News

Europei: Risultati e resoconti FINALI

domenica 16 Settembre 2012

Europei: Risultati e resoconti FINALI

VARESE, 16 settembre 2012 Giornata conclusiva di gare agli Europei di Varese: a partire dalle 10:47 sono in programma le finalissime per l’assegnazione dei titoli continentali.
Telecronaca diretta delle regate su RaiSport2 dalle 10:45 alle 14:15 e su Eurosport dalle 11 alle 12:15. Repliche su RaiSport1 dalle 18:30 a mezzanotte e trenta e su Eurosport dalle 17:30 alle 19.

Questi gli orari degli azzurri:
FINALI B: alle 9:31 il quattro senza (Di Costanzo, Castaldo, Liuzzi e Ponti); alle 9:39 il due senza (De Vita e Palmisano); alle 10:03 il doppio PL (Barbaro e Mulas); alle 10:27 il singolo donne (Laura Schiavone); alle 10:35 il quattro di coppia femminile (Marzari, Basadonna, Paccagnella e Torsellini).
FINALI A: alle 10:47 il due senza (Wurzel e Bertolasi); alle 11:02 il doppio donne (Pollini e Colombo); alle 11:47 il doppio (Sartori e Battisti); alle 12:02 il doppio leggero femminile (Milani ed Sancassani); alle 12:32 il quattro senza leggero (De Maria, Goretti, Zaharia e Dell’Aquila); alle 12:47 il quattro di coppia maschile (Cagna, Baluganti, Miccoli e Rambaldi); alle 13:47 l’otto femminile (Wurzel, Magnaghi, Patelli, Colombo, Bascelli, Bertolasi, Palma, Marasca, tim. Cesarini); alle 14:02 l’otto (Perino, Vicino, Sansone, Frattini, Paonessa, Capelli, Canciani e Tranquilli, tim. D’Aniello).
 

FINALI A

Otto Maschile
Dopo la gioia delle donne, la festa degli uomini. Anche qui l’Italia (Paolo Perino, Giuseppe Vicino, Leopoldo Sansone, Pierpaolo Frattini, Mario Paonessa, Vincenzo Capelli, Sergio Canciani, Andrea Tranquilli, tim. Enrico D’Aniello) parte nelle retrovie ma riesce a recuperare bene chiudendo tra gli scroscianti applausi del pubblico, un po’ come se fosse terminata un’esibizione alla Scala. Ai 1000, Romania e Repubblica Ceca non sono più in grado di ferirci, ai 1500 anche l’Ucraina crolla. Gli azzurri mettono alle corde anche la Gran Bretagna, giù dal podio perché sfiancata anche dalla Repubblica Ceca. Sorpasso e Polonia nel mirino: sarebbe probabilmente troppo per oggi ed infatti i polacchi, per 1”34, conquistano il titolo europeo. Italia seconda, anche qui, nell’otto ma prima nel medagliere. Grazie azzurri, grazie azzurre, grazie Varese. ARGENTO ITALIA!

1) POL (Marcin Brzezinski, Maciej Mattik, Mikolaj Burda, Piotr Hojka, Zbigniew Schodowski, Michal Szpakowski, Krystian Aranowski, Rafal Hejmej, Daniel Trojanowski) 5’33″23, 2) ITA (Paolo Perino, Giuseppe Vicino, Leopoldo Sansone, Pierpaolo Frattini, Mario Paonessa, Vincenzo Capelli, Sergio Canciani, Andrea Tranquilli, Enrico d’Aniello) 5’34″57, 3) CZE (Kornel Altman, David Jirka, Jakub Podrazil, Michal Horvath, Jan Pilc, Milan Dolecek Jr, Petr Melichar, Matyas Klang, Martin Suma) 5’35″23, 4) UKR (Anton Kholyaznykov, Viktor Grebennykov, Ivan Tymko, Sergiy Biloushchenko, Valentyn Kletskoy, Andriy Pryveda, Artem Moroz, Sergii Gryn, Oleksandr Konovaliuk) 5’35″27, 5) GBR (Mason Durant, Peter Robinson, Thomas Clark, Lance Tredell, Oliver Cook, Fred Gill, Matthew Gotrel, Scott Durant, Henry Fieldman) 5’35″91, 6) ROU (Marius-Vasile Cozmiuc, Ciprian Duduta, Ionel Strungaru, Stefan Nica, Petru Codau, George Palamariu, Cristi-Ilie Pirghie, Florin Curuea, Florin Stefan) 5’43″06

