Il 4 di coppia senior della Marina Militare
Vincere per sognare…

In occasione della quinta prova del campionato italiano di gran fondo, svoltasi a Sabaudia in una giornata soleggiata, incontriamo sul palco delle premiazioni l’equipaggio della Marina Militare di Sabaudia. Nella gara, nelle acque amiche, i ragazzi del quattro di coppia senior hanno ipotecato la vittoria finale con una grande prestazione. Con Berra, Sancassani, Scala e Cascone ci fermiamo a parlare della gara odierna e delle prospettive future.

Con la vittoria di oggi avete ipotecato il titolo?
“Sicuramente abbiamo fatto un passo in avanti, ma ancora manca l’ultima tappa. Oggi puntavamo a distanziare il più possibile i nostri avversari più vicini in classifica, l’equipaggio Sampierdarenese. Era importante fare bella figura nella tappa di casa.”

Quali difficoltà, ha presentato la gara di oggi?
“La gara di oggi non era facilissima. Noi eravamo il primo equipaggio a partire, avevamo il vantaggio di non incorrere nei gorghi creati dalle barche che ti precedono, ma lo svantaggio di non avere un raffronto visivo degli avversari. Un altro punto cruciale nel quale si sarebbe potuta decidere la gara era al giro di boa, in quel punto si possono guadagnare molti secondi, ma anche perderli. Per il resto siamo riusciti a mantenere il nostro ritmo a 32 colpi e tutto è andato bene.”

Questo è il primo campionato, nel quale gareggiate insieme?
“Si e comunque tre di noi sono costantemente impegnati con i raduni della nazionale e quindi molte volte capita di allenarci poco insieme. Grande merito del successo di oggi va sicuramente al nostro allenatore Giovanni Lepore, che in pochi giorni è riuscito ad assemblarci e a farci rendere al meglio.”

Siete tutti atleti che sono saliti sul podio ai mondiali, come riuscite a trovare gli stimoli in queste gare “minori”?
“Prima di tutto grazie alla passione per questo sport. Ogni gara è un occasione per divertirsi. Per vincere i mondiali, o andare alle olimpiadi bisogna prima di tutto far bene nelle gare nazionali.”

A proposito di Olimpiadi, andrete a Pechino quest’estate?
“Mah…tre di noi questa settimana hanno il raduno con la nazionale. L’impegno da parte nostra ci sarà, ma è difficile. Andare alle olimpiadi sarebbe il coronamento di un sogno; due di noi che già hanno preso parte alla spedizione di Sydney nel 2000, possono confermare che è un emozione indescrivibile.”

Sicuramente gli obiettivi di questo equipaggio sono ambiziosi. Augurandogli buona fortuna. Gli sforzi sono tutti concentrati alla conquista nella vittoria finale nel campionato italiano gran fondo, con un piccolo pensiero nel cuore e nella testa… Pechino 2008...

Roberto del Pozzo
Ufficio Stampa comitato regionale Lazio

   
Torna indietro