Qualificazioni Olimpiche a Lucerna: Risultati e resoconti BATTERIE


LUCERNA, 20 maggio 2012 - Tutto pronto a Lucerna (Svizzera) per la prima giornata delle qualificazioni olimpiche con sei barche azzurre in gara

Questi gli orari degli azzurri: alle 15.28 il doppio femminile (Colombo-Schiavone); alle 15.42 il doppio (Sartori e Battisti); alle 16.17 il singolo femminile (Elisabetta Sancassani); alle 16.38 il singolo (Domenico Montrone); alle 17.06 il doppio leggero donne (Bello e Milani); alle 17.55 la regata per l'assegnazione delle corsie del quattro di coppia femminile (Gabriella Bascelli, Giulia Pollini, Alessandra Patelli e Silvia Martin).


Doppio Pesi Leggeri Femminile
(primo in finale, gli altri ai recuperi)
Le tedesche Mueller e Noske conquistano il loro posto alla finale di martedì sera. E' pari a 3''97 il vantaggio sulle azzurre Erika Bello e Laura Milani in una sfida in cui al terzo posto si classifica la Polonia. Nella seconda batteria è invece l'Olanda di Sigmond ed Head a qualificarsi staccando di 2''40 le svedesi Fred e Knejp, di 4''64 le bielorusse Kryasheytenka e Liaskova. ITALIA AI RECUPERI
(b1)
1) GER (Lena Mueller, Anja Noske) 6'56"30, 2) ITA (Erika Bello, Laura Milani) 7'00"23, 3) POL (Weronika Deresz, Jaclyn Halko) 7'01"92, 4) SUI (Olivia Wyss, Eliane Waser) 7'10"96, 5) ESP (Teresa Mas De Xaxars Rivero, Laura Terradas) 7'13"20, 6) CZE (Klara Janakova, Marketa Pazderkova) 7'15"27
(b2)
1) NED (Rianne Sigmond, Maaike Head) 7'04"31, 2) SWE (Emma Fred, Kristina Knejp Christensson) 7'06"71, 3) BLR (Alena Kryvasheyenka, Irina Liaskova) 7'08"95, 4) AUT (Christina Sperrer, Sara Karlsson) 7'12"35, 5) FRA (Chloe Poumailloux, Eugenie Vince) 7'17"49, 6) RUS (Olga Arkadova, Natalia Varfolomeeva) 7'20"95

Singolo Maschile (primi due in semifinale, gli altri ai recuperi)
Lo sloveno Markovc ed il belga Mayens fanno il vuoto già nei primi 500 metri. Montrone, terzo, accusa già 3''57 di ritardo, ritardo che sale a ogni intermedio. Ai 1000, Mayens è primo con 5''10 su Markovc e quasi 10 secondi sul finanziere barese che capisce che è meglio non rincorrere un obiettivo irraggiungibile. Chiusura al quarto posto, dietro anche l'estone Latin. La semifinale passerà ora per il recupero di domani. ITALIA AI RECUPERI
(b1)
1) BEL (Tim Maeyens) 6'53"22, 2) SLO (Jernej Markovc) 7'00"90, 3) EST (Vladimir Latin) 7'04"54, 4) ITA (Domenico Montrone) 7'08"47, 5) MDA (Evgheni Sokirka) 7'25"16
(b2)
1) HUN (Peter Galambos) 6'52"58, 2) CRO (Mario Vekic) 6'53"66, 3) GRE (Dionysios Angelopoulos) 6'55"40, 4) SRB (Marko Marjanovic) 7'00"51, 5) RUS (Artem Kosov) 7'01"64
(b3)
1) POL (Michal Sloma) 6'57"22, 2) LAT (Janis Timofejevs) 7'00"35, 3) DEN (Henrik Stephansen) 7'02"30, 4) AUS (Jared Bidwell) 7'20"12, 5) UKR (Sergii Gumennyi) 7'44"37
(b4)
1) BUL (Georgi Bozhilov) 7'07"33, 2) SVK (Andre Redr) 7'27"92, 3) SAM (Bradley Jowitt) 7'35"68, 4) CYP (Valentinos Sofokleous) 7'59"95