Otto Femminile
Dopo il quarto posto nella regata per l’assegnazione delle corsie, le azzurre Claudia Wurzel, Sara Magnaghi, Alessandra Patelli, Giada Colombo, Gabriella Bascelli, Sara Bertolasi, Gaia Palma ed Enrica Marasca (tim. Federica Cesarini) vogliono esser puntuali all’appuntamento con la storia. Dopo la prima medaglia di un’Ammiraglia femminile, quella di bronzo nella categoria Junior a Plovdiv, serve realizzare un’altra impresa. La tattica di gara è sempre la stessa. Partenza molto prudente, Italia sesta dopo i primi 500 metri alle spalle. Piano piano, le azzurre rimontano con il loro passo deciso ed una palata sicura. Via la Russia, poi Ucraina e la Gran Bretagna. Italia terza e tutt’altro che sazia. La Romania è lontanissima, meritatamente conquista il titolo europeo. L’Italia supera anche la Bielorussia e vola verso una nuova straordinaria medaglia. ARGENTO ITALIA!

1) ROU (Roxana Cogianu, Viorica Susanu, Cristina Grigoras, Irina Dorneanu, Georgeta Andrunache, Andreea Boghian, Rodica Serban, Ioana Rotaru, Talida-Teodora Gidoiu) 6’06″94, 2) ITA (Claudia Wurzel, Sara Magnaghi, Alessandra Patelli, Giada Colombo, Gabriella Bascelli, Sara Bertolasi, Gaia Palma, Enrica Marasca, Federica Cesarini) 6’17″66, 3) GBR (Leonora Kennedy, Claire Mckeown, Monica Relph, Victoria Meyer-Laker, Yasmin Tredell, Zoe Lee, Caragh Mcmurtry, Olivia Carnegie-Brown, Zoe De Toledo) 6’18″31, 4) BLR (Katsiaryna Shliupskaya, Hanna Haura, Katsiaryna Bakhankova, Anastasiya Skrobut, Natallia Helakh, Tatsiana Kukhta, Hanna Nakhayeva, Anastasiya Fadzeyenka, Yaraslava Paulovich) 6’18″55, 5) UKR (Oksana Golub, Olena Iashna, Nina Proskura, Tetiana Kolesnikova, Nataliia Huba, Svitlana Novichenko, Natalia Ryzhkova, Anna Kontseva, Anna Gaidukova) 6’20″95, 6) RUS (Yulia Inozemtseva, Oxana Strelkova, Anastasia Karabelshchikova, Aleksandra Fedorova, Tatiana Afinogenova, Anastasia Tikhanova, Elizaveta Tikhanova, Anastasia Zhukova, Ksenia Volkova) 6’21″86

Quattro di coppia Femminile

1) UKR (Kateryna Tarasenko, Nataliya Dovgodko, Olha Hurkovska, Yana Dementieva) 6’26″44, 2) POL (Kamila Socko, Joanna Leszczynska, Sylwia Lewandowska, Natalia Madaj) 6’28″42, 3) ROU (Ionelia Zaharia, Ioana Craciun, Camelia Lupascu, Nicoleta Albu) 6’29″98, 4) RUS (Vasilisa Kostygova, Evgeniya Soldunova, Ekaterina Potapova, Maria Krasilnikova) 6’32″42, 5) AUT (Katharina Lobnig, Michaela Taupe-Traer, Magdalena Lobnig, Lisa Farthofer) 6’39″30, 6) NED (Kirsten Wielaard, Janneke Van Der Meulen, Dominique Van Der Pauw, Femke Dekker) 6’52″94

Singolo Femminile

1) LTU (Donata Vistartaite) 7’36″26, 2) SRB (Iva Obradovic) 7’39″87, 3) EST (Kaisa Pajusalu) 7’41″81, 4) RUS (Julia Levina) 7’47″03, 5) NOR (Tale Gjoertz) 7’49″50, 6) BUL (Luiza-Mariya Rusinova) 7’55″33

