Sabato prossimo la 74ª Head of the River Race con 420 otto (sei italiani) al via

ROMA, 20 marzo - Settimana decisiva per una delle classiche del remo internazionale ed anglosassone per lo svolgimento della 74ª edizione dell'Head of the River Race, in programma a Londra, sul Tamigi, sabato 25 marzo e con il primo via alle 11.30 (12.30 ora italiana).
Una regata che può vantare lo svolgimento della prima edizione già nel lontano 1926 (non fu disputata solo durante gli anni della II Guerra Mondiale), riservata ai Club ed alle Università inglesi ed europee.  La "Head", com'è chiamata dai canottieri londinesi, in 73 edizioni è sempre stata vinta da equipaggi inglesi, ad eccezione del 1993 e 1994 in cui primeggiò la Nazionale tedesca e nel 1995 quella olandese grazie alla sua formula tutta particolare che prevede la partenza degli equipaggi nell'ordine d'arrivo conseguito l'anno prima: formula che in gran parte ha permesso ai sudditi di Sua Maestà di continuare negli anni a vincere l'Head con equipaggi che potevano vantare la presenza a bordo di atleti come gli inossidabili Redgrave, Pinsent e Cracknell. Presenze importanti che, in alcune edizioni, hanno fatto la differenza sugli stessi armi inglesi.
Affascinante anche il percorso lungo 4¼ miglia, circa 7000 metri, compreso tra i ponti Chiswick (partenza) e Putney  (arrivo) che richiama ad ogni edizione più di 40.000 spettatori. Tra i 420 equipaggi ammessi alla gara la presenza italiana è stata, negli anni, sempre qualificata per la presenza di vogatori d'eccezione come i fratelli Abbagnale, che con il loro otto si piazzarono nelle primissime posizioni, l'ammiraglia della Sisport Aviazione, che si piazzò al secondo posto, per finire ai giorni nostri con le Fiamme Gialle che, nell'edizione 2005, si sono piazzate al 3° posto conquistando l'Overseas Trophy, il primo posto della classifica per equipaggi non inglesi. Un equipaggio quest’anno al via con l’obiettivo di migliorare il piazzamento 2005 e che partirà in terza posizione dietro al Leander Club di Henley e all’Imperial, il College di Londra sotto i cui colori gareggerà l’otto romano dell’Aniene (Mornati Carlo e Niccolò, Leonardo, Frattini, Dentale, Palmisano, Porzio, Trombetta, forse la new-entry p.l. Luini) guidato però non dal titolare e viceiridato 2005 Iannuzzi, ma da una timoniera (Abbie Stephenson, già cox di Oxford nella Boat Race 1995).
Oltre a quelli citati, con il numero 7 partirà l'armo della Società Canottieri Lario Sinigaglia che tenterà di mantenere la posizione conquistata lo scorso anno con il contributo del campione del mondo Daniele Gilardoni. In 13ª posizione partirà il Cus Pavia allenato da Vittorio Scrocchi, ancora un equipaggio italiano che ha l'intenzione di vincere la classifica riservata alle Università non inglesi; in 53ª posizione, new entry per la Head, partirà l'equipaggio dell'Olimpica Salerno, di Massimo Schiavone, con l'intento di avvicinarsi il più possibile alle prime posizioni. Ultimo equipaggio italiano a partire, in 376ª posizione, è quello della Società Canottieri Varese del Presidente Franco Ruspini, che avrà un bel da fare nel sorpassare gli equipaggi che si dovessero attardare davanti a loro. Grande fermento nel canottaggio italiano, quindi, che sempre più spesso partecipa con equipaggi di club a regate internazionali segno di rinnovato vigore del remo italico.

Gli equipaggi Italiani con relativo ordine di partenza:
2° – Imperial Londra/Aniene (Carlo e Niccolò Mornati, Raffaello Leonardo, Pierpaolo Frattini, Dario Dentale, Mario Palmisano, Lorenzo Porzio, Mattia Trombetta, forse la new-entry p.l. Elia Luini, Abbie Stephenson, timoniera inglese già cox di Oxford nella Boat Race 1995).
3° - Fiamme Gialle (Catello Amarante, Sergio Canciani, Alessio Sartori, Paolo Loriato,Simone Venier, Matteo Stefanini, Luca Agamennoni, Dario Lari, timoniere Vincenzo Di Palma).
7° - Società Canottieri Lario Sinigaglia (Andrea Fornasiero, Guido Frigerio, Iginio Zamburlini, Massimo Colombo, Alois Mascetti, Fulvio Luppi, Federico Banfi, Vittorio Molteni - tim inglese).
13° - Cus Pavia (Paolo Grugni, Emanuele Vicentini, Federico Ucci, Riccardo Fasoli, Roberto Scrocchi, Andrea Scotti, Matteo Amiconi, Salvatore Germano, timoniere Peter Hawaort).
53° - Associazione Sportiva Olimpica Salerno (Fabio Pappalardo, Paolo Salzano Massimiliano Santopietro, Carmine Cuomo, Edgardo Amendola, Domenico Savo, Pietro Lalia, Donato Fiore - timoniere inglese).
376° - Società Canottieri Varese ASD (Andrea Prina, Emilio Campiglio, Fabrizio Galetta, Giorgio Caresano, Alessio Montin, Mauro Nicora, Luca Mentasti, Fausto Prina, timoniere Hayley Fisher)


FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO
www.canottaggio.org
Ufficio Stampa
Tel. 06 - 36858694 – Fax 06 - 36858148
E-mail' comunicazione&[email protected]
 

Torna indietro