Alla leggenda del canottaggio rumeno, Elisabeta Lipa la più alta onorificenza: la Medaglia Thomas Keller

ROMA, 26 maggio 2008 - Elisabeta Lipa, l'atleta più medagliata del canottaggio femminile, sarà premiata per la sua eccezionale carriera con la medaglia Thomas Keller 2008 che le varrà consegnata durante una cerimonia al Lago Rotsee di Lucerna, domenica 1 giugno, in occasione delle finali delle seconda prova di Coppa del Mondo 2008.

La prestigiosa carriera della Lipa abbraccia un arco di oltre 20 anni durante i quali ha gareggiato sia nelle specialità di coppia che in quelle di punta. La sua prima medaglia d'oro Olimpica è giunta a Los Angeles nel 1984 vinta nel doppio all'età di diciannove anni. A venti anni di distanza, vale a dire ai Giochi Olimpici di Atene 2004, la Lipa si è messa al collo la sua quinta medaglia d'oro Olimpica, un'impresa eguagliata in campo maschile solamente da Sir Steven Redgrave della Gran Bretagna. Durante questi venti anni la Lipa, che per due volte si è ritirata, ha gareggiato sotto due nomi (il suo nome da ragazza, Oleniuc, e quello da sposata, Lipa), e si è cimentata, come abbiamo detto, di coppia e di punta: singolo, doppio, otto, quattro senza, quattro di coppia, e due senza. Di lei si può semplicemente dire che è considerata una delle atlete polivalenti di maggior successo di tutti i tempi.

A seguito del suo ritiro ufficiale dalle competizioni dopo le Olimpiadi di Atene, ha dedicato il suo tempo alla carriera che la vede impegnata nelle Forze di Polizia rumena. La Lipa è stata chiamata anche a ricoprire il ruolo di membro della Commissione Atleti della FISA, incarico questo che la porta di nuovo a cavalcare le scene del canottaggio internazionale.

Elisabetta Lipa resta un modello di ispirazione per le giovani atlete, specialmente in Romania dove il suo nome è famoso e pronunciato con onore.

La medaglia a 18 carati Thomas Keller sarà consegnata ad Elisabetta Lipa da Dominik Keller, figlio del defunto Thomas Keller, domenica 1 giugno 2008 alle ore 13,00 prima dell'inizio delle finali pomeridiane delle gare di Coppa del Mondo di Lucerna, Svizzera.

La Medaglia Thomas Keller

E' il più alto riconoscimento per coloro che si sono distinti nel canottaggio. Viene consegnata in riconoscimento ad una carriera internazionale eccezionale unita ad un esemplare modello di sportività che ne fa di chi la riceve una leggenda.

Il premio porta il nome dello scomparso Presidente della FISA, Thomas Keller (Thomi). Nato nel 1924, Keller fu eletto presidente della FISA all'età di 34 anni ed è stato per questo il più giovane presidente di sempre di una federazione sportiva internazionale.

Dopo le Olimpiadi del 1988, Thomi Keller di sua iniziativa volle premiare con la Medaglia d'Onore FISA Peter-Michael Kolbe e Pertti Karpinen per onorare una delle più grandi rivalità nello storia dello sport e riconoscere il loro eccezionale talento e la loro sportività. Questo dette forma all'idea della Medaglia Thomas Keller che fu promossa dalla famiglia Keller a seguito della scomparsa di Thomi avvenuta nel 1989. Il primo a ricevere questo premio è stato il norvegese Alf Hansen nel 1990.

Ogni anno, il vincitore di questa Medaglia viene scelto dal comitato della Medaglia Thomas Keller, a seguito di un processo di candidature internazionali, che tiene fortemente in considerazione che i veri valori nei quali Thomi credeva fortemente siano presenti in chi riceve questo premio.

Ecco tutti i vincitori dell'ambito premio dal 1990 al 2007.

Alf Hansen (NOR)
Thomas Greiner (GER)
Yuri Pimenov (RUS)
Francesco Esposito (ITA)
Nikolai Pimenov (RUS)
Rolf Thorsen (NOR)
Giuseppe Abbagnale (ITA)
Carmine Abbagnale (ITA)
Jana Sorgers (GER)
Thomas Lange (GER)
Kerstin Koeppen (GER)
Roland Baar (GER)
Silken Laumann (CAN)
Kathleen Heddle (CAN)
Steve Refgrave (GBR)
Marnie McBean (CAN)
Peter Antonie (AUS)
Nico Rienks (NED)
Matthew Pinsent (GBR)
Agostino Abbagnale (ITA)
Mike McKay (AUS)


FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO
www.canottaggio.org
Ufficio Stampa
Tel. +39.335.6360335 – Fax +39.06.3685.8148
E-mail:
comunicazione&marketing@canottaggio.org
   
Torna indietro