Per le categorie junior e ragazzi la D’Inverno sul Po è la prima
 occasione per mettersi in luce


TORINO, 11 febbraio 2017 - È una gara di fondo che, per junior e ragazzi, non ha nessuna valenza per l’eventuale presa in considerazione da parte dei tecnici federali in vista degli impegni internazionali. Ma è l’occasione, in ogni modo, per mettersi in mostra, per cosi dire “io ci sono”, considerando che a Torino si trovano i due Capi Allenatore junior Valter Molea, uomini, e Massimo Casula, donne. Intanto oggi a vincere il doppio junior maschile è stata la formazione della SC Speranza Pra' (Alessio Bozzano, Edoardo Rocchi), primi davanti alla SC Esperia (Umberto Danusso, Gabriele Tobia), seconda, e al CC Lugano (Filippo Ammirati, Filippo Braido). Il doppio ragazzi maschile, invece, è stato vinto dalla SC Tritium (Samuele Fontana, Lorenzo Manigrasso) che ha staccato la SC Armida (Alessandro Fantechi, Lorenzo Demaria) di oltre ventisette secondi. Terzo posto ancora per il CC Lugano di Elia Bucci e Giulio Bosco.

Nella vogata di punta, il due senza junior maschile è stato vinto da Andrea Carando e Alberto Vincenti, della SC Cerea, che hanno dominato la gara mettendosi alle spalle Davide Comini e Simone Fasoli della Moto Guzzi, mentre la terza piazza è stata appannaggio della SC Limite che ha schierato Dario Iacopini e Elia Pucci. Nella stessa specialità, ma nei ragazzi maschili, vittoria per il Cus Ferrara, con Filippo Dinardo e Riccardo Venturi. Secondo posto per la SC Esperia (Mario Bonesi, Alberto Pantarotto) e terzo posto per la SC Armida di Giuseppe Barbagiovanni e Emile Sassi. Nelle donne l’oro nel doppio junior è stato vinto dal misto CT Aetna/Amici del Fiume (Giulia Mignemi, Silvia Crosio) davanti a SC Arno/SC Padova (Gaia Fabozzi, Chiara Giurisato) e SC Sampierdarenesi/SC Orbetello (Giuliana Marzocchi, Irene Scarinci). Sempre nel doppio ma tra le Ragazze, oro alla SC Baldesio (Marta Forte, Federica Cortesi), argento al CC Lugano (Fatimah Fernandez, Taina Krattinger) e bronzo alla Marina Militare (Dania Jaque, Dora Tufano).

Piero Cangialosi, del DLF Treviso, ha vinto il singolo junior maschile facendo da battistrada ad Alberto Zamariola (SC Cerea) e a Giulio Arcenese (CC Roma), rispettivamente secondo e terzo. Achille Benazzo (SC Cerea) è stato il protagonista indiscusso della gara del singolo maschile ragazzi per essersi imposto su Nicolò Carucci (SC Milano), secondo, e a Nicolò Marchini (Cus Ferrara), terzo. Il due senza junior femminile ha avuto un solo equipaggio iscritto ed è stato quello francese di Chambery che ha vinto su se stesso, mentre il due senza ragazzi femminile è stato vinto dalla formazione delle “Aquile di Mandello”, Ilaria Compagnini e Carolina Codega, prima davanti all’AC Monate (Matilde Giffoni, Sara Moja), seconda, e all’SC Limite (Eleonora Bedogni, Martina Fusco), terza. Nel singolo junior femminile podio tutto straniero con Chambery, primo, Thessaloniki, secondo, e CC Lugano, terzo. L’equipaggio di Thessaloniki ha vinto anche il singolo ragazzi femminile davanti alla SC Milano (Beatrice Giuliani) e a Laura Pagnoncelli (SC Tritium).


 

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Facebook - Twitter - Instagram

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.