News / Società

Varesano, record e titolo tricolore a Catania

lunedì 21 Gennaio 2013

Varesano, record e titolo tricolore a Catania

COMO, 21 gennaio 2013 – Inizia nel migliore dei modi il 2013 della Canottieri Lario, con un titolo italiano un argento e un bronzo nel primo appuntamento tricolore dell’anno. I successi arrivano da Catania dove la sezione adaptive rowing (canottaggio per disabili) della Canottieri Lario “G. Sinigaglia” ha partecipato al Campionato italiano di Indoor Rowing. Quattro iscritti e tre medaglie, meglio di così non poteva andare per la spedizione del Lago di Como con gli allenatori Jaro Roceck e Fausto Panizza, che è anche terapista dell’Istituto Villa Santa Maria di Tavernerio, da sei anni partner della Lario nel progetto adaptive rowing. Ma torniamo a Catania. L’oro al remoergometro arriva dall’azzurro Luca Varesano, campione italiano uscente e bronzo mondiale 2011.

Per Luca è arrivato anche il record italiano nella categoria Lta id (disabili mentali) davanti al gaviratese Carlo Del Verme suo avversario di sempre e staccato al traguardo di oltre 14 secondi. “Luca voleva il record italiano che era di 3’26″7 e ha ottenuto il risultato con uno splendido 3’24″3 – dice il terapista e allenatore Fasto Panizza – Ormai è un atleta completo. Purtroppo l’assenza di competizioni internazionali per la categoria alla lunga potrà essere un problema. Spero che il neopresidente Giuseppe Abbagnale che dovrebbe aver scelto il commissario tecnico della categoria adaptive pensi anche ai mentali. Con il canottaggio abbiamo avuto ottimi risultati sui nostri ragazzi di Villa Santa Maria”.

E l’istituto di Tavernerio della presidente Gaetana Mariani dovrà fare posto in bacheca anche per un altro alloro, l’argento della baby Desireé Bassi, di soli tredici anni. La Bassi ha avuto ragione dell’azzurra Marta Sapia e di Giorgia Indelicato, una che ha partecipato a tre Mondiali, cedendo alla distanza solo alla fortissima Elisabetta Tieghi. “Ha fatto una gara strepitosa – dice ancora Panizza – pensavamo potesse arrivare il quarto posto e avevamo impostato la gara su questi tempi, ma quando mancavano 500 metri Desireé mi ha detto “ci provo” e così il quarto posto è diventato uno splendido argento grazie a un finale strepitoso. Tenete conto che anche a livello di peso Desireé è molto più leggera delle sue avversarie e questo è un handicap sul remoergometro”. Ma non è finita, a Catania la Lario aveva portato anche due atleti della categoria disabili fisici e il giovane Andreas Rmitelli ha portato a casa un bellissimo bronzo con un 3’21″10 dietro ad Airolo e Schettino, nono posto per Antonio Clemente. E’ sempre Panizza a commentare ed elogiare la prestazione di Andreas. La storia del suo incidente aveva commosso la Lario e ora la società di viale Puecher festeggia il suo nuovo campione. “Ha fatto una gara perfetta, ma permettetemi di elogiare anche il suo comportamento – dice Panizza che a Catania ha rimediato pure l’influenza – si tratta di un ragazzo educato e disponibile, che mi ha aiutato molto durante la trasferta, devo proprio ringraziarlo”.

Da Como il commento entusiasta arriva da Enzo Molteni, confermato presidente della Lario nell’ultimo consiglio direttivo. “Con tutto il direttivo e il presidente di sezione, dottor Paolo Tornari crediamo molto nel progetto disabili, indipendentemente da questi successi che comunque danno linfa e visibilità alla pratica del canottaggio con chi ha problemi fisici o mentali”.
 

Paolo Annoni – Ufficio Stampa Canottieri Lario G.Sinigaglia

 

Sponsor e Partner

Partner istituzionali

CONI
logo-comitato-italiano-paralimpico-1
ICS
INAIL