HEAD OF THE RIVER, ANCHE ANGELO SAVARINO FA FESTA
L’ex tecnico azzurro e della Canottieri Lazio dal luglio dello scorso anno è Head Coach della University of Newcastle upon Tyne, una delle prime 10 d’Inghilterra

ROMA, 27 marzo – Riceviamo e pubblichiamo con piacere l’e-mail che ci è pervenuta da Angelo Savarino, romano classe 1965, già tecnico azzurro e della Canottieri Lazio.

“Carissimi,
è stato con grande piacere che ho potuto assistere alla fantastica prova degli armi delle Fiamme Gialle, dell’Imperial College con a bordo atleti dell’Aniene, e a quelle di tutte le altre barche italiane impegnate nella Head of the River.
Forse vi farà piacere sapere che c’era qualcosa di italiano anche negli equipaggi della Università di Newcastle, dei quali dal luglio dello scorso anno sono l’allenatore capo.
E’ stata una grande soddisfazione per me classificare il mio primo otto al 17° posto assoluto - il miglior risultato di sempre conseguito dalla mia Università – e vincere con i miei studenti il Trofeo Senior 2 Pennant e l’University Prize: quello riservato alle Università.
Un saluto di cuore a tutti, Angelo Savarino”.

Ci complimentiamo con lui e gli porgiamo con affetto i migliori auguri per il prosieguo della carriera.

***

Angelo Savarino è stato dall’ottobre 2003 il Coordinatore della Squadra Nazionale Junior, della Squadra Nazionale Femminile Senior ed Allenatore Federale presso il College Remiero di Piediluco. Un’attività tecnica intensa che lo ha visto protagonista anche con i colori del Circolo Canottieri Lazio con cui ha collaborato dal 1994 al 2002 conquistando, con i ragazzi da lui allenati, due medaglie d’oro ai Campionati del Mondo (singolo junior maschile nel 2000 e un atleta sul doppio femminile under 23 nel 2002), due medaglie d’argento ai Campionati del Mondo (singolo junior femminile 1999 e 2000), due medaglie di bronzo ai Campionati del Mondo (come allenatore di un atleta sull’otto pesi leggeri nel 1998 e di un atleta sul doppio senior femminile nel 2002) e 14 Campionati italiani. Un curriculum eccellente al quale si aggiungono i risultati che hanno ottenuto i ragazzi in azzurro negli anni di collaborazione con la FIC.

Torna indietro