Singolo Femminile
(primi due in semifinale, gli altri ai recuperi)
Inizia in salita il cammino di Elisabetta Sancassani a Lucerna. L'azzurra, in ripresa dopo un lungo stop per infortunio dopo il primo Meeting Nazionale di marzo, incassa un pesante distacco nei primi 500 metri e non riesce a stare al passo della serba Obradovic, già in evidenza nel corso del Memorial d'Aloja di aprile. Con lei, nella prima batteria, avanza anche l'estone Pajusalu. ITALIA AI RECUPERI
(b1)
1) SRB (Iva Obradovic) 7'27"70, 2) EST (Kaisa Pajusalu) 7'34"28, 3) GBR (Rachel Gamble-Flint) 7'40"83, 4) UKR (Nataliia Huba) 7'47"18, 5) ITA (Elisabetta Sancassani) 7'49"06, 6) SUI (Regina Naunheim) 7'53"94
(b2)
1) AUS (Kim Crow) 7'29"48, 2) USA (Genevra Stone) 7'32"00, 3) FRA (Sophie Balmary) 7'37"38, 4) POL (Agata Gramatyka) 7'41"15, 5) CYP (Anna Ioannou) 7'48"99
(b3)
1) DEN (Fie Udby Erichsen) 7'32"66, 2) IRL (Sanita Puspure) 7'35"85, 3) NOR (Tale Gjoertz) 7'35"88, 4) LAT (Elza Gulbe) 7'53"35, 5) BUL (Luiza-Mariya Rusinova) 7'58"28

Doppio Maschile (primi tre in semifinale, gli altri ai recuperi)
Alessio Sartori e Romano Battisti superano senza alcun problema il primo turno delle qualificazioni olimpiche. Partono bene in partenza, lasciandosi alle spalle i proprio avversari, e tengono la gara in pugno sino all'arrivo tagliato dopo 6'24''91. Quasi due secondi il margine sugli statunitensi Stitt ed Anderson, terza la Cina. Più lenta la seconda batteria, dove i lettoni Sire e Adamaitis si qualificano assieme a Repubblica Ceca e Russia. Più veloce la terza, firmata dall'Azerbaigiàn su Ucraina e Polonia. ITALIA IN SEMIFINALE
(b1)
1) ITA (Alessio Sartori, Romano Battisti) 6'24"91, 2) USA (Samuel Stitt, Warren Anderson) 6'26"76, 3) CHN (Ruoqian Yin, Wei Kang) 6'28"81, 4) SVK (Lukas Babac, Richard Vanco) 6'49"89, 5) GEO (Giorgi Motiashvili, Lasha Motiashvili) 6'57"28
(b2)
1) LAT (Lauris Sire, Dairis Adamaitis) 6'27"13, 2) CZE (Martin Basl, Jan Andrle) 6'28"71, 3) RUS (Nikael Bikua - Mfantse, Maxim Zhemaldinov) 6'30"44, 4) SRB (Aleksandar Filipovic, Dusan Bogicevic) 6'32"73, 5) EGY (Moustafa Fathy, Nour El Din Hassanein) 6'34"80
(b3)
1) AZE (Aleksandar Aleksandrov, Boris Yotov) 6'23"16, 2) UKR (Dmytro Mikhay, Artem Morozov) 6'23"21, 3) POL (Wiktor Chabel, Piotr Licznerski) 6'24"83, 4) ISR (Oleg Gonorovski, Dani Fridman) 6'40"72

