Bled 1989: Lange passa ancora all'incasso


BLED, 29 agosto 2011 - Il polacco Borniewski, l’uruguagio Posse, il tedesco dell’est Lange, l’estone Iaanson, il ceco Chalupa ed il tedesco dell’ovest Haendle. E’ la finale del singolo maschile, anno 1989 a Bled, raccontata da Telecapodistria. Lange conferma tutto il suo valore vincendo il suo quarto titolo mondiale (il secondo consecutivo in singolo dopo Copenhagen 1987) dando continuità all’oro di Seul.

Vincerà ancora a Vienna 1991 e alle Olimpiadi di Barcellona 1992. Ad Atlanta, all’età di 32 anni nel 1996, salirà sul terzo gradino del podio diventando il quarto singolista, dopo Karppinen, Kolbe ed Ivanov, ad andare in medaglia in tre edizione dei Giochi Olimpici.  
 

 

Prossime Regate

  • Casale Monferrato - 20/01/2019
    Campionato Piemonte Indoor Rowing
  • Olbia - 20/01/2019
    Regata Regionale Fondo Remiamo in Gallura
  • Pisa Navicelli - 26-27/01/2019
    Campionato Italiano di Gran Fondo e Regata Nazionale di Gran Fondo

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.