Paralimpiadi Rio de Janeiro. Risultati e resoconti BATTERIE


RIO DE JANEIRO, 09 settembre 2016 -

QUATTRO CON LTA MIX
Prima batteria – il primo in finale gli altri ai recuperi: ed eccola la barca che, per quattro quinti, è tutta esordiente alle Paralimpiadi. Una barca che però può contare sull’esperienza di Florinda Trombetta (SC Milano), alla sua seconda Paralimpiade – a Londra si piazzò quinta sempre in quattro con LTAMix, e su quella olimpica maturata negli anni dal timoniere Peppiniello Di Capua (CN Stabia) bicampione olimpico nel due con insieme ai Fratelli Abbagnale. Una formazione molto recente che vede al numero due Luca Lunghi (CUS Ferrara), al numero tre Tommaso Schettino (CC Aniene) e al quattro Valentina Grassi (CC Roma). Gara subito di alto livello con la Gran Bretagna Campionessa Paralimpica in carica a fare il ritmo, ma l’Italia è attaccata e  transita ai 250 metri in seconda posizione alle spalle dei britannici. Nella seconda parte la barca azzurra subisce prima l’attacco del Sud Africa, che dalla quarta posizione si porta terza, e quello della Cina che, per tentare di raggiungere la barca inglese oramai imprendibile fa aumentare il ritmo di gara. La barca azzurra, invece, decide di mantenere il proprio ritmo e taglia il traguardo in quinta posizione in maniera da risparmiare energie per i recuperi in programma domattina, il pomeriggio in Italia. Il risultato: 1. Gran Bretagna 3.25.08, 2. Cina 3.29.66, 3. Sud Africa 3.30.04, 4. Australia 3.32.88, 5. Italia Valentina Grassi, Luca Lunghi, Florinda Trombetta, Tommaso Schettino, Giuseppe "Peppiniello" Di Capua-tim 3.37.37, 6. Zimbabwe 4.08.63.
Seconda batteria – il primo in finale gli altri ai recuperi: 1. USA 3:21.65, 2. Canada 3:24.69, 3. Germania 3:31.59, 4. Francia 3:32.04, 5. Ucraina 3:33.25, 6. Austria 3:47.13

SINGOLO AS MASCHILE
Prima batteria – il primo in finale gli altri ai recuperi
: 1. Ucraina 4.44.70, 2. Cina 4.59.61, 3. USA 5.00.57, 4. Brasile 5.05.12, 5. Olanda 5.07.20, 6. Kenya 5.35.53
Seconda batteria – il primo in finale gli altri ai recuperi: Sarà pure esordiente ai Giochi Paralimpici ma Fabrizio Caselli, in arte e per chi lo conosce bene “Miscé”, non teme nessuno e, anche se in batteria affronta Tom Aggar e Erik Horrie, rispettivamente, Campione Paralimpico a Pechino 2008 il primo e argento a Londra 2012 e campione iridato dal 2013 al 2015 il secondo, non vuole rimanere a guardare e parte subito in attacco a ridosso dell’Australia che ha sorpreso tutti e si porta al comando. Dopo trecento metri, mentre la barca aussie è sempre prima, Fabrizio perde il contatto col battistrada e transita quinto a metà gara. Solo uno passa e, quindi, le posizioni iniziano a delinearsi tantoché sul traguardo è sempre l’australiano Horrie a vincere davanti a tutti. Sul traguardo il portacolori della Canottieri Firenze, dopo aver ricuperato posizioni senza forzare più di tanto, è terzo ma dovrà affrontare i recuperi in programma domattina. Il risultato: 1. Australia 4.45.87, 2. Gran Bretagna 4.50.99, 3. Italia Fabrizio Caselli 5.10.02, 4. Lituania 5.10.24, 5. Corea 5.10.75, 6. Germania 5.27.77

SINGOLO AS FEMMINILE Prima batteria – il primo in finale gli altri ai recuperi: 1. Cina 5.21.04, 2. Israele 5.21.36, 3. Norvegia 5.26.07, 4. USA 5.48.69, 5. Sud Africa 6.05.03, 6. Ungheria 6.56.54
Seconda batteria – il primo in finale gli altri ai recuperi: e ci siamo, siamo all’esordio paralimpico dopo aver iniziato a remare solo nel 2014. Un traguardo raggiunto in un biennio e, come un seconda rinascita oggi Eleonora, atleta della Canottieri Napoli, disputerà la sua prima gara di canottaggio paralimpico scontrandosi subito contro la forte atleta Inglese, Rachel Morris, prima nella Coppa del Mondo di Poznan 2016 e seconda ai Mondiali di Aiguebelette 2015, che inizia subito a fare il ritmo di gara. L’Italia al passaggio di metà gara, dopo aver lottato nella primissima parte della regata, transita quinta. Dopo il passaggio dei 500 metri la Morris allunga ancora e, senza forzare, vince e va in finale mettendosi alle spalle la brasiliana Santos, sempre finalista nelle varie Coppe del Mondo negli ultimi anni. Terza, invece, la bielorussa Vauchok medaglia d’argento a Pechino 2008 e bronzo alle Paralimpiadi di Londra 2012. L’azzurra si piazza quinta, rimandando la possibilità di agguantare la finale durante i recuperi di domani. Il risultato: 1. Gran Bretagna 5.32.15, 2. Brasile 5.38.62, 3. Bielorussia 5.44.98, 4. Corea 5.47.85, 5. Italia Eleonora De Paolis 5.50.99, 6. Argentina 7.31.44


LEGENDA PARA-ROWING
LTA (LEGS–TRUNK–ARMS): l’atleta utilizza tutto il corpo: gambe, tronco e braccia. Appartengono a questa categoria atleti ed atlete non vedenti, amputati ad un arto o con altre minime disabilità fisiche.

AS (ARMS-SHOULDERS): l’atleta utilizza solo le braccia e le spalle. Appartengono a questa categoria tutti gli atleti e le atlete che hanno subito lesioni alla colonna vertebrale e compromesso l’uso delle gambe e del tronco.

  

Partners FIC

canottaggio.org
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma in data 12 giugno 2007 al n. 234
Direttore responsabile:
Claudio Tranquilli
Contatti: Tel. +39.3666879879 - e-mail:
ufficiostampa@canottaggio.org
Redazione: Luigi Mancini - Niccolò Bagnoli
Webmaster: Enrico Bozzello

Facebook - Twitter - Instagram - YouTube - Linkedin - Telegram

Federazione Italiana Canottaggio - V.le Tiziano, 74 - 00196 ROMA
P.Iva 01382091005 - C.F. 05267450582

Salvo accordi scritti, le collaborazioni a www.canottaggio.org sono da considerarsi del tutto gratuite e non retribuite. La Direzione si riserva il diritto di modificare la titolazione degli articoli e di fare gli opportuni tagli redazionali al materiale pervenuto dando a questo l'impostazione grafica ritenuta più opportuna. Gli articoli firmati esprimono le opinioni degli autori e non hanno riferimento con gli orientamenti ufficiali. Tutto il materiale inviato, anche se non pubblicato, non sarà  restituito.
E' autorizzata la riproduzione, anche parziale, sempreché venga citata la fonte
www.canottaggio.org e/o i vari credit fotografici dei collaboratori della testata.