Le dichiarazioni dei protagonisti azzurri (19/08)

Schinias (GRE), 19 agosto 2004. Come sempre, riportiamo le dichiarazioni dei protagonisti azzurri delle regate olimpiche della giornata odierna.

QUATTRO SENZA PESI LEGGERI:

Bruno Mascarenhas:
"Abbiamo fatto la nostra gara ed è andata bene. Ci siamo un po' scomposti negli ultimi 500 metri ma abbiamo subito ripreso il ritmo. Ora valuteremo la gara e per la finale cercheremo di lavorare sulle leve. Comunque va tutto bene, siamo in finale e domenica, quando saremo nel pieno della forma, cercheremo di arrivare più in alto possibile".

Salvatore Amitrano:
"Siamo riusciti a patire bene e a fare i primi 1200 metri con un buon ritmo. Sono soddisfatto perché abbiamo visto che anche a 40 colpi la barca è sempre stata compatta, anche se si è un po' scomposta negli ultimi metri".

 

Catello Amarante:
"Negli ultimi 500 metri ci ha un po' infastidito il vento laterale ed ho dovuto timonare molto a favore della bordata pari per evitare di prendere una boa. In questo modo l'Australia ha ricuperato un po' ma non ci ha impensierito oltremodo".
 

Lorenzo Bertini:
"Abbiamo fatto una buona gara senza spingere fino in fondo. Per i primi 1500 metri siamo stati compatti e ho sentito la barca veramente bene, poi negli ultimi metri ci siamo un po' scomposti per il vento, ma eravamo già fuori portata. Ora pensiamo alla finale con serenità, poiché era lo scoglio delle semifinali quello più duro da superare. Sono convinto che possiamo fare bene anche perché oggi non abbiamo forzato al massimo".

 

QUATTRO DI COPPIA SENIOR:

Simone Venier:
"Ci avrebbe fatto piacere entrare in finale. Ci abbiamo provato ma gli altri oggi erano più forti. Ora pensiamo a fare una buona figura nella piccola finale, poi penseremo a Pechino".

 
Federico Gattinoni
:
"A metà percorso pensavo di poter fare la stessa gara del 4 senza senior ed entrare in finale. Non è stato così ma siamo sereni perché abbiamo potuto fare la nostra gara dando tutto quello che avevamo da dare".

 

Simone Raineri:
"Sono rimasto fuori da una finale olimpica dopo aver vinto una medaglia d'oro, ma non posso rammaricarmi di nulla perché la barca rispondeva ad ogni sollecitazione. Abbiamo fatto la nostra gara e, dopo la finale B, potrò andare in vacanza con la consapevolezza di aver fatto tutto quello che potevo".

 


FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO
www.canottaggio.org
Ufficio Stampa
Tel. 06 - 36858694 – Fax 06 - 36858148
E-mail: [email protected]
 

Torna indietro