Doppio Femminile (primi due in finale, gli altri ai recuperi)
Sono Laura Schiavone e Giada Colombo a inaugurare a esordire sul ribollente bacino del Rotsee. Sono seconde dopo i primi 500 metri, a 1''89 dall'Olanda di Janssen ed Hogerwerf, e mantengono la posizione per buona parte del percorso tenendo bene dietro la Grecia di Nikolaidou e Diamanti. Ai 1500, il distacco è praticamente invariato: 1''67 dalle olandesi, con le greche che iniziano a farsi sotto. Si spegne, purtroppo, la luce nell'ultimo quarto di gara. Le avversarie di Giada e Laura hanno una marcia in più, azzurre costrette domani a una prova supplementare per centrare la finale.
Nell'altra batteria, come da programma, passa agevolmente il turno la barca americana con la Spagna a sprintare, con successo, assieme alla Danimarca per il secondo posto. ITALIA AI RECUPERI
(b1)
1) NED (Inge Janssen, Elisabeth Hogerwerf) 6'56"39, 2) GRE (Aikaterini Nikolaidou, Eleni Diamanti) 6'58"55, 3) ITA (Laura Schiavone, Giada Colombo) 7'01"30, 4) HUN (Krisztina Gyimes, Katalin Szabo) 7'05"03, 5) SUI (Sarah Zurbruegg-Greenaway, Nora Fiechter) 7'05"35
(b2)
1) USA (Margot Shumway, Sarah Trowbridge) 6'59"97, 2) ESP (Anna Yuchenko, Nuria Dominguez Asensio) 7'02"10, 3) DEN (Lisbet Jakobsen, Anne Andersen) 7'02"27, 4) FIN (Ulla Varvio, Minna Nieminen) 7'05"45

Quattro di coppia Femminile (gara per l'assegnazione delle acque)
In vista della finale di martedì (ore 19), primo assaggio per le cinque imbarcazioni iscritte. L'Italia (Giulia Pollini, Alessandra Patelli, Gabriella Bascelli, Silvia Martin) si classifica al quarto posto (quinta dopo i primi 1000 metri) con un ritardo 10''35 dalle polacche e vicina alle francesi, terze, a 1''52. Martedì soltanto il primo equipaggio staccherà il biglietto per Londra 2012 in questa specialità.

1) POL (Kamila Socko, Joanna Leszczynska, Sylwia Lewandowska, Natalia Madaj) 6'27"41, 2) ROU (Nicoleta Albu, Mihaela Petrila, Andreea Boghian, Roxana Cogianu) 6'33"39, 3) FRA (Marie Le Nepvou, Myriam Goudet, Noemie Kober, Helene Lefebvre) 6'36"24, 4) ITA (Giulia Pollini, Alessandra Patelli, Gabriella Bascelli, Silvia Martin) 6'37"76, 5) RUS (Yulia Chagina, Maria Krasilnikova, Evgeniya Soldunova, Julia Kalinovskaya) 6'39"08


ALTRI RISULTATI

Quattro senza Pesi Leggeri Maschile (primo in finale, gli altri ai recuperi)
(b1)
1) NED (Roeland Lievens, Timothee Heijbrock, Vincent Muda, Tycho Muda) 5'57"55, 2) USA (Anthony Fahden, William Newell, Nick La Cava, Robin Prendes) 6'00"47, 3) BRA (Thiago Almeida, Joao Borges Junior, Celio Dias Amorim, Ailson Silva) 6'12"53, 4) CHI (Rodrigo Munoz Santibanez, Fabian Oyarzun Zbinden, Felipe Oyarzun Zbinden, Felipe Leal Atero) 6'13"14, 5) RUS (Mikhail Belikov, Dmitry Ashchin, Ivan Kudryavtsev, Evgeni Sinitsin) 6'13"67, 6) ARG (Diego Gallina, Pablo David Mahnic, Nicolai Fernandez, Carlo Lauro) 6'20"97
(b2)
1) SRB (Nemanja Nesic, Milos Stanojevic, Nenad Babovic, Milos Tomic) 5'58"99, 2) ESP (Francesc Franch Bonet, Juan Zunzunegui Guimerans, Patricio Rojas Aznar, Marc Franquet Montfort) 6'02"12, 3) NZL (Duncan Grant, Graham Oberlin-Brown, James Lassche, Curtis Rapley) 6'05"20, 4) POR (Jorge Correia Carvalho, Ricardo Carraco, Diogo Pinheiro, Nuno Goncalves Coelho) 6'09"91, 5) JPN (Kenta Kotani, Ryo Iida, Yu Kataoka, Yoshinori Sato) 6'16"18

