Los Angeles 1984: inizia l'era degli Abbagnale


ROMA, 10 luglio 2012 - Il ventitreesimo anno olimpico bussa alla porta ma trova il mondo sportivo ancora una volta lacerato. L’Unione Sovietica non ha alcuna intenzione di dimenticare il boicottaggio che l’Occidente ha messo in atto nel 1980. Nessun Paese dell’area comunista – esclusa la Romania – si iscrive alle Olimpiadi di Los Angeles 1984; anzi l’URSS organizzerà nella sua capitale, imperdonabilmente snobbata quattro anni prima, dei contro-Giochi intitolati all’Amicizia fra i Popoli.

Il canottaggio italiano nel frattempo apre i mesi olimpici con una partnership particolare, quella fra remo ed ecologia, una sorta di collaborazione per cui i canottieri diventano anche sentinelle di un mondo meno inquinato e più vivibile, sancito da un incontro fra il presidente della FIC d’Aloja ed il ministro dell’Ecologia Biondi.

D’altronde barche e remi attirano sempre più, pure per il successo mediatico che le gesta dei fratelli Abbagnale (si sta pensando a ricavare una fiction dalla loro storia) stanno avendo in tutti ceti sociali. Renato Rascel, il piccolo grande uomo di spettacolo, socio del Circolo Canottieri Roma, partecipa ai festeggiamenti del clan giallorosso per il successo del loro otto nel 7° Derby sul Tevere contro la Lazio. A Intra, sul Lago Maggiore, il presidente della Canottieri Pallanza, Vittore Cambiaggio, dà vita ad un’iniziativa che può essere considerata precorritrice di quello che poi sarà il movimento Adaptive: portare in barca i non vedenti.

Purtroppo il 1984 è l’anno in cui scompare Angelo Alippi, il tecnico della Moto Guzzi forgiatore delle straordinarie imprese sportive dei vogatori di Mandello Lario, soprattutto dei due successi olimpici nel 1948 e 1956. L’Italia remiera lo onora pochi mesi dopo la sua dipartita con un nuovo oro a cinque cerchi, quello di Giuseppe e Carmine Abbagnale (timonati sul 2 con da Giuseppe Di Capua) a Lake Casitas, il bacino californiano e riserva d’acqua potabile (sono rigorosamente vietati i tuffi, compresi quelli dei timonieri dopo la vittoria) a 100 km dalla sede olimpica di Los Angeles.

Nella stessa giornata che consacra i fratelli di Messigno, va a segno - a capovoga del 4 con britannico – Steve Redgrave che inizia così la serie di cinque medaglie d’oro consecutive in altrettante Olimpiadi, record tutt’ora imbattuto nel canottaggio.

Quindici giorni dopo vengono disputati a Montreal i Mondiali Pesi Leggeri con un altro alloro per il nostro doppio “sudista” (come gli Abbagnale) Verroca ed Esposito. Lì si manifestano i primi allarmanti sintomi del dramma che colpisce Paolo d’Aloja. Un incontrollabile tumore contro cui il grande dirigente romano lotta con commovente coraggio, operando senza sosta fino all’ultimo per il futuro del canottaggio italiano. Mentre il male lo bracca impietosamente, lui organizza a Roma un Congresso Straordinario della FISA per gennaio 1985, dà una prima sede al College Remiero di Piediluco (i futuri campioni sono ospitati a Labro nell’ex-Palazzo d’Estate dei marchesi Crispolti) e vola a Messina a fine novembre per essere acclamato, da un’Assemblea delle Società con le lagrime agli occhi, per la quarta volta presidente federale.

Muore a Roma il 19 dicembre, al suo funerale c’è il mondo sportivo italiano al completo con in testa il presidente del CONI Franco Carraro ed il feretro è portato a spalle dai campioni azzurri, davanti a tutti gli Abbagnale.


Enrico Tonali



Nelle foto: Il podio del due con; il tabellone con la classifica finale del due con; i fratelli Giuseppe, Agostino e Carmine Abbagnale con papa' Vincenzo e mamma Virginia nella casa di Messigno (NA) 
 

Prossime Regate

  • Varese - 19/11/2017
    Regata Nazionale di Fondo 4x e 8+ RECUPERO GARA ANNULLATA DEL 05/11
    RISULTATI GARE
    PROGRAMMA GARE
  • Palermo - 19/11/2017
    Regata Regionale Promozionale di Coastal Rowing ANNULLATA PER PREVISIONE DI MALTEMPO SLITTATA AL 26/11

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.