Plovdiv: Le dichiarazioni degli azzurri dopo la 2^ giornata

PLOVDIV, 16 agosto 2012 -
Andrea Tranquilli
Andrea Tranquilli (due con): "Abbiamo provato a cambiare tattica di gara partendo più forti. Il risultato è stato buono, come il tratto centrale. Nel finale abbiamo accusato un po' il vento contrario. Dobbiamo risolvere qualche problemino di assieme nei cambi di ritmo, partenza e serrate, ma stiamo crescendo bene credo che sabato sarà ancora un'altra barca".

Armando Dell'Aquila (due senza PL): "Siamo partiti con la giusta dose di carica per capire meglio gli avversari, con un passo più lungo e controllato rispetto ieri. Dopo aver rotto il ghiaccio, ci serviva l'ingresso in semifinale. Ce l'abbiamo fatta. Domani altra gara ed altra storia".

Elisabetta Sancassani (singolo PL): "L'obiettivo di oggi era, dopo i primi 100 metri, allungarmi meglio al contrario di ieri dove ho remato di fretta e corta. Son riuscita a star più lucida pensando a ciò che Josy e Ciccio Esposito mi avevano raccomandato di fare. Abbastanza soddisfatta della mia gara perchè, anche quando l australiana ha cercato di infastidirmi, sono rimasta calma e lucida. Domani sarà tutta un'altra storia ma spero di farmi valere".

Tiziano Evangelisti (quattro di coppia Juniores): "E' stata una bella gara fin dall'inizio. Nei primi 1000 metri abbiamo cercato di consolidare la nostra leadership: buon vantaggio sull'Olanda e Romania, gli orange ci hanno attaccato ma noi abbiamo risposto bene all'attacco e man mano abbiamo incrementato. Siamo contenti".

Pietro Ruta (singolo PL): "Gara tirata nei primi mille metri, poi ho compiuto un allungo mantenendo il vantaggio fino alla fine. Negli ultimi 200 metro ho incontrato una bella folata che mi ha fermato ed accompagnato sino all'arrivo. Avversari? Sembra che più o meno siamo tutti sullo stesso piano a parte il danese. Io, piano piano, sto recuperando dato che in questi giorni non mi sentivo particolarmente in forma".

Jacopo Mancini (quattro con Juniores): "Rispetto a ieri c'era sicuramente più determinazione e voglia di vincere. Siamo partiti meglio e siamo passati in testa subito. Non abbiamo controllato perchè non sapevamo cosa aspettarci dagli altri equipaggi ed abbiamo cercato di esprimere tutto quello che avevamo. Adesso dobbiamo credere ancora di più in noi stessi ed affrontare uniti e determinati la finale A di sabato".

  

 

 

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Facebook - Twitter - Instagram

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.