News / Società

Differenti nella vita, uguali nella sfida

lunedì 28 Aprile 2014

Differenti nella vita, uguali nella sfida

COMO, 28 aprile 2014 – Dal 25 al 27 aprile la Canottieri Lario ha condiviso con quattordici ragazzi e i loro accompagnatori provenienti da Evian (Francia) tre giornate di canottaggio sul lago di Como. I ragazzi francesi erano parte normodotati e pari numero portatori di handicap mentale; in questo modo sulle barche ogni atleta disabile poteva fare affidamento su di un compagno che lo seguisse durante il percorso. Il loro affiatamento non ha mai fatto emergere alcuna difficoltà: questo è merito dei loro accompagnatori e educatori, garanti di educazione e disciplina encomiabili.

Nella giornata di venerdì la Canottieri Lario ha accompagnato le imbarcazioni degli amici francesi da Como a Carate Urio. Sulla nostra imbarcazione con me e Paolo Cortelazzo l’onore di avere Luca Varesano, campione di valore internazionale nel pararowing, il nostro allenatore Fausto Panizza al timone, Federico Tiranti, nostro atleta con disabilità mentale che, per la prima volta, ha vinto la paura di remare sul lago: una gioia per lui e per me, Fausto e Paolo, a coronamento dei tanti allenamenti fatti con il suo preparatore Jaroslav Rocek sempre in vasca-voga e remo ergometro.

Sabato Paolo Cortelazzo ha diretto la tratta fino a Lezzeno. La sua disponibilità ed esperienza mi ha fatto molto piacere: stare al suo fianco è motivo di apprendimento e rinforzo del mio approccio al mondo del canottaggio: dall’alto della sua esperienza, nascosta da una umiltà di rara bellezza, ha sfrondato le mie paure di non essere in grado di essere pronto ad ogni evenienza. Il mio sincero ringraziamento a lui per la sua presenza preziosa. Ben presto anche per gli amici francesi Paolo è diventato il loro punto di riferimento.

Devo ringraziare le Società di Carate Urio (dove due ragazze/atlete si sono improvvisate custodi delle nostre barche per la notte) e di Lezzeno: Stefano Molinari e i suoi collaboratori hanno offerto riparo alle barche e ristoro agli atleti tutti, alla fine della seconda tappa.

Domenica invece il maltempo ci ha costretto a saltare la terza percorrenza fino a Menaggio: allora presso la nostra sede di Como abbiamo pranzato insieme e fatto le foto di rito, a commiato di questa fine settimana bellissima. Ci siamo lasciati con la promessa di andare noi la prossima primavera da loro a Evian a remare: ci prepareremo.

Un ringraziamento al vice presidente Leo Bernasconi che ci ha accolto in sede con ossequiosa amicizia e disponibilità, dando a tutti dapprima il benvenuto e poi, a fine manifestazione, regalando il libro della Canottieri Lario per i 120 anni di fondazione della nostra Società; a tutti la nostra T-shirt sociale.

Paolo Tornari

Sponsor e Partner

Partner istituzionali

CONI
logo-comitato-italiano-paralimpico-1
ICS
INAIL