Ilva Bagnoli: La parola chiave è "coinvolgimento"


PIEDILUCO, 02 luglio 2010 - Un baccano infernale. L’Ilva Bagnoli colora le tribune e il campo di regata di Piediluco grazie al folto gruppo di atleti, tecnici, dirigenti, genitori, parenti e semplici tifosi. Sono 31 i vogatori portati al Festival dei Giovani, dato evidenziato anche da Gianluca Agata sul Mattino di Napoli. “Stiamo rivedendo i piani dell’attività Allievi e Cadetti – spiega il dirigente Sergio CuolloPuntiamo molto anche sull’agonismo e stiamo iniziando a raccogliere i frutti con il due senza Ragazzi di mio figlio Roberto e Antonio Lamagna che ha conquistato la medaglia d’argento tre settimane fa ai Campionati Italiani”.

La semina dell’Ilva Bagnoli inizia proprio a inizio 2009 quando la dirigenza chiama Andrea Coppola (past DT della Nazionale) per dare una bella polliciata di mestiere. Detto, fatto. A Gavirate, Tricolore Ragazzi, ecco arrivare il due senza Cuollo-Laurentini in medaglia: un bronzo pesantissimo!

Il nostro equipaggio e l’Aniene di Luca Di Francesco e Carlo Portaccio si sono dati battaglia per tutta la stagione: avversari sul campo di regata, amici fuori dove è nato un bel rapporto. Si sentono sempre tramite Facebook, sarebbe interessante convincere i rispettivi tecnici a puntare su un bel quattro senza nel 2011” dice ancora Cuollo.

Massimiliano Sibillo è responsabile del settore Ragazzi-Junior, Giovanni Fittipaldi e Simone Cerrone allenano Allievi e Cadetti. Tre vittorie della Coppa d’Aloja (2006-2008), un primo posto nella classifica del Festival dei Giovani (2008). “La ricerca di risultati nel settore agonistico ci ha costretto a ridisegnare gli obiettivi del settore giovanile puntando su una maggiore qualità: per questo il 2009 è stato anno di transizione sotto questo profilo, ma noi continuiamo a puntare sugli under 14 al punto tale che già a settembre saremo nelle scuole per avvicinare i ragazzini al canottaggio pur dovendo lottare con altri sport come pallacanestro, pallavolo e calcio”.

Il segreto dell’Ilva Bagnoli? “La parola chiave è coinvolgimento, siamo una grande famiglia. I genitori sono parte attiva del nostro movimento, seguono le gare insieme a noi e dormono nel nostro albergo. A proposito della nostra attività, se per i più giovani gli 800 metri del bacino di Bagnoli sono sufficienti, abbiamo qualche difficoltà per i più grandi che si allenano a Lago Patria dove da poco abbiamo costruito una struttura per ospitare le imbarcazioni”.

Obiettivi futuri? “Diventare una società di buon livello agonistico senza mai trascurare il vivaio”.

 

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.