A Varese, alla Schiranna
AL VIA DA VENERDI IL “FESTIVAL DEI GIOVANI”

Varese dopo 4 anni dal precedente (2002) e sette dalla prima esperienza (1999) ospita il Festival dei Giovani, manifestazione che al motto “Giocheremo a Giochiremo” vuole proporsi quale elemento coagulante e premiante dell’importante lavoro svolto dalle società remiere italiane nel settore giovanile del canottaggio.
Ancora una volta è una società lombarda ad organizzare questo importante appuntamento su un lago che negli anni si è mostrato generoso ospite di barche e canottieri nel corso di importanti appuntamenti, sia dedicati ad attività agonistiche ad alto livello, che a prove selettive di valutazione, da cui emersero grandissimi equipaggi.
Ed i risultati nel tempo hanno dato ragione a chi ha voluto concretizzare nel lontano 1927 una idea, più che un sogno, realizzando così anche nella più occidentale provincia lombarda un progetto sportivo che su altri laghi della regione aveva incontrato favorevole accoglienza e che ben presto anche a Varese avrebbe dato frutti concreti.
Negli anni iniziali dell’attività remiera alla Schiranna la Canottieri Varese diede corpo ad una serie di equipaggi giovanili che presto sarebbero cresciuti e dalle cui fila sarebbero emersi gli strepitosi vincitori del Campionato Europeo nell’otto con timoniere del 1947, ’49 e ’50. L’equipaggio, guidato sia in gara che in allenamento da Angelo Fioretti, impareggiabile vogatore ed anche guida fraterna per gli atleti affidati alla sua cura, ebbe un crescendo formidabile negli anni difficili del dopo guerra, in cui anche gli atleti di vertice dovevano assoggettarsi, come tutti, a grandi sacrifici, inclusi anche quelli alimentari. Dimostrazione di forza ed attaccamento ai colori sociali, ma anche chiaro senso di responsabilità, recepito nella logica dell’attività sportiva sociale.
L’otto della Canottieri Varese emblema di uno sport che ricominciando da zero, grazie all’impegno ed abnegazione degli atleti divenne simbolo del canottaggio italiano e spauracchio di molti avversari che vedevano nella formazione varesina un ostacolo insuperabile. Ma questa superiorità derivava dal lavoro di base, lavoro al quale con grande impegno si dedicano da sempre i tecnici di tutte le società italiane.

Da queste premesse nasce il grande appuntamento per i migliori giovani vogatori italiani, ai quali nel corso della loro carriera, al principio, si dice sì di guardare ai traguardi raggiunti dai loro predecessori, ma inizialmente di  considerare le barche ed in remi quali strumenti di un divertimento che insegna le regole del “gioco” cui si partecipa per puro spirito ludico, per poi crescere e successivamente vincere. Ci saranno sì anche i premi, è normale che in una gara ce ne siano, ma più concretamente ci saranno dei riconoscimenti agli allenatori, veri cirenei che nel settore giovanile mettono tanto del proprio e della propria passione, per trasformare in gioia ed entusiasmo la curiosità di un ragazzo che per la prima volta si avvicina allo sport remiero.

Il programma della manifestazione di articola su tre giornate di gara, da venerdì 14 a domenica 16 luglio, con programma di gare sviluppato parte al mattino e parte al pomeriggio.
Il programma prevalente delle gare sarà dedicato all’attività su barche di tipo propedeutico con  i singoli “7.20”, per le categorie Allievi B, Allievi C e Cadetti. Un’altra fase del programma è dedicata alle gare su imbarcazioni di tipo olimpico: singolo, due di coppia, due senza timoniere, quattro di coppia e quattro senza timoniere.
A conclusione della manifestazione sono previste gare per rappresentative regionali, in quattro di coppia per il settore femminile e otto con timoniere per quello maschile.
Maggiori dettagli sulla partecipazione potranno essere forniti dopo le ore 19 di giovedì 13 luglio, al termine delle operazioni di verifica e di accreditamento.

Ferraccio Calegari
Varese, luglio 2006

  
 

Le categorie dei partecipanti
Allievo B: è il vogatore che nell’anno solare in corso compie 11 o 12 anni
Allievo C: è il vogatore che nell’anno solare in corso compie 13 anni
Cadetto: è il vogatore che nell’anno solare in corso compie 14 anni
Categoria non agonistica e quindi non compresa nel programma:
Allievo A
: è il vogatore che nell’anno solare in corso compie 10 anni (può svolgere soltanto attività ludica, non agonistica.

Torna indietro