Singolo Maschile

1) LTU (Mindaugas Griskonis) 6’57″56, 2) CRO (Damir Martin) 6’57″63, 3) BUL (Georgi Bozhilov) 6’59″71, 4) GBR (Graeme Thomas) 7’04″91, 5) BEL (Tim Maeyens) 7’07″22, 6) HUN (Peter Galambos) 7’10″39

Quattro di coppia Maschile
Essere in finale è già un bel traguardo per la barca di Gabriele Cagna, Matteo Baluganti, Bernardo Miccoli e Luca Rambaldi. Gli azzurri concludono la loro gara, vinta dall’Estonia davanti a Ucraina e Slovenia, al sesto posto restando a contatto con la Repubblica Ceca per oltre mille metri. Poi, accusando anche la fatica delle gare precedenti, non riescono a rimanere a contatto con i loro avversari. ITALIA SESTA

1) EST (Andrei Jamsa, Allar Raja, Tonu Endrekson, Kaspar Taimsoo) 5’47″91, 2) UKR (Yuriy Ivanov, Ivan Futryk, Olexandr Nadtoka, Ivan Dovgodko) 5’51″18, 3) SLO (Gasper Fistravec, Jan Spik, Jernej Markovc, Matej Rojec) 5’52″01, 4) RUS (Vladislav Ryabcev, Viacheslav Mikhaylevskiy, Igor Salov, Sergey Fedorovtsev) 5’53″03, 5) CZE (Petr Buzrla, Adam Sterbak, Martin Basl, Jan Andrle) 5’55″53, 6) ITA (Gabriele Cagna, Matteo Baluganti, Bernardo Miccoli, Luca Rambaldi) 5’59″02

Quattro senza Pesi Leggeri Maschile
Metà gara in fase di tessitura per la barca di Alin Zaharia, Martino Goretti, Luca De Maria ed Armando Dell’Aquila. Sono secondi, a 64 centesimi, dietro una motivatissima Gran Bretagna. L’attacco portato avanti dall’Italia dà i suoi frutti ai 1300 ed il terzo parziale di gara si conclude con Dell’Aquila e compagni avanti di quasi un secondo. Gli inglesi non si danno per vinti ma l’equipaggio italiano brilla per tenacia e determinazione. E’ fantastica la chiusura di Alin, Martino, Luca ed Armando. Semaforo rosso per la GBR, la festa è ancora tutta nostra davanti allo splendido pubblico di Varese! E’ oro! Medaglia di bronzo per la Serbia, staccata di 4″54 dagli azzurri. ITALIA CAMPIONE D’EUROPA!

1) ITA (Luca De Maria, Martino Goretti, Petru Zaharia, Armando dell’Aquila) 6’00″92, 2) GBR (Sam Scrimgeour, Adam Freeman-Pask, William Fletcher, Jonathan Clegg) 6’01″74, 3) SRB (Nikola Selakovic, Milos Stanojevic, Nenad Babovic, Milos Tomic) 6’05″46, 4) POL (Sebastian Krajewski, Adam Mrotek, Tomasz Zagorski, Pawel Cieszkowski) 6’08″57, 5) GER (Thomas Wichelhaus, Christopher Herpel, Daniel Wisgott, Stefan Wallat) 6’12″63, 6) RUS (Dmitry Ashchin, Mikhail Belikov, Yuriy Pshenichnikov, Evgeni Sinitsin) 6’14″71

Doppio Pesi Leggeri Maschile

1) GRE (Panagiotis Magdanis, Spyridon Giannaros) 6’21″58, 2) POR (Pedro Fraga, Nuno Mendes) 6’22″27, 3) GBR (Chris Boddy, Michael Mottram) 6’23″34, 4) AUT (Paul Sieber, Bernhard Sieber) 6’23″41, 5) FRA (Thomas Baroukh, Fabrice Moreau) 6’26″85, 6) UKR (Stanislav Kovalov, Igor Khmara) 6’32″66

