La famiglia reale inglese in tribuna a Eton Dorney


LOCOG_logoLONDRA, 01 agosto 2012 - La famiglia reale britannica è intervenuta in forze a Eton per seguire la prima giornata di finale dei Giochi Olimpici. I principi William ed Henry hanno applaudito il due senza di Glover e Stanning, prima medaglia d'oro del GB Team alle Olimpiadi, e l'otto inglese, terzo dietro Germania e Canada. La storia sportiva della corona inglese è molto significativa. La principessa Anna, in sella a Goodwill a Montreal 1976, è presidente del Comitato Olimpico della Gran Bretagna, membro internazionale del CIO e del LOCOG, il Comitato Organizzatore delle Olimpiadi di Londra 2012.

La figlia Zara ha conquistato ieri l'argento negli sport equestri. Il principe William è appassionato di football, il principe Henry gioca regolarmente a pallanuoto. In tribuna, oggi, c'erano anche. Jeremy Hunt MP (Segretario di Stato per Cultura, Olympiadi, Media e Sport) Hugh Robertson (Ministro dello Sport) ed il Primo Ministro John Major. Anche il corridore statunitense Michael Johnson si è divertito a seguire le finali.

 

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Facebook - Twitter - Instagram

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.