Festosa conclusione del Festival dei Giovani

Varese – Il temuto temporale non c’è stato ed anche l’ultima giornata di gare, forse la più impegnativa, del Festival, è stata accompagnata da uno splendido sole che ha accarezzato vincitori e vinti, nella lunga serie di gare del Festival e dei confronti tra rappresentative regionali. Alla fine la premiazione della classifica generale, il cui risultato è stato accolto da fragorosi applausi per la eccezionale affermazione dei padroni di casa. Infatti la Canottieri Varese ha vinto, bissando il risultato dello scorso anno, la classifica generale precedendo la bellissima formazione della Ilva Bagnoli, con la Gavirate al terzo posto.
Bellissime ed appassionanti tutte le gare, ma assai avvincenti quelle per rappresentative regionali in cui la Lombardia con gli ottimi equipaggi selezionati da Gian Battista Della Porta ha catalizzato l’attenzione e la passione delle società lombarde, che in gran numero hanno partecipato al 17.° Festival.
Anche sul piano delle valutazioni specifiche delle società le rappresentanti lombarde hanno prevalso sulla massa dei 107 sodalizi classificati, con 5 nelle prime venti della classifica. Un ottimo risultato, come è stato messo in evidenza dal presidente federale Renato Nicetto nel corso di una elaboratissima premiazione, in cui società ed allenatori, oltre naturalmente i singoli vogatori, hanno riportato importanti soddisfazioni.
Così la classifica generale: 1.  Varese 796 punti, 2. Ilva Bagnoli 649, 3. Gavirate 518, 4. Stabia 498, 5. Posillipo  356, 6. Luino 350, 7. Fiamme Gialle 332, 8. Pro Monopoli 322, 9. CRV Italia  316, 10. Savoia  299, 11. Tevere Remo 295, 12. Limite 289, 13. Timavo 270, 14. Aniene 261, 15. Moto Guzzi 254, 16. Monate 250, 17. Lavoratori Terni 248, 18. Arno 241, 19. Berchielli 239, 20. Firenze 238.
Nel medagliere la Varese è sempre prima con 29 medaglie complessive, seguita da Ilva 24, Stabia 21, Gavirate, Luino e Fiamme Gialle 19, Tevere Remo 16, Lavoratori Terni, Pro Monopoli, Posillipo, Firenze e Corgeno 14, Menaggio, Lario e Moto Guzzi 13. E la differenza di numeri richiama anche il valore complessivo di partecipazione di una società, fattore determinante per accrescere il punteggio di classifica, grazie ai piazzamenti, anche senza pervenire al massimo delle medaglie. Evidentemente i valori di partecipazione, al di là di uno specifico risultato di merito, definiscono la qualità operativa delle società e dei loro tecnici nell’impegno alla promozione del canottaggio, proponendo a tanti ragazzini la possibilità di sviluppare una attività sana come quella remiera.
E se molte sono state le società lombarde in posizione di vertice, i valori espressi a livello societario sono suffragati anche dalla conclusione delle gare per rappresentative regionali in cui la Lombardia ha concluso al primo e secondo posto nella prima serie del quattro di coppia femminile, nell’ordine su Puglia, mentre la seconda serie ancora con la Lombardia al vertice ha visto nelle piazze d’onore Toscana e Campania.
Ed ancora dominio lombardo nella seconda serie dell’otto, su Campania e Liguria, mentre nella prima la formazione lombarda proprio sul filo del traguardo si è inchinata al rimontante Lazio, con la Toscana terza.

Ferruccio Calegari
Varese, luglio 2006

Torna indietro