, 5) AUT (Paul Janesch, Simon Buechele, Severin Bittner, Paul Sieber) 6’41”28, 6) FRA (Pierre Houin, Augustin Lenormand, Valentin Onfroy, Morgan Maunoir) 6’41”79
(b2)
1) NED (Job Heidweiller, Amos Keijser, Nicolas Van Sprang, Abe Wiersma) 6’32”19, 2) CZE (Antonin Marik, Jakub Rybin, Ondres Hollas, Jan Hajek) 6’38”55, 3) USA (Jonathan Rosow, Jonathan Young, Edward Benning, Benjamin Delaney) 6’41”74, 4) DEN (Tobias Kempf, Mathias Kristensen, Andreas Dyrby, Jesper Fredsted) 6’43”55, 5) SRB (Nikola Selakovic, Bojan Dosljak, Miljan Milosevic, Andreija Sljukic) 6’43”80
(b3)
1) NZL (Lewis Hollows, Mitchell Horner, Stephen Jones, Scott Green) 6’34”53, 2) AUS (Riley Elvery, Daniel Whitehead, Jay Ditmarsch, Sam Heron) 6’39”30, 3) LAT (Rudolfs Rumba, Aivis Vilicka, Martins Putnins, Martins Kapostins) 6’40”28, 4) NOR (Haakon Moldestad, Joakim Boehn, Ole Henrik Bang-Andreasen, Dag-Erik Tvedt) 6’43”47, 5) RUS (Denis Yarov, Vitalii Filatov, Vladislav Kopychko, Vladimir Shvedov) 6’49”94
(b4)
1) GBR (Lewis Sloan, Luke Moon, Marcus Bowyer, Jack Beaumont) 6’28”38, 2) GER (Maximilian Schaefer, Ole Daberkow, Finn Schroeder, Rene Stueven) 6’30”70, 3) CAN (Matthew Coppola, Stefano Belfiore, Martin Barakso, Aleksander Malowany) 6’42”91, 4) JPN (Kenta Yamaguchi, Yoshihiro Otsuka, Makoto Matsuoka, Atsushi Nagata) 6’47”79, 5) CRO (Karlo Sambolec, Ivan Srdanovic, Matej Herega, Mario Vrdoljak) 6’51”47

Due senza femminile (il primo in finale, gli altri ai recuperi)
Dopo il titolo europeo, prima gara al Mondiale Junior per le palermitane Giorgia e Serena Lo Bue. I primi 500 metri non sono velocissimi, tanto è vero che la Francia è avanti di quasi un secondo, ma sul passo le azzurre sono impressionanti. Crollano le francesi, ci prova prima la Romania (1''33 ai 1000) e poi gli Stati Uniti (3''14) ma nessuno riesce a star davanti alle nostre ragazze che vincono con il miglior tempo delle batterie (8'01''04). Dall'altra parte passa la Grecia (8'12). ITALIA IN FINALE
(b1)
1) ITA (Serena Lo Bue, Giorgia Lo Bue) 8’01”04, 2) USA (Corinne Bozzini, Rosemary Grinalds) 8’06”91, 3) ROU (Alexandra Cucu, Madalina Beres) 8’09”19, 4) FRA (Eleonore Dubuis, Gaelle Laquieze) 8’14”61
(b2)
1) GRE (Vasiliki Ntalamagka, Eleni Diamanti) 8’13”75, 2) NOR (Christina Augum, Hanna Inntjore) 8’16”74, 3) RSA (Catherine Tayler, Holly Norton) 8’17”03, 4) GER (Michelle Lauer, Lena Klemm) 8’21”36