Doppio Pesi Leggeri Maschile (primi tre in semifinale, gli altri ai recuperi)
(b1)
1) HUN (Zsolt Hirling, Tamas Varga) 6'32"80, 2) BUL (Zlatko Karaivanov, Vassil Vitanov) 6'37"98, 3) AUT (Paul Sieber, Bernhard Sieber) 6'39"59, 4) SWE (Oskar Russberg, Dennis Bernhardsson) 6'46"99, 5) SLO (Jure Grace, Jure Cvet) 6'50"32
(b2)
1) AUS (Roderick Chisholm, Thomas Gibson) 6'26"56, 2) POL (Artur Mikolajczewski, Milosz Jankowski) 6'34"06, 3) IRL (Mark O'donovan, Niall Michael Kenny) 6'36"01, 4) TUR (Barbaros Gozutok, Huseyin Kandemir) 6'40"65, 5) ARM (Sargis Gharabaghtsyan, Makar Sargsyan) 7'10"88
(b3)
1) USA (Andrew Campbell Jr, William Daly) 6'24"40, 2) ESP (Arnau Bertran Sastre, Daniel Sigurjorsson Benet) 6'24"71, 3) SUI (Silvan Zehnder, Michael Schmid) 6'35"65, 4) CZE (Petr Cabla, Milan Viktora) 6'49"21


Quattro senza Maschile
(primo in finale, gli altri ai recuperi)
(b1)
1) CZE (Michal Horvath, Jakub Podrazil, Milan Bruncvik Jr, Matyas Klang) 6'54"87, 2) ROU (Marius-Vasile Cozmiuc, Alexandru Palamariu, Cristi-Ilie Pirghie, Florin Curuea) 7'02"11, 3) RUS (Anton Zarutskiy, Daniil Andrienko, Ivan Podshivalov, Alexander Kulesh) 7'08"06, 4) CRO (Karlo Udovicic, Marin Bogdan, Branko Begovic, Marin Begovic) 7'11"79
(b2)
1) FRA (Julien Despres, Benjamin Rondeau, Matthieu Moinaux, Benoit Brunet) 5'55"79, 2) ESP (Antonio Guzman Del Castillo, Marcelino Garcia Cortes, Noe Guzman Del Castillo, Jesus Gonzalez Alvarez) 5'56"16, 3) CHN (Leilei Wei, Zhonghua Li, Quanbao Yang, Yajun Li) 6'09"41, 4) UKR (Stanislav Chumraiev, Vitalii Tsurkan, Andriy Shpak, Pavlo Prykhodko) 6'22"65

Due senza Maschile (primo in finale, gli altri ai recuperi)
(b1)
1) POL (Wojciech Gutorski, Jaroslaw Godek) 6'24"08, 2) ESP (Alexander Sigurbjonsson Benet, Pau Vela Maggi) 6'24"43, 3) RSA (Lawrence Brittain, Shaun Keeling) 6'24"66, 4) BLR (Andrei Tatarchuk, Siarhei Varanoi) 6'38"57, 5) ROU (Ionel Strungaru, Ciprian Duduta) 6'43"43, 6) NOR (Truls Albert, Hans-Gunnar Grepperud Eikeland) 7'09"38
(b2)
1) FRA (Germain Chardin, Dorian Mortelette) 6'31"13, 2) CHN (Xiaobing Guo, Dongjian Li) 6'34"94, 3) ARG (Diego Lopez, Joaquin Iwan) 6'38"68, 4) CRO (Sinisa Skelin, Niksa Skelin) 6'39"92, 5) CZE (Jan Gruber, Jakub Makovicka) 6'54"93, 6) UKR (Anatoliy Vasylyev, Kyrylo Tarakanov) 7'00"01

Due senza Femminile (primi due in finale, gli altri ai recuperi)
(b1)
1) GER (Kerstin Hartmann, Marlene Sinnig) 7'17"96, 2) ARG (Maria Laura Abalo, Gabriela Best) 7'21"48, 3) BLR (Yuliya Bichyk, Natallia Helakh) 7'27"57, 4) AZE (Viktoria Nencheva, Iskra Angelova) 7'31"20, 5) NED (Wianka Van Dorp, Olivia Van Rooijen) 7'34"03
(b2)
1) CRO (Sonja Keserac, Maja Anic) 7'13"10, 2) FRA (Alice Mayne, Stephanie Dechand) 7'13"89, 3) CAN (Natalie Mastracci, Larissa Lagzdins) 7'14"24, 4) UKR (Anastasiya Prodan, Olena Iashna) 7'28"64


 
 

 

 

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.