Francesco Dapiran non è più "in barca"


TRIESTE, 19 aprile 2015 -

CIAO "CESCO"!

La Sezione di Trieste dell'Associazione Azzurri d'Italia, ed il canottaggio regionale e nazionale a lutto per la scomparsa, sabato pomeriggio, di Francesco Dapiran, una delle figure più carismatiche del remo italiano. Nato a Rovigno nel 1920, dopo aver iniziato a praticare il canottaggio nella cittadina istriana, una volta trasferitosi a Trieste proseguì l'attività remiera con i colori della Ginnastica Triestina. Dopo alcune stagioni proficue con vittorie ai Campionati in Tipo Regolamentare, ma anche in tipo libero, nel singolo, come nell'otto, nel 1948, dominò in campo nazionale nella specialità del doppio in coppia con Mario Ustolin, allenati da Pino Culot. Dapiran e Ustolin vinsero la preolimpica di Milano, e parteciparono di diritto ai Giochi Olimpici di Londra. Le gare sul campo di regata di Henley erano a tre equipaggi, sul fiume controcorrente, con le corsie esterne delimitate da pali di legno ed i galleggianti sull'acqua tenuti tra due pali. Dopo le batterie Dapiran e Ustolin andarono ai recuperi con il terzo migliore tempo. Quando erano in testa ai 750 metri un problema tecnico rallentò la corsa del doppio azzurro che perse contro la Danimarca che vinse poi l’argento in finale. Per i due triestini fu un più che onorevole 4° posto.

Il popolare “Cesco” nel 1949 intraprese la carriera di allenatore con i colori del Saturnia, contribuendo all'affermazione in campo nazionale ed internazionale di numerosi atleti, tra i quali il figlio Fulvio, più volte campione italiano ed azzurro pure lui. Proprio nella sua Saturnia conobbe Liliana, allora promettente vogatrice, che qualche anno più tardi sarebbe diventata sua moglie. Una carriera costellata di successi, che fece di Dapiran uno dei tecnici più apprezzati in Italia, nella preparazione di vogatori di assoluto livello, alcuni dei quali poi parteciparono a mondiali ed Olimpiadi. Dopo una breve parentesi alla Nettuno, alla fine degli anni '70, Francesco Dapiran rientrò al Saturnia dove concluse la sua carriera di tecnico, rimanendo sempre affezionato socio, seguendo quotidianamente le gesta degli atleti del club di viale Miramare.


Il Presidente federale Giuseppe Abbagnale, insieme al Consiglio ed a nome di tutto il canottaggio nazionale, esprime le più sentite condoglianze alla famiglia Dapiran per la scomparsa del caro congiunto.
 

     
     
   

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.