News

Coupe de la Jeunesse, le dichiarazioni dei protagonisti

domenica 31 Luglio 2016

Coupe de la Jeunesse, le dichiarazioni dei protagonisti

POZNAN, 31 luglio 2016

Gianluca Sorrentino (CN Stabia, argento nel quattro con): “E’ andata meglio di ieri, loro hanno una grande partenza, noi lo sapevamo e siamo partiti forte per stargli dietro, e ce l’abbiamo fatta fino ai 1000 metri. Lì la fatica per noi si è fatta sentire, mentre loro sono rimasti più costanti e da metà gara ai 1500 metri hanno preso quel vantaggio che si sono portati fino all’arrivo. Siamo comunque contenti della nostra gara”.

Adalberto Rinaldi (RCC Tevere Remo, argento nel quattro senza): “Siamo partiti più forte di ieri, perché noi andiamo bene sulla seconda parte di gara ma l’avvio non è il nostro meglio. La Gran Bretagna se n’è andata subito mentre gli svizzeri ci sono rimasti agganciati fino a oltre metà gara, noi però siamo stati bravi a non scoraggiarci e quando rinforzavano loro lo facevamo anche noi, così che siamo riusciti a mantenere la seconda posizione e a migliorare il bronzo di ieri”.

Carlo Franzoni (CN Posillipo, oro nel due senza): “Dopo il secondo posto di ieri, oggi volevamo vincere a tutti i costi. Siamo partiti veloci e non siamo mai stati dietro, e più allungavamo il colpo e più ci ritrovavamo avanti. Non potevo credere di essere fuori dal gruppo così presto, ma ci siamo riusciti, vincendo e prendendoci una bella rivincita sulla finale di ieri”.

Leonardo Macchi (ASD Canottieri Gavirate, bronzo nell’otto): “Siamo partiti bene, e anche se siamo stati terzi per tutta la gara, fino ai 1500 metri eravamo tutti lì. Poi nell’ultima frazione inglesi e ungheresi hanno attaccato, abbiamo provato a rispondere ma sembrava come se non ne avessero per contrastare i loro attacchi, ed è arrivato il bronzo”.