Quattro con maschile (i primi 2 in finale, gli altri ai recuperi)
Al quattro con (Nicholas Brezzi, Mario Cuomo, Federico Duchich, Vincenzo Abbagnale, tim. Dario Favilli) non basta qualificarsi. In questa specialità c'è una buona tradizione per la Nazionale del CT Romagnoli: negli ultimi due anni bronzo a Brive la Gaillarde 2009 ed argento a Racice 2010. Abbagnale e compagni lottano in lungo ed in largo l'Australia, staccando pesantemente Gran Bretagna, Ucraina e Serbia. Nel finale l'allungo decisivo, sorpasso con freccia a destra e vittoria in 6'47''68 (65 centesimi sugli australiani. Nell'altra batteria successo per la Nuova Zelanda (6'46''66). ITALIA IN FINALE
(b1)
1) ITA (Nicholas Brezzi, Mario Cuomo, Federico Duchich, Vincenzo Abbagnale, Dario Favilli) 6’47”68, 2) AUS (Philip Adams, Aaron Wright, Louis Snelson, Alexander Hill, Stuart Sim) 6’48”33, 3) GBR (Charles Shaw, Rufus Eadie, Felix Newman, Alexander Wilding, Alastair Camm) 6’54”30, 4) UKR (Dmytro Zhelyeznyy, Vladyslav Rashmid, Oleksandr Poddubnyy, Oleksandr Byelogurov, Borys Shevchenko) 6’54”37, 5) SRB (Luka Pejanovic, Dusan Veljkovic, Nikola Krlovic, Ignat Dordevic, Mateja Josic) 7’04”41
(b2)
1) NZL (Gregory Brand, Louis Van Velthooven, Adam Smith, Andrew Potter, Caleb Shepherd) 6’46”66, 2) GER (Jan Kruppa, Leon Zacharopoulos, Gwinyai Machona, Torben Johannesen, Christoph Duehring) 6’49”80, 3) USA (Samuel Helms, Jordan Vanderstoep, Matthew Milner, Stuart Maeder, Sean Dougherty) 7’03”61, 4) FRA (Guillaume Grandoni, Benjamin Estival, Romain Bonamy, Hugo Laborde, Arthur Adnet) 7’07”37

Quattro senza femminile (il primo in finale, gli altri ai recuperi)
E' l'esordio per Ludovica Lucidi, Sara Magnaghi, Sandra Celoni e Beatrice Arcangiolini. La barca italiana non riesce a staccarsi dalla quarta posizione, la lotta tra Nuova Zelanda e Gran Bretagna per un posto in finale. Azzurre troppo indietro ai 1000 ed ai 1500 per potersi inserire, il finale è di chiara marca kiwi. Con il tempo di 7'19''99, avanzano così le neozelandesi insieme agli Stati Uniti (7'20''26), prima nell'altra batteria. ITALIA AI RECUPERI
(b1)
1) NZL (Catherine Shields, Alice White, Frederika Archibald, Grace Spoors) 7’19”99, 2) GBR (Elizabeth Horne, Nicole Lamb, Anastasia Merlott Chitty, Amber De Vere) 7’21”59, 3) AUS (Georgina Gotch, Lilly Tinapple, Natasha Gay, Eleanor Wilson) 7’23”19, 4) ITA (Ludovica Lucidi, Sara Magnaghi, Sandra Celoni, Beatrice Arcangiolini) 7’35”29, 5) UKR (Alona Makcymenko, Lesya Gerasymchuk, Yevgeniya Sokolovska, Ilona Romanesku) 7’42”60, 6) CZE (Rachel Nentvichova, Lucie Weissova, Lucie Jirinska, Kristyna Sklenarova) 7’45”37
(b2)
1) USA (Jessica Eiffert, Mia Croonquist, Lucy Grinalds, Chandler Lally) 7’20”26, 2) GER (Svenja Leemhuis, Karen Kiesewetter, Sandra Dinter, Claudia Henrich) 7’25”22, 3) FRA (Ingrid Magnin, Mathilde Commaret, Marie Jacquet, Lea Duret) 7’39”25, 4) CAN (Claire Vannelli, Catherine Multari, Aleda Kawalek, Marissa Kump) 7’41”70, 5) BLR (Karyna Shypila, Tatsiana Zhurauskaya, Alina Lankovich, Kseniya Ramanouskaya) 7’45”66

  

Assemblea Nazionale Ordinaria Elettiva

Prossime Regate

  • EUPILIO - 10/08/2020
    Selezioni Campionati Europei Under 23
    Tabella Orari previsti
  • PARTINICO - 29-30/08/2020
    Regata Regionale valida Montu e d'Aloja ANNULLATA
  • PADOVA - 30/08/2020
    Regata Regionale chiusa Valida d'Aloja e Montu (Campionato Regionale U15)
  • SASSOCORVARO - 30/08/2020
    Regata Regionale aperta valida Montu e d'Aloja deroga percorso su. 1.500 mt.

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.