Doppio Pesi Leggeri Femminile
Laura Milani ed Elisabetta Sancassani transitano al terzo posto dopo i primi 500 metri. Il ritardo dalla Grecia, medaglia di bronzo, è addirittura pari a 3”52 ma pian piano le azzurre rientrano in gioco nella lotta per il titolo continentale. Rosicchiano mezzo secondo e superano le polacche Renc e Deresz a metà gara ed ai 1500 alla Grecia resta un solo secondo di margine. Laura ed Elisabetta sono grintose, hanno la giusta rabbia agonistica per imporsi: a 250 metri dal traguardo, si concretizza la rimonta. L’Italia approfitta del calo di Giazitzidou e Tsiavou, va al comando e festeggia dopo il traguardo uno straordinario capolavoro. E’ oro per le sensazioni Laura ed Elisabetta. ITALIA CAMPIONE D’EUROPA!

1) ITA (Laura Milani, Elisabetta Sancassani) 6’53″39, 2) GRE (Christina Giazitzidou, Alexandra Tsiavou) 6’57″62, 3) GBR (Ruth Walczak, Imogen Walsh) 6’58″87, 4) POL (Agnieszka Renc, Weronika Deresz) 7’05″20, 5) BLR (Alena Kryvasheyenka, Irina Liaskova) 7’08″65, 6) AUT (Christina Sperrer, Sara Lambing) 7’13″73

Doppio Maschile
Buon avvio per la Croazia di Martin e Valent Sinkovic, tallonati dai polacchi Wasielewski e Chabel. Alessio Sartori e Romano Battisti desiderano regalare un grande risultato alla loro gente, ai tifosi italiani seduti sulle tribune del lago di Varese. Sono terzi dopo i primi 500 metri, quarti a metà gara perché i norvegesi Hoff e Borch li sorpassano. Splendida terza frazione per Alessio e Romano: passano dal quarto al secondo posto, a 2”21 dalla Croazia, e continuano ad attaccare. E’ una sfida tra vicecampioni olimpici: l’Italia mette paura ai croati chiudendo a 92 centesimi dal titolo europeo. Ben fatto, un altro bel secondo posto dopo le Olimpiadi. ARGENTO ITALIA!

1) CRO (Martin Sinkovic, Valent Sinkovic) 6’14″25, 2) ITA (Alessio Sartori, Romano Battisti) 6’15″17, 3) NOR (Nils Jakob Hoff, Kjetil Borch) 6’17″78, 4) LTU (Rolandas Mascinskas, Saulius Ritter) 6’19″15, 5) SRB (Marko Marjanovic, Aleksandar Filipovic) 6’19″26, 6) POL (Konrad Wasielewski, Wiktor Chabel) 6’28″58

Due senza Maschile

1) NED (Rogier Blink, Mitchel Steenman) 6’28″00, 2) ESP (Alexander Sigurbjonsson Benet, Pau Vela Maggi) 6’29″17, 3) SRB (Nenad Bedik, Nikola Stojic) 6’31″50, 4) GBR (Kieren Emery, Matthew Tarrant) 6’33″86, 5) POL (Wojciech Gutorski, Jaroslaw Godek) 6’35″77, 6) HUN (Domonkos Szell, Bela Simon Jr) 6’46″33

Quattro senza Maschile

1) GRE (Nikolaos Gkountoulas, Apostolos Gkountoulas, Georgios Tziallas, Ioannis Christou) 5’56″03, 2) ROU (Marius-Vasile Cozmiuc, George Palamariu, Cristi-Ilie Pirghie, Florin Curuea) 5’57″37, 3) SRB (Milos Vasic, Radoje Deric, Miljan Vukovic, Goran Jagar) 5’58″72, 4) ESP (Jesus Gonzalez Alvarez, Noe Guzman Del Castillo, Marcelino Garcia Cortes, Antonio Guzman Del Castillo) 5’59″12, 5) BLR (Vadzim Lialin, Dzianis Mihal, Stanislau Shcharbachenia, Aliaksandr Kazubouski) 6’02″54, 6) FRA (Julien Despres, Germain Chardin, Sebastien Lente, Adrien Hardy) 6’06″45

Doppio Femminile
Bella partenza per le azzurre Giulia Pollini e Giada Colombo. Sono seconde, a 1”94 dalla Bielorussia, dopo i primi 500 metri. Sul passo riescono a staccare leggermente la Romania, con le bielorusse Kukhta e Shliupskaya brave a prendere il largo, ma poi Bursuc e Cojocariu attaccano l’Italia e superano. E’ una situazione momentanea, il carattere di Giada e Giulia si vede in quest’occasione: le azzurre non si disuniscono, rispondono per le rime e tornano a impossessarsi della seconda posizione. Nel finale rinforzo importante e chiusura in 7’02”20. Bielorussia campione d’Europa e bravissime Giada e Giulia! ARGENTO ITALIA!

1) BLR (Tatsiana Kukhta, Katsiaryna Shliupskaya) 6’58″94, 2) ITA (Giulia Pollini, Giada Colombo) 7’02″20, 3) ROU (Maria Diana Bursuc, Adelina Cojocariu) 7’03″67, 4) ESP (Anna Yuchenko, Nuria Dominguez Asensio) 7’04″38, 5) DEN (Mette Petersen, Anna Laybourn) 7’04″61, 6) POL (Agata Gramatyka, Karolina Gniadek) 7’08″08

Due senza Femminile
Partenza infuocata per le rumene Lupascu ed Albu. Addirittura 3”54 il vantaggio sulla Croazia e 4”24 sulla Gran Bretagna con l’Italia in sesta posizione. Non cambia la situazione nel secondo parziale di gara, poi Sara Bertolasi e Claudia Wurzel decidono che è il momento di attaccare. Superano la Turchia, passano avanti all’Ucraina. Ai 1500 il bronzo è lontano 4”15 ma non basta l’incessante sostegno del pubblico varesino per spingere la barca azzurra verso la medaglia. Passeggiata trionfale per la Romania, argento Gran Bretagna e bronzo Croazia. ITALIA QUARTA

1) ROU (Camelia Lupascu, Nicoleta Albu) 7’14″49, 2) GBR (Caragh Mcmurtry, Olivia Carnegie-Brown) 7’18″65, 3) CRO (Sonja Keserac, Maja Anic) 7’18″91, 4) ITA (Claudia Wurzel, Sara Bertolasi) 7’25″13, 5) UKR (Tetiana Stekolschykova, Viktoriia Vykhrist) 7’29″41, 6) TUR (Anca Luchian, Geanina Zlavog) 7’34″24

FINALI B

Singolo Femminile

1) ITA (Laura Schiavone) 7’48″62, 2) LAT (Elza Gulbe) 7’49″25, 3) UKR (Diana Dymchenko) 7’57″01, 4) GER (Julia Lier) 8’00″37, 5) FIN (Ulla Varvio) 8’00″99, 6) DEN (Tanja Ehlers) 8’02″66

Due senza Maschile

1) ITA (Giuseppe De Vita, Andrea Palmisano) 6’42″05, 2) GRE (Konstantinos Christomanos, Apostolos Lampridis) 6’46″31, 3) UKR (Oleg Lykov, Sergiy Chykanov) 6’49″11, 4) RUS (Sergei Babayev, Roman Veselkin) 6’51″62, 5) BUL (Teri Georgiev, Kristian Vasilev) 6’51″75

Quattro senza Maschile

1) SLO (Marko Grace, Ales Zupan, Grega Domanjko, Jure Grace) 6’09″13, 2) CRO (Drazen Culin, Niksa Skelin, Vitomir Cavrlj, Alen Banovac) 6’12″16, 3) ITA (Marco Di Costanzo, Matteo Castaldo, Emanuele Liuzzi, Simone Ponti) 6’14″56, 4) TUR (Ogeday Girisken, Muhammed Cansi, Selahattin Gursoy, Onat Kazakli) 6’15″70, 5) NED (Frank Van Der Ploeg, Thijs Ijsbrandy, Govert Viergever, Bob Van Velsen) 6’17″52

 

Sponsor e Partner

Partner istituzionali

CONI
logo-comitato-italiano-paralimpico-1
ICS